Vai al contenuto

Pubblicità

Malavon

Membri
  • Numero contenuti

    20
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

0 Neutral

Su Malavon

  • Rank
    Nuovo utente

Contact Methods

  • MSN
    xxx
  • Website URL
    http://
  • ICQ
    0

Visite recenti

441 visite nel profilo
  1. Malavon

    Capire .....

    Ieri ho avuto un'altra seduta con la mia pisco, e quasi incazzata mi ha detto "guarda, io curo chi ha perduto la via e gliela faccio ritrovare, non chi sta bene a fargliela perdere, il tuo problema e che hai talmente paura che ti sei convinto di essere schizofrenico, hai letto tante cose che incosciamente le attui e pensi di avere realmente quel problema, purtroppo io non sono nessuna per convincerti del contrario e mai lo farò perchè è una cosa tua. Inoltre, chi mi dice che anche io sia sana mentalmente, forse non ti ho capito, ma non penso, vuoi andare da un altro specialista che magari ti dica che realmente sei malato per rassicurarti e per farti stare meglio con te stesso? mi dispiace, io non sono questo tipo di persona, ora, puoi andare anche via per me, abbiamo finito, cmq, io la settimana prossima sono quì, se decidi che vuoi dirmi qualcosa basta che mi chiami, non ti fisso appuntamento, ora sta a te iniziare ad affrontare le cose, perchè sei molto più intelligente di come vuoi sembrare, se solo ti conoscessi un po' di più ed avresti più fiducia in te stesso questi pensieri non te li faresti assolutamente. Fammi sapere" .... e mi mandò via dopo circa 30 minuti di seduta, dice che lei dietro alle mie paranoie non ci viene dietro, perchè mi ha detto sin dall'inizio che non ho nulla, perchè un paziente non va li' con la diagnosi e la terapia, cosa che invece feci io quando inizialmente ci andai. Cmq, stamattina mi è capitato che guardandomi allo specchio mi sono detto "mmm, come sono brutto, vuoi vedere che ora inizio ad avere paura di me stesso anche? sarà sicuramente qualche sintomo schizofrenico, e forse non mi guarderò nemmeno più allo specchio." questo mi genera ansia e lo dissi alla mia psico, lei mi disse "se decidi andare dall'altro mio collega (psichiatra) se stai male lui sicuramente ti darà i farmaci, ma se non stai male e ti convinci che te stai male, i farmaci a cosa ti serviranno?" .... ora mi trovo in un dubbio atroce perchè io ormai mi sono convinto di stare talmente male che non riesco ad avere attimi in cui non ci penso, magari quando sono con gli amici ed in giro ci penso di meno, ma quando sono a casa sto malisssimo per la maggior parte del tempo. Lei mi disse che sicuramente ha aumentanto questa mia svalutazione il rapporto con questa mia ex, in quanto io non credo molto in me stesso e tendo a svalutarmi subito ed è per questo che ho paura di tutto e non affronto le cose come dovrei farlo. Vorrei tornare a prima di Ottobre e riparare a questo mio stato attuale, ma voglio combattere e ritornare quello di prima, ma l'ansia è bruttissima quando si innescano simili pensieri.
  2. Malavon

    Capire .....

    Molto probabile, anche perchè mi sento come se fossi perduto, non mi sento parte di questo mondo ed è una sensazione strana, inoltre tutto questo mi capita a casa, quando esco ci penso poco perchè penso a divertirmi oppure a fare altro, però ogni tanto mi soffermo a pensarci e mi viene l'ansia. Cmq anche la mia psicologa dice che il mio cuore e la mia mente non sono connessi e spesso faccio purtroppo funzionare solo la testa ed è un grave errore, anche perchè mi fece due domande, mi disse: se ti diverti cosa fai, ed io: rido, se ti senti male e vuoi piangere cosa fai, ed io: nulla perchè se non ho un motivo ben specifico nel piangere non ne vedo nessuna ragione, non posso piangere per questi pensieri che sono assurdi, ma la mia paura e che mi portano al convicermi che magari e così e quindi sto sicuramente impazzendo, dopo questa affermazione sembrava contrariata, e mi disse che io dissocio le mie emozioni con la razione quando invece la maggior parte delle persona lascia la ragione come ultima cosa, dando spazio alle emozioni, inoltre vede in me come se fossi afflitto da un complesso di inferiorità, un qualcosa che non mi permette ancora di maturare adeguatamente e che quindi mi tiene a vivere in una sorta di mondo ancora adolescenziale, è strano, infatti non riesco a capire cosa mi stia succedendo, del perchè veda tutto in modo così strano, negativo, senza stimoli, come se ora non mi sentissi soddisfatto di qualcosa, pensa che durante il rapporto con la mia ex mi era venuta la fobia per i coltelli, che potessi perdere il controllo e fare del male ai miei e piangevo e stavo male, poi un bel giorno mi iniziai a fare strane domande sulla realtà ed ebbi un attacco di panico, in quel momento sparì la fobia per i coltelli e c'era questa nuova "ossessione", poi dopo pochi giorni questa ragazza mi lasciò e da allora non è stato altro che un declino, ho iniziato ad avere dubbi su tutti, anche sulle persone, e stavo malissimo, dal giorno in cui ci siamo lasciati sono trascorsi 3 mesi e non passa giorno in cui non la pensi e sto male, forse mi sono troppo affezionato a lei che il distaccamento o la paura di perderla era tale da cmq avermi scombussolato, da questi 3 mesi ho attraversato giorni difficili in cui vedevo tutto nero e cupo, a volte mi trascinavo nell'alzarmi dal letto, figurati delle volte, proprio in questi giorni, ho pensato che mai passerò da questa situazione e ogni tanto penso di farla finita, ma se lo facessi non farei altro che fare la solita stupidata, ma sinceramente ci sono delle volte che non sopporto di stare in questa situazione e rimpiango quando stavo "sereno".
  3. Malavon

    Capire .....

    Infatti mio io non fuggo ma lo affronto ed ogni volta che lo faccio mi ritorna in mente i momenti che ho passato con questa ragazza, sembrerà strano ma nel momento in cui ci penso tutte i dubbi "esistenziali" passano e si centrano proprio su quel rapporto che ora nn c'è più. Rain se puoi passarmi quegli appunti per PM o magari tramite contatto o non so cosa te ne sarei grato, anche perchè come dice la mia dottoressa io sono un ragazzo molto razionale e razionalizzo tutto, qualsiasi cosa, sono sensibile e guardo con introspezione tutte le cose che mi stanno intorno, non è un male anzi, è un bene perchè non tutti lo fanno, forse è perchè non ho mai accettato questo lato così critico di me. La cosa bella e strana che quando ci penso mi porta a guardare come in modo diverso il mondo che mi sta intorno, perchè alla fine mi sono chiesto, se veramente fossi pazzo o tendente allo schizotipo non dovrei nemmeno pensare e razionalizzare certi miei pensieri. Come hai detto te Rain, l'ansia è un circolo vizioso che una volta entrato nella ruota nel carro difficilmente si riesce ad uscire. Cmq quando ero piccolo e mi annoiavo di certe mie ossessioni nel momento in cui dicevo basta finivano, ma mi accorgo che questa è dura da combattere o sono io stesso a renderla dura, non mi sono mai trovato a dover combattere contro me stesso in questo modo, ed è la cosa più difficile da fare, forse lo sto facendo e non me ne rendo conto. Grazie per l'aiuto, Rain aspetto quegli appunti.
  4. Malavon

    Capire .....

    Salve a tutti, è da tanto che non venivo su questi forum. Tempo fa' qualcuno mi ha aiutato a capire alcune ansie e paura, ma dopo 5 mesi mi accorgo che la cosa si sta evolvendo e tutto mi fa paura. Ho iniziato da 2 mesi piscoterapia dicendo alla mia dottoressa che avevo paura di essere schizofrenico, dopo varie sedute mi aveva detto che la cosa era praticamente impossibile dato il mio attuale stato, mi ha ritenuto un soggetto ansioso e che praticamente non ho nulla. Gli ho raccontato dei miei pensieri, sul fatto che abbia paura della realtà che mi circonda, sul fatto che forse sia cambiata e che non sia come prima, a volte quando mi guardo intorno provo una sorta di terrore controllato e vado in ansia, mi capita quando ci penso, come se non mi sentissi più parte di questa realtà. Sto male e delle volte desidero piangere ma non ci riesco, resto attaccato ai ricordi di prima vedendo il futuro come buio e grigio. Inoltre ora la cosa si è alimentata anche con il fatto che penso che anche le persone che mi sono intorno siano cambiate e diverse, gli ho detto questo alla mia psicologa e quando mi ha chiesto "in che modo li vedi cambiate" non gli ho saputo rispondere, come se avessi paura in certo senso della figura umana, di non riuscirla più a concepire come prima, tutto questo mi porta ovviamente a pensare che sto generando in qualche psicosi. Mi consigliò all'inizio di non leggere più cose su internet ma la voglia di capire ed avere una risposta è tanta e non ci riesco, sono preso dallo sconforto e praticamente sto male per intere giornate. Vorrei effettivamente capire, anche perchè il tutto si è alimentato da quando sono stato lasciato dalla mia ragazza, mi vengono dubbi su tutto, mi pongo domande esistenziali ed ho paura, ho 24 anni e forse dovrei essere più maturo e affrontare la cosa in modo diverso che averne paura, ma non capisco e quindi non ci riesco. Cmq faccio tutte le mie cose tranquillamente, ma questo continuo chiedermi se tutto sia reale o meno se le persone siano vere, non so più cosa pensare ed ho paura. I dubbi sono tanti e la mia dottoressa dice che alla fine da lei non avrò risposte ma sarò io a darmi le risposte. Volevo chiedere a qualche dottore se magari è veramente qualcosa di patologico e dovrò temere il decorso in qualche malattia grave o è solo un periodo che sto attraversando che la stessa mia dotteressa afferma, aggiungo: a volte mi capita di pensare che forse non riesce a capire cosa abbia, mi accorgo di essere molto ipocondriaco però mi capita che ogni giorno non riesco a non pensare a queste cose, sono un soggetto ansioso ed ho paura per queste cose che penso, perchè nella mia mente si proiettano immagini che mi fanno pensare che il modo è realmente diverso e stia realmente cambiato e tutto questo mi genera ansia e paura. Qualcuno può aiutarmi? Grazie.
  5. Malavon

    Introspettività, un male o un bene?

    Non capita a tutti di farsi le grandi domande della vita, del perchè si esiste, del perchè in determinate circostanze o fasi della vita l'uomo si inizia a chiedere dei perchè, dei se e di ma? Perchè crescere, scavalcare quel muro che delimita l'adolescenza dall'essere uomini fa così male? Ci si guarda attorno ed avvolte si ha paura, ci si chiede se effettivamente si sta crescendo o diventando pazzi, se questa depressione è normale o è una tappa fondamentale per crescere e porre le basi degli uomini o donne che saremo un domani? Questo continuo stato d'ansia che ci circonda ogni giorno e come lo stesso Freud diceva "L'ansia è la virtù delle personi forti e fredde, molto calcolatrici anche di un minimo passo". Allora avvolte, prendendo spunto da questa frase si pensa: stiamo divenendo pazzi a farci tante domande? o forse siamo talmente lucidi che iniziamo ad analizzare la vita in modo differente e questo modo di analizzare le cose ci fa paura? In questo periodo io mi trovo in questa fase e mi sembra di impazzire, voi al riguardo cosa ne pensate? Forse pernsare in questo modo rende noi pazzi o sanissimi mentalmente? A voi la parola ora:)
  6. Malavon

    Ipocondria!

    Io ho avuto una delusione d'amore che sinceramente so che mi sta distruggendo. Non ho voglia di fare nulla per tutto il giorno e quando esco non provo piacere se non parlare dei miei stati d'animo ai miei amici. Sto quasi sempre a casa e quando mi guardo attorno ho paura, paura di analizzare in modo differente la realtà che mi circonda e sto sempre in ansia e nel panico. Ho messo una spunta per il giorno 28 di questo mese e non vedo l'ora di capire cosa mi stia accadendo, penso che sia depressione la mia dettata anche da una forte ipocondria. Non voglio assolutamente lasciare questa vita perchè io so' che tutto si risolve, ma molto spesso durante la giornata ho voglia di piangere. Sono confuso perchè non riesco a capire perchè penso di vedere le cose che mi circondano in modo differente. Mi escludo guardando la tv o stando d'avanti al pc, sembra che quando ne parlo con i miei mi riprendo ma quando sto da solo ho nuovamente paura. Mi capita di osservare tutto in modo strano e cado in ansia e nel panico. Forse come hai detto te sarò solo fissato ed il tutto è dettato anche dal fatto che sia ipocondriaco e che cmq continui a cercare risposte su internet e vari forum. Avvolte capita di stare meglio ma ci sono giorni in cui sto veramente male ed ho quasi paura di aprire gli occhi la mattina. Sarà veramente depressione dettata dalla delusione del rapporto che ho avuto per 6 mesi con questa ragazza? ... speriamo, perchè voglio assolutamente capire ma non ci riesco a darmi tutte le risp e se magari lo faccio sono assalito da mille dubbi.
  7. Malavon

    Ipocondria!

    mmm, ormai vi siete scocciati dei miei thread asd. Dai, fatemi sapere che sono curioso. Io magari ci scherzo anche ma vi giuro che è snervante avere pensieri ricorrenti per la testa. Magari se martinelli mi può dire qualcosa.
  8. Malavon

    nel pensiero?

    Alcuni la chiamanano "perspicacia", e ve ne possono essere di svariate, ad esempio come quelladi capire una persona che cosa magari stia pensando di te in quel momento.
  9. Malavon

    Le vittime del telefonino

    Anche io sono vittima non solo del cellulare, ma anche del pc, della tv. La notte se non ho la tv accesa non riesco ad addormentarmi. Forse il tutto è dettato anche da una lieve solitudine.
  10. Malavon

    Ipocondria!

    Cosa mi dite esattamente di questo tipo di "patologia"? Effettivamente vi possono essere molti ipocondriaci che fissandosi anche di avere una malattia mentale, o credendo addirittura di uscire pazzi, cadano spesso nel panico, nella testa vi è un continuo vortice di domande, di se, di ma, dove nessuna di essa riesce a trovare una risposta razionale. Questo è il mio caso. Effettivamente chi è ipocondriaco tende a parlare delle sua "malattia" cercando di liberarsene, ma ho letto che parlandone non si fa altro che generare altra ansia emotiva. Il problema è che nella testa ruotano tante domande, immagini spaventose, il soggetto sa che sono irrazionali e stupide, riesce a fare le cose che normalmente fa, ma sa che questi pensieri gli generano angoscia, ansia ed è come inprigioanto come un vortice vizioso. Come curare quindi chi soffre di Psicofobia? o delle paure in generale? Come si riesce ad uscire dal circolo vizioso di domande che l'ipocondriaco si fà?
  11. Malavon

    Ansia ... fissazioni, paura di tutto!

    Penso che sia appunto questo il fatto, il fatto che abbia cmq accumulato tantissimo stress in questi mesi con la mia ragazza, perchè cmq quando sto iniziando ad uscire con gli amici, parlo con i miei etc tutto mi passa, il fatto è quando torno a casa e sto d'avanti al pc che mi fisso, quindi penso che siano solo fissazioni dettate dal fatto che non ho più quegli interessi di prima all'infuori del pc e dello stare a casa. Penso che ora inizi quella lotta di trascinamento che bisogna fare. Grazie a tutti, alla fine avevo già razionalizzato su questo e mi siete serviti per confermare queste mie idee, ammettò che sarà dura ma alla fine quando si cade e ci si rialza si diventa anche più forti di prima. Penso che frequenterò questo forum anche per dare consigli a qualcuno. Grazie!
  12. Malavon

    Ansia ... fissazioni, paura di tutto!

    Il problema e che nella mia città le prenotazioni sono tutte fissate fino al 30 di questo mese, quindi fino ad allora devo razionalizzare da solo. Cmq mi capita spesso di avere un attacco di panico nel momento in cui inizio a pensare di distaccarmi dal pc e di guardarmi attorno, mi si gelano le mani e guardo le cose attorno in modo strano, inoltre, stamattina avevo tantissima voglia di piangere. Premetto che forse tutto questo è generato dal mio precedente rapporto con questa ragazza, ero molto stressato, nervoso per tante cose e per dei suoi atteggiamenti. Sono consapevole che la paura che ho è irrazionale, ma il pensiero che si fissa nella mia mente mi crea un sorta di forte disagio interiore. Soffro anche di cervicale, con capogiri, vertigini e conseguente abbassamento della vista. Penso che se avessi una grave patologia mentale non dovrei certamente pensare in questo modo. Ho fatto caso anche che gli attacchi di panico hanno una sorta di frequenza, solitamente si verificano verso ora di pranzo, intorno alle 13 circa, poi scompare e va via anche quello stato ansioso. Cmq la situazione scatenante è sicuramente il distacco dal pc al guardarmi attorno, mi sembra di vedere tutto in modo strano ed ho paura di questo, ho paura di uscire e che mi prenda un attacco di panico. Ieri sono andato via dall'università, sembrava quasi che stessi scappando e che stessi ricercando una sicurezza a casa. Ho paura di uscire di casa e di avere contatti con le altre persone ma so che cmq devo andare avanti e continuare a fare le cose che ho sempre fatto. Come ho già detto, durante il rapporto con questa ragazza, per circa 6 mesi, mi sono distaccato dalle mie normali cose, mi ha cambiato, non ridevo da molto e quando lo facevo sembrava quasi che mi sentissi male, è stato un rapporto difficile per moltissimi motivi e cmq ci stavo male e piangevo, io sono un tipo dark mentre lei è la classica tipa che va in discoteca etc, mi esaurivo perchè lei ha 17 anni ed io 24, mi sono affezionato purtroppo ad una persona che in realtà mi ha preso in giro per la sua ingenuità dettata appunto dall'età. Inoltre questa mia sorta di depressione è alimentata anche dal fatto che mia sorella si è sposata il giorno prima che mi mettessi con questa ragazza, quindi, forse tutto questo stress si è anche generato dal fatto che a casa manca cmq una figura a cui io tenevo moltissimo. Nonostante ci fosse un rapporto di odio/amore alla fine era pur sempre una figura di riferimento. Vivo le mie giornate come un senso di vuoto e quando mi distacco dal pc o dalla tv mi guardo attorno in modo strano. Vorrei solo capire se cmq, secondo qualche esperto, è un periodo di depressione che sicuramente passerà oppure soffro realmente di qualche patologia particolare. Grazie cmq per l'ascolto :)
  13. Malavon

    Ansia ... fissazioni, paura di tutto!

    Non penso sia questo, anche perchè cmq faccio tutte le cose in modo normale, forse è la paura di percepire il mondo che mi sta attorno in modo diverso, mi sento inutile perchè appunto non mi sento produttivo, mi guardo attorno e mi dico che ci sto a fare alcune volte, come se quasi trovo la fuga guardando la tv o addirittura stando d'avanti al pc. Premetto che sono anche un tipo molto ansioso e ipocondriaco e questo mi porta a fare mille pensieri. Inoltre sarà anche la bassa pressione di cui in questo periodo ne soffro, con continue cefalee e lieve vista alterata (porto gli occhiali) infatti la notte non vedo nemmeno benissimo per via dell'astigmatismo. Il tutto è nato così, in modo irrazionale, ero sereno, avevo la mia fobia di far del male a qualcuno e senza un motivo apparente mi giro per guardarmi attorno e mi sorge questa paura o senso di irrealtà, ma c'è da dire anche che ora guardo le persone in modo strano, come se non avessi più sicurezze persino nella mia famiglia, mi sento solo e so che devo reagire ma questo stato mi porta a non fare nulla e restare sempre chiuso in casa, avvolte chiamo degli amici o parenti, ci sentiamo e ci vediamo una volta alla settimana, ma per tutto il tempo resto chiuso in casa .... penso che sicuramente ho qualche tipo di patologia psichiatrica e mi annoio persino ad andare da uno specialista. Sono un ragazzo che alla fine non si è mai trovato a pensare queste cose e mi fa paura che improvvisamente lo faccia, infatti da febbraio che ho questo stato d'ansia opprimente, prima con le fobie di poter fare del male a chi mi sta vicino e poi con questa nuova fobia di non sentirmi reale, quando poi cmq faccio tutte le cose tranquillamente, ossia guardo la tv, leggo, sto al pc, e più mi informo di queste cose su internet più mi convinco di avere qualcosa. C'è da dire che sono anche raffreddato e ho perennemente le orecchie otturate, quindi sicuramente questo mi porta a non percepire come si deve il mondo che mi sta intorno ... bho, ho cercato di darmi delle risposte ma non ci riesco .... se magari qualche esperto potesse consigliarmi, io intanto cerco di uscire anche di più e riprendere la mia vita sociale di prima, ossia stare sempre in giro con gli amici, riprendere a studiare e divertirmi, cosa che da ottobre non faccio più e sto fisso chiuso in casa. Heeelp!!!
  14. Malavon

    Ansia ... fissazioni, paura di tutto!

    Quindi alla fine soffrire d'ansia porta automaticamente anche a paure irrazionali? anche perchè io so che sono paure irrazionali le mie, infatti mi guardo attorno ed inizio ad avere paura ma dopo un po' che non ci penso tutto mi passa, ma è la fase di terrore che mi prende quando mi inizio a fissare, come se mi convincessi automaticamente di avere paura delle cose che mi stanno intorno, di avere una percezione diversa della realtà, automaticamente cado nel terrore allo stato puro, e più mi fisso più cado nel panico e nel terrore, addirittura mi viene da piangere quasi. Ho letto delle cose sulla Bordenline ed ho ancora più pura di prima, non l'avessi mai fatto. Quindi vorrei cercare di capire se effettivamente sto uscendo pazzo oppure è semplice ansia e prima non me ne ero mai accorto di soffrirne. Grazie a tutto, ciao ciao.
  15. Malavon

    Ansia ... fissazioni, paura di tutto!

    Ma avvolte quando mi prende l'ansia sembra quasi di impazzire, vorrei solo capire da cosa dipende tutto questo, ossia, questo mio stato d'animo. Avvolte mi viene anche da piangere, come se avessi un nodo alla gola e mi giungono mille paure, sembra quasi che il cuore mi scoppi. Forse perchè alla fine sono un tipo che è anche troppo fissato sulle cose e più mi fisso più mi sento male :(
×

Important Information

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Privacy Policy.