Vai al contenuto

Pubblicità

Recommended Posts

Sono stata quasi un anno con un ragazzo...molto ambiguo. 32 anni.... All'inizio mi ha confessato quasi con vanto di essere un puttaniere, faceva risse, si vantava di essere temuto dalla gente perchè con i suoi amici erano conosciuti per essere un po' poco di buono, a volte faceva uso di sostanze e spaccio, e non chiedetemi perchè sapendo queste cose ho continuato, ma la sua bellezza e il fatto che sembrasse fermarsi con me mi ha attirata. In quel momento aveva un lavoro che ha poi perso in questi ultimi mesi. Mi sembrava sicuro di sè, il ragazzo da rimettere in riga. Molto strano, a tratti strafottente, a tratti più carino ma percepivo qualcosa di strano nella sua carineria, infatti poi ho scoperto dopo qualche mese che mi stava prendendo in giro,ossia andava anche con altre. era infastidito quando mi vedeva scherzare con altri e mi insultava magari da ubriaco, pur non fregandogliene niente di me e la stessa cosa ha fatto con altre ragazze, pur essendo queste ragazze facili, perchè lui ha sempre mirato a quelle,ragazze volgari e facili e la cosa mi ha sempre infastidito,tanto che è stato sempre uno dei problemi e degli argomenti principali del nostro rapporto. Da me si è avvicinato inizialmente perchè credeva io fossi vergine,oltre che una ragazza bella,seria, ben vista ecc ed ero una sfida per lui, questo me l'aveva detto poi.

Comunque un giorno una delle sue tr**e mi disse tutto e glielo sbattei in faccia. Scoperti i tradimenti squallidi,quando lo vidi dopo averlo insultato finsi indifferenza totale e mi facevo i fatti miei e la cosa l'ha fatto andare fuori di sè tanto che nei giorni successivi si è dichiarato innamorato e disperato. Da qui iniziò la nostra "storia".

Personaggio molto stupido dunque, che poi si modifica da ora in avanti ad ogni mio rimprovero,mi metteva su un piedistallo e ci credevo perchè comunque sapevo che come diceva lui una come me non l'avrebbe mai più trovata(bella be vista seria benestante elegante educata ecc) e lui lo riconosceva. Leggendo però su Internet dei narcisisti lo riconosco in questo perchè era bugiardo,anche se bugie di tradimenti non ne ho più scoperte,ma sempre tanta ambiguità, mi metteva alla prova a volte raccontandomi fatti che diceva essere accaduti e poi li negava, solo per vedere come reagivo, parlava di amore incondizionato che avrebbe voluto da parte mia, si era chiuso in casa senza vedere più gli amici perchè "lui era cambiato"(cosa secondo me sbagliatissima,infatti appena ha ripreso è tornato a fare lo stupido),egoista,non aveva mai voglia di fare niente con me,non ho mai sentito attrazione fisica da parte sua nei miei confronti,premeva sul mio lavoro e sul conoscere la mia famiglia ecc

ma non lo ritrovo nel narcisista per alcuni tratti: non era affascinante affermato ecc, ma solo bello,perchè per il resto era considerato un co*******, senza lavoro ecc. Ci credo realmente che per lui io fossi il massimo, quindi non solo come manipolazione da parte sua,ma sinceramente non troverà più una come me,perchè sono sttaa proprio stupida io a causa probabilmente della mia inesperienza. Non mi ha fatta innamorare come voleva ma io in tutta la storia l'ho disprezzato e insultato(lo so ho sbagliato) per il suo passato di donne e per quelo che faceva nel presente.E ora invece che da bravo narcisista avere un'altra vittima, sono convinta che sia in giro a fare lo scemo come prima che lo conoscessi(era single da anni infatti).

Mi chiedo quindi può essere un narcisista...o meglio un sociopatico? Ora che la cosa si è conclusa,perchè io non lo volevo o meglio lo disprezzavo e sono diventata veramente pesante tanto che pur avendo ragione alla fine si è stufato lui. Fino all'ultimo però pur non vedendoci più da tempo ma solo sentendoci continuava a insistere sul fatto che non andava con nessuna da tantissimi mesi(e nemmeno con me però,"per rispetto"), che lui avrebbe ripreso con me ma io non lo vedevo bene, che lui era cambiato e sembrava tenerci al fatto che io le vedessi bene. Poi lo vedo una sera provarci con una ragazza,almeno così sembrava, lo derido e lui si arrabbia furibondo e mi blocca da tutti i social. Da lì ho comunque saputo che ostenta addirittura la sua vita di nuovo tra discoteche bottiglie e sballo, e immagino anche donne. Un ragazzo di 32 anni senza lavoro,mi chiedo,che a tratti ha sempre riconosciuto di essere un fallito e frustrato, non si sente male all'idea di tornare a fare il co******* e andare a zoccole, dato che proprio per questo la nostra storia è andata male?

Che tipo di personalità è? A volte l'ho pensato maligno,cattivo,a volte debole, a volte non capivo niente. Adesso dopo la mia totale sparizione da qualche settimana da quando l'ho visto flirtare con una ragazza,mi aspettavo una reazione alla mia indifferenza,invece lui silenzio totale. Non gli importa più adesso che io lo vedo male(e fino a poche settimane fa sembrava invece che quella fosse l'unica cosa che gli importava?Si tratteneva dal fare cose pubblicamente almeno,che io potessi vedere o sapere come sono sparita invece ora sembra partito in quinta?b

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Pubblicità


Ciao, io non sono una terapeuta, ma per quello che ho sempre "sentito" in terapia e non è difficile stimare un 'etichetta' da un racconto da parte di terzi e non parlando direttamente con il soggetto. La tua percezione delle cose può essere diversa dai suoi reali atteggiamenti o meglio dai suoi reali pensieri. 

Quello che mi incuriosisce di più è capire perché ti interessa tanto etichettarlo? Se ti consola storie come la tua l'ha vissuta una mia cara amica, con conseguenze ben più peggiori, infatti si è ritrovata mamma single con lui in carcere scoprendo una rete di bugie e inganni da "doppia vita". Questo è uno dei tanti esempi, non sei la prima ne l'ultima che subisce il fascino della persona più sbagliata per la propria vita. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
22 minuti fa, Tris dice:

Ciao, io non sono una terapeuta, ma per quello che ho sempre "sentito" in terapia e non è difficile stimare un 'etichetta' da un racconto da parte di terzi e non parlando direttamente con il soggetto. La tua percezione delle cose può essere diversa dai suoi reali atteggiamenti o meglio dai suoi reali pensieri. 

Quello che mi incuriosisce di più è capire perché ti interessa tanto etichettarlo? Se ti consola storie come la tua l'ha vissuta una mia cara amica, con conseguenze ben più peggiori, infatti si è ritrovata mamma single con lui in carcere scoprendo una rete di bugie e inganni da "doppia vita". Questo è uno dei tanti esempi, non sei la prima ne l'ultima che subisce il fascino della persona più sbagliata per la propria vita. 

Be non è tanto peretichettarlo,quanto per capire con chi ho avuto a che fare. Ero convinta che specialmente per uno come lui che non ha niente nella vita io fossi realmente il meglio che potesse capitargli. E non mi capacito del perchè ha continuato ancora negli ultimi mesi a volermi convincere del fatto che fosse cambiato e gli spiaceva non essere visto bene da me,anche quando già lui mi cercava poco(negli ultimi mesi,dopo aver tra l'altro anche perso il lavoro,unica cosa positiva che aveva,oltre a me). E come abbia fatto ora da qualche settimana a bloccarmi e rimuovermi totalmente,ho anche saputo che ha ripreso a fare serate brave,e tutto. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao ;

più che etichettarlo, ti servono gli strumenti adatti per capire cosa é scattato dentro di te come meccanismo psicologico che cercava quel tipo di persona ?

Non si tratta di giudizi, ma la nostra storia personale si basa sulle caratteristiche dei nostri genitori e come costoro si sono rapportati con noi ( promesse non mantenute,piccoli tradimenti) e come noi stessi li riutilizziamo con nostri futuri partner o le caratteristiche comuni o opposte che ricerchiamo in essi.

 

1 Coazione a ripetere: ripetiamo la stessa storia fino a che comprendiamo cosa ci fa male e cambiamo o quantomeno la viviamo consapevolmente.

2 Meccanismo difesa: ciascuno adotta 1 a 3 meccanismi per proteggersi dal sentimento di  Solitudine esistenziale; generalmente 1  ma sen non funziona più , né mette in moto altri finanché trova il mix che lo mantiene lontano da quella sensazione. 

Suggerimenti lettura che trattano tema

 

PROFEZIA DI CELESTINO-redfiled james, corbaccio 1993

https://www.psicologionline.net/articoli-psicologia/articoli-psicologia-dintorni/532-meccanismi-difesa

 

Dreamer 93 non temere di essere strana, 90 % delle storie tra esseri umani é sottoposta a queste contraddizioni tra Dire e fare.., iniziano già dentro noi stessi tra quello che vorremmo fare e quello che che i condizionamenti sociali ci spingono a fare, immaginati cosa accade tra 2 persone che hanno alle spalle relazioni umane contrastanti !

Già nel nuovo testamento ci sono passaggi in questo senso  !  Lc 12,49-56 <Gesù causa di divisioni>>

ruben13

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Stai commentando come visitatore. Se sei registrato effettua l'accesso.
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.



×