Pubblicità

Sign in to follow this  
Followers 0
asiait

ODIARE LA MADRE

60 posts in this topic

secondo voi è possibile odiare una madre?..non parlo di un periodo transitorio, nè di una crisi adolescenziale; ho 24 anni e dacchè mi ricordo ho sempre odiATO IL SUO CARATTERE, IL SUO MODO DI PORSI NEI MIEI CONFRONTI, DI GIUDICARMI E CRITICARMI..NON LA SOPPORTO..ABBIAMO AFFRONTATO TANTE VOLTE QUESTO ARGOMENTO, MA QUANDO CI TROVIAMO IN DISACCORDO SU QUALCOSA(E CAPITA SPESSO) ECCO CHE METTE IL MUSO, CRITICA, URLA E NN VUOLE ASCOLTARE RAGIONI..NON CAPISCO SE SIAMO COSì UGUALI OPPURE MALEDETTAMENTE TROPPO DIVERSE..IL SUO MALUMORE CREA CASINI PER TUTTA LA FAMIGLIA POI..E TUTTO SI RIVOLTA CONTRO DI ME CHE VENGO CONSIDERATA LA SOLITA VIZIATA CAPRICCIOSA, RIBELLE. MI SENTO IMPAZZIRE, LO GIURO; CON MIO PADRE HO UN RAPPORTO COSì BELLO, CI CAPIAMO AL VOLO, NON ABBIAMO BISOGNO DI PARLARE E SI FIDA DI ME AL CENTO PER CENTO..PERCHè LEI è COSì? uLTIMAMENTE è STATA RICOVERATA IN OSPEDALE E, Sò CHE MAGARI SEMBRERà CRUDO, MA SONO STATA DA DIO CON MIO PADRE E LE MIE SORELLE..SPERAVO LA POTESSERO TRATTENERE DI PIù..E FORSE MI ODIO PER AVER PENSATO QUESTO..MA COM'è POSSIBILE?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Pubblicità


Per me è stato così fino a quando non sono andata via di casa.

Mi consolava il fatto che gli stessi genitori di mia mamma, non la capivano, e non la capiscono.

Tutti capiscono e compatiscono mio babbo...

Poi una volta andata a vivere per conto mio, ho smesso di pensare alei come la causa di ogni mio malessere.

Oggi, a distanza di anni, continuiamo a "guardare la tv e vedere due film diversi". E' un esempio che spesso uso per dire che di ogni evento passato, della famiglia, noto a tutti, lei ha un ricordo preciso e io precisamente un altro...

Però la vedo ogni due o tre settimane e questo mi permette di dire finalmente la mia vita è altro.

Anche io mi sentivo in colpa perché a volte la odiavo, ma era solo il protarsi di situazioni di forte incomprensione che portavano all'esasperazione dei sentimenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao, grazie per avermi risposto..vedi, anche io 6 anni fà sono andata a vivere fuori e torno solo d'estate o per le feste..ma è sempre uguale, sempre la stessa storia..10 giorni di tranquillità in cui mi illudo sia cambiata qualcosa, e poi il classico finimondo..ti giuro io ce la metto tutta ho cercato di smussare un pò quei lati del mio carattere che a lei proprio nn piacevano..ma nn c'è niente da fare; è come se provasse un piacere immenso nel cercare di schiacciarmi, nel ricordarmi continuamente che LEI è la mamma e IO la figlia..e nn può esserci altro.. Mi fa passare la voglia di essere contenta, di stare tranquilla.. di essere me stessa in pace con il mondo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Di dicevo che piano piano col distacco ho imparato, all'inizio mio malgrado, ad apprezzare anche i regali che mia mamma mi ha fatto.

Mio malgrado perché a volte qualcuno mi dice che le somiglio tanto e questo mi fa sempre arrabbiare, ma poi penso che la mia creatività, la mia voglia di fare cose mie e il coraggio di essere come mi piace... non posso averli presi da mio babbo...perché non è così.

E questa è la parte buona.

La parte meno buona che pure è un dato di fatto, è che mia mamma è una persona negativa: non è mai contenta fino infondo, si misura continuamente con me e con le mie scelte di vita, da la colpa al mondo per qualunque cosa nella sua vita non sia andata come sperava, non da ma nienete per niente e ha provato infinitamente ad insegnarmelo...

Cosa possiamo fare non lo so, per ora mi sono ripresa la mia vita, cerco di fare capire loro che se un giorno, saranno anziani, cercherò di aiutarli come loro hanno aiutato me quando ero più giovane, per il resto non mi aspetto di essere capita, mi basta che loro rispettino le mie scelte.

Da parte mia rispetto le loro e cerco di aiutarli se posso, in fondo hanno sempre fatto in modo che non mi mancasse nulla sul piano materiale e questo per me è già molto.

Ma non abbasso mai la guardia perché per loro è naturale entrare tipo catterpillar nella mia vita e questo non devono farlo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'è un'altra cosa che a volte mi chiedo, proprio perché certe cose si "ereditano", nostro malgrado da i nostri genitori, è il timore di avere comunque preso cetre negatività da mia mamma.

Spero tanto di no, lotto ogni giono per non dire e fare le cose che non mi piacciono di lei...

Forse a volte basta essere consapevoli per non fare certi errori, oppure non basta?

Share this post


Link to post
Share on other sites

non penso basti il solo fatto di esserne consapevoli, purtroppo. Cerco di ignorarla, ma nn ci riesco..perchè mi piacerebbe avere con lei un rapporto civile e sereno, come quello che ho con mio padre..ma nn ci riesco. Più mi sforzo più nn ci riesco.. ogni passo avanti è seguito da due passi indietro..non riesco ad essere tranquilla, mi sento tremendamente in colpa. Io nn vedo una soluzione, proprio nn la vedo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ehi asia e le altre tue sorelle?che rapporto hanno con tua mamma?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quello che dicevo è perché so per certo che quando un rapporto, o l'atteggiamento di qualcuno ci genera ansia è perché in qualche modo ci fa da specchio.

Ti faccio un esempio:

un collega di lavoro che non si preoccupa di fare un lavoro in tre ore se ne basterebbe una, o che ogni volta che finisce la cancelleria aspetta che sia qualcun'altro ad accorgersene, prima mi faceva arrabbiare da morire, poi ho capito che lui non è come me! Io faccio le capriole per fare sempre tutto presto e bene, per me è motivo di soddisfazione personale, vedere che per qualcuno questo è secondario mi dava sui nervi. Poi mi sono detta è diverso da me e basta. E non mi sono più arrabbiata.

Quello che dicevo prima è che forse mi arrabbio tanto con mia mamma perché in fondo ho paura di essere come lei e ogni giorno mi do da fare per non esserlo!?!

Lo so è un po' contorto...

Share this post


Link to post
Share on other sites
secondo voi è possibile odiare una madre?..non parlo di un periodo transitorio, nè di una crisi adolescenziale; ho 24 anni e dacchè mi ricordo ho sempre odiATO IL SUO CARATTERE, IL SUO MODO DI PORSI NEI MIEI CONFRONTI, DI GIUDICARMI E CRITICARMI..NON LA SOPPORTO..ABBIAMO AFFRONTATO TANTE VOLTE QUESTO ARGOMENTO, MA QUANDO CI TROVIAMO IN DISACCORDO SU QUALCOSA(E CAPITA SPESSO) ECCO CHE METTE IL MUSO, CRITICA, URLA E NN VUOLE ASCOLTARE RAGIONI..NON CAPISCO SE SIAMO COSì UGUALI OPPURE MALEDETTAMENTE TROPPO DIVERSE..IL SUO MALUMORE CREA CASINI PER TUTTA LA FAMIGLIA POI..E TUTTO SI RIVOLTA CONTRO DI ME CHE VENGO CONSIDERATA LA SOLITA VIZIATA CAPRICCIOSA, RIBELLE. MI SENTO IMPAZZIRE, LO GIURO; CON MIO PADRE HO UN RAPPORTO COSì BELLO, CI CAPIAMO AL VOLO, NON ABBIAMO BISOGNO DI PARLARE E SI FIDA DI ME AL CENTO PER CENTO..PERCHè LEI è COSì? uLTIMAMENTE è STATA RICOVERATA IN OSPEDALE E, Sò CHE MAGARI SEMBRERà CRUDO, MA SONO STATA DA DIO CON MIO PADRE E LE MIE SORELLE..SPERAVO LA POTESSERO TRATTENERE DI PIù..E FORSE MI ODIO PER AVER PENSATO QUESTO..MA COM'è POSSIBILE?

Ciao asiait,

io credo che può anche capitare di entrare in conflitto con la propria madre, risulta del tutto normale.

Ma odiarla...non si può...

Un caro saluto, Alessandro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ho 19 anni e fino a 18 e mezzo ho odiato mia madre....in che senso dici che non si puo' odiare?

Share this post


Link to post
Share on other sites
secondo voi è possibile odiare una madre?..non parlo di un periodo transitorio, nè di una crisi adolescenziale; ho 24 anni e dacchè mi ricordo ho sempre odiATO IL SUO CARATTERE, IL SUO MODO DI PORSI NEI MIEI CONFRONTI, DI GIUDICARMI E CRITICARMI..NON LA SOPPORTO..ABBIAMO AFFRONTATO TANTE VOLTE QUESTO ARGOMENTO, MA QUANDO CI TROVIAMO IN DISACCORDO SU QUALCOSA(E CAPITA SPESSO) ECCO CHE METTE IL MUSO, CRITICA, URLA E NN VUOLE ASCOLTARE RAGIONI..NON CAPISCO SE SIAMO COSì UGUALI OPPURE MALEDETTAMENTE TROPPO DIVERSE..IL SUO MALUMORE CREA CASINI PER TUTTA LA FAMIGLIA POI..E TUTTO SI RIVOLTA CONTRO DI ME CHE VENGO CONSIDERATA LA SOLITA VIZIATA CAPRICCIOSA, RIBELLE. MI SENTO IMPAZZIRE, LO GIURO; CON MIO PADRE HO UN RAPPORTO COSì BELLO, CI CAPIAMO AL VOLO, NON ABBIAMO BISOGNO DI PARLARE E SI FIDA DI ME AL CENTO PER CENTO..PERCHè LEI è COSì? uLTIMAMENTE è STATA RICOVERATA IN OSPEDALE E, Sò CHE MAGARI SEMBRERà CRUDO, MA SONO STATA DA DIO CON MIO PADRE E LE MIE SORELLE..SPERAVO LA POTESSERO TRATTENERE DI PIù..E FORSE MI ODIO PER AVER PENSATO QUESTO..MA COM'è POSSIBILE?

complesso di edipo? :roll:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Io ho 19 anni e fino a 18 e mezzo ho odiato mia madre....in che senso dici che non si puo' odiare?

Intendo che il sentimento "odio" non esiste in realtà, viene sempre scambiato con il "dissenso" verso una persona e il suo atteggiamento.

Un saluto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Intendo che il sentimento "odio" non esiste in realtà, viene sempre scambiato con il "dissenso" verso una persona e il suo atteggiamento.  

Cioè intendi dire che non si può provare un sentimento di odio costante nel tempo ma solo disappunto di volta in volta?

Con lo stesso criterio si potrebbe dire che neanche l'amore esiste ma solo approvazione di volta in volta per una persona e il suo atteggiamento....

Pensi sia cosi?

Share this post


Link to post
Share on other sites

l'odio esiste eccome. ha una radice nell'amore,ne è di solito uno spostamento costretto. ma esiste,altrochè disappunto

Share this post


Link to post
Share on other sites

sono la mamma di una vostra iscritta. HO VISTI IL VS FORUM E MI HA INTERESSATO MOLTO: A distanza di pochi giorni ho scoperto che mia figlia vi scriveva e sono rimasta piacevolmente sorpresa. Con lei ho avuto grossi problemi per colpa di un ragazzo che lei frequentava. Non era un cattivo ragazzo ma molto geloso e arrogante ed ha distrutto ,secondo me, il carattere di mia figlia. Le dolce intelligente sensibile è diventata ribelle solo perchè doveve assecondare tutti i suoi desideri. Ho lottato perchè lei capisse il male che lui le stava facendo e quando i rapporti sono veramente entrati in tensione sono sicura che mia figlia mi abbia odiato in maniera viscerale. Ho soffero molto e sto ancora soffrendo perchè nel frattempo i loro rapporti si sono deteriorati e in parte ho paura che sia colpa mia: ora si sono lasciati, lui si fa vedere in giro con un'altra ragazza e mia figlia è l'ombra di se stessa. Non so come aiutarla anche perchè ho paura che in fondo la colpa sia mia e che lei covi rancore e odio nei miei confronti. A volte vorrei sprofondare , non essermi maiu interessata alle sue vicende poterla aiutare veramente, ma come? sono arrivata a desiderare che lei torni con lui, pur sapendo tutto il male che le ha fatto! Le ho promesso che non entrerò più nel merito delle sue scelte, ma un genitore quando vede che il figlio si stà autodistruggendo cosa deve fare? Scusate lo sfogo ma sono veramnte depressa e anche preoccupata.

Share this post


Link to post
Share on other sites
sono la mamma di una vostra iscritta. HO VISTI IL VS FORUM E MI HA INTERESSATO MOLTO: A distanza di pochi giorni ho scoperto che mia figlia vi scriveva e sono rimasta piacevolmente sorpresa. Con lei ho avuto grossi problemi per colpa di un ragazzo che lei frequentava. Non era un cattivo ragazzo ma molto geloso e arrogante ed ha distrutto ,secondo me, il carattere di mia figlia. Le dolce intelligente sensibile è diventata ribelle solo perchè doveve assecondare tutti i suoi desideri. Ho lottato perchè lei capisse il male che lui le stava facendo e quando i rapporti sono veramente entrati in tensione sono sicura che mia figlia mi abbia odiato in maniera viscerale. Ho soffero molto e sto ancora soffrendo perchè nel frattempo i loro rapporti si sono deteriorati e in parte ho paura che sia colpa mia: ora si sono lasciati, lui si fa vedere in giro con un'altra ragazza e mia figlia è l'ombra di se stessa. Non so come aiutarla anche perchè ho paura che in fondo la colpa sia mia e che lei covi rancore e odio nei miei confronti. A volte vorrei sprofondare , non essermi maiu interessata alle sue vicende poterla aiutare veramente, ma come? sono arrivata a desiderare che lei torni con lui, pur sapendo tutto il male che le ha fatto! Le ho promesso che non entrerò più nel merito delle sue scelte, ma un genitore quando vede che il figlio si stà autodistruggendo cosa deve fare? Scusate lo sfogo ma sono veramnte depressa e anche preoccupata.

:shock: la madonna!!! dai potere a tutti tranne che a tua figlia cinzia... perchè? :wink:

Share this post


Link to post
Share on other sites

:shock: la madonna!!! dai potere a tutti tranne che a tua figlia cinzia... perchè? :wink:

Mi fai capire? La tua risposta mi risulta incomprensibile vuoi essere più esplicito? Se partecipare al forum significa essere attaccati in malo modo non mi sembra costruttivo! ciao senza rancore....

Share this post


Link to post
Share on other sites

ho deciso di scrivere per avere consigli di avere un parere da persone estranee al mio piccolo universo, ma forse ho peccato di ingenuità.I problemi personali, a volte, ti assorbono a tal punto che non si riesce a vedere la verità delle cose. Probabilmente ho sbagliato e molto ma non mi serve che che qualcuno me lo faccia notare , ho bisogno di confrontare le mie sensazioni, i miei problemi con persone che possano aiutarmi ad agire nel modo migliore e perchè no, ad aiutarmi in una situazione che sta diventando veramente pesante: Ho un macigno nel cuore, il troppo amore per mia figlia ha creato solo dolore e di questo non riesco a farmene una ragione: Vorrei tornare indietro nel tempo per poter rimediare , ma sò che non è possibile! Vorrei poter arginare il dolore che invade mia figlia e farmene carico, tanto ho le spalle grosse e posso sopravvivere, ma questa impotenza mi stà distruggendo! Grazie per la pazienza e la disponibilità.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hai provato a raccontare a lei queste cose?

Share this post


Link to post
Share on other sites

mia figlia sa tutto perchè questa mattina le ho fatto leggere il messaggio che vi ho inviato! Non c'è complicità ma molta sincerità. Il problema è diverso: Non sò come farmi perdonare per il male che involontariamente le ho causato! Non sò capire il filo sottile che divide l'amore dal dolore e io sento di avere tanto amore ma di aver causato tanto dolore! Ma perchè un genitore deve sentirsi così spiazzato ed inadeguato? vorrei poter tornare indietro nel tempo....Forse anche gli errori aiutano..ma a che prezzo...O forse sono solo immatura e non certo una buona madre, sicuramente molto introspettiva ma poco razionale! Capisco solo una cosa: Ho usato il mio amore nel modo peggiore ma quel che mi dispiace è che è mia figlia a pagarne le conseguenze! non è giusto . basta perche la depressione stà prendendo il sopravvento!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now
Sign in to follow this  
Followers 0