Pubblicità

Esame di Stato (Eds)

I principi deontologici fondamentali dello psicologo del 'terzo millennio'

on . Postato in Esame di Stato (Eds)

Nella società italiana, soprattutto in questi ultimi decenni, il bisogno di conoscere ed utilizzare correttamente la Psicologia è apparso in costante aumento. Vi sono diversi dati oggettivi che potrebbero facilmente confermare questa affermazione: ad esempio, il numero dei Corsi di Laurea in Psicologia istituiti presso le Università italiane è aumentato dai due del 1979 ai diciassette del 1999, e, dato ad esso strettamente collegato, il numero degli studenti iscritti ad un Corso di Laurea in Psicologia nel nostro Paese è passato dalle poche migliaia dei primi anni ‘80 agli oltre 50.000 di oggi.

Ma, soprattutto, la legge di Ordinamento n. 56 del 1989 ha sicuramente caratterizzato un periodo di profondo cambiamento nella “rappresentazione sociale” dello Psicologo, che da figura un po' misteriosa e spesso di incerta provenienza formativa quale era venti o trenta anni fa sta a poco a poco, anche grazie ad essa, acquistando uno “status” di “professionista” riconosciuto con alle spalle un percorso formativo di base costituito almeno da una Laurea universitaria specialistica, un tirocinio pratico annuale ad essa aggiuntivo ed un successivo Esame di Stato necessariamente sostenuto e superato.

Modalità di iscrizione all'Albo regionale degli psicologi

on . Postato in Esame di Stato (Eds)

iscrizione albo psicologiFinalmente, ce l'abbiamo fatta! In questa sezione vi forniamo la modalità generale per l'Iscrizione all'Albo. Vi consigliamo, comunque, di controllare le modalità specifiche dell'Ordine della Regione a cui volete iscrivervi.

Step 1
Controllare quando il Consiglio dell'Ordine si riunisce per vagliare le Vostre domande e la scadenza per la presentazione di quest'ultime.

Buoni consigli per l'esame di Stato per psicologi

on . Postato in Esame di Stato (Eds)

L'ansia cresce? E' più che normale. Essere giudicati non è piacevole per nessuno. In questa sezione troverete alcuni pratici consigli per affrontare meglio le prove. Vi aggiorneremo continuamente per aiutarvi il più possibile.

Per ogni prova, la cosa importante da tenere in mente é: Non siete ancora degli PSICOLOGI! Qualsiasi vostra affermazione o concetto non deve essere formulato con certezza, ma sempre come "credo, forse, ipotizzo" e simili. Tutto quello che scrivete deve essere dimostrabile e spiegato, quindi non "sparate" teorie o altro di cui non avete certezza di argomentare in maniera scientifica. Utilizzate la semplicità, la chiarezza e la precisione.

Introduzione all'Esame di Stato per Psicologi

on . Postato in Esame di Stato (Eds)

PSN Esame di statoL'Esame di Stato è l’Esame pubblico per cui lo Stato valuta l’idoneità all’abilitazione professionale di un laureato. Per molte professioni, tra cui lo Psicologo, è necessario superare un Esame di Stato. Il superamento dell’Esame di Stato permette di iscriversi nell’Albo, che riporta l’elenco di tutti i cittadini abilitati formalmente ad esercitare una specifica professione. Gli iscritti all'Albo costituiscono l'Ordine Professionale.

Senza l’iscrizione all’Albo non si è Psicologi ma solo laureati in Psicologia. Sono ammessi all’Esame di Stato coloro che sono laureati in Psicologia e hanno effettuato il tirocinio pratico.

Come iscriversi

on . Postato in Esame di Stato (Eds)

La domanda per l'Esame di Stato che abilita all'iscrizione all'Albo si presenta in base al bando che annualmente il Ministero emana per le due sessioni previste nell'anno solare, indicando le modalità e allegando le sedi dove l'esame può essere sostenuto per quelle sessioni. La domanda può essere posta presso una qualunque delle Università sede di esame, anche perché gli esami si tengono ovunque nello stesso giorno. Per presentare la domanda bisogna aver espletato il tirocinio

Testi utili alla preparazione

on . Postato in Esame di Stato (Eds)

Abbiamo raccolto alcuni dei testi più diffusi al momento, non necessariamente i "migliori", per la preparazione delle quattro/tre prove previste.

La prima prova scritta verte su un argomento teorico-generale o metodologico di Psicologia Generale, Psicologia dello Sviluppo oppure Psicologia Sociale. E’ necessario prepararsi bene su un manuale di Psicologia Generale aggiornato ed abbastanza ampio nelle trattazioni. Inoltre, la preparazione dovrebbe essere integrata con lo studio di un manuale di Metodologia della Ricerca, un manuale di Psicologia dello Sviluppo e un manuale di Psicologia Sociale. Alcuni manuali di Psicologia Generale forniscono trattazioni di base su temi di sviluppo, di metodologia e di sociale, ma è consigliabile integrarli con materiali più esaurienti.

Tracce prima prova

on . Postato in Esame di Stato (Eds)

Tracce degli anni precedenti uscite in alcune delle Università Italiane.

Prima Prova

 

Bari
(tracce estratte)

La candidata /il candidata/o analizzi sinteticamente un contesto applicativo in cui il tema del linguaggio sia rilevante e descriva almeno una teoria sul tema, scegliendo quella/e secondo lei/lui è più adatta al contesto indicato e ne evidenzi i collegamenti tra teoria e contesto applicativo.

Il candidato analizzi sinteticamento un contesto applicativo in cui il tema

Tracce seconda prova

on . Postato in Esame di Stato (Eds)

Tracce seconda prova degli anni precedenti uscite in alcune delle Università Italiane.

Bologna (2008)
I sessione

(ambito prevalente: Psicologia Clinica e di Comunità)
1)Un giovane adulto, professionalmente molto attivo, nel breve tempo di tre giorni perde la possibilità di controllo degli arti inferiori, con comparsa di forte dolore. Ricoverato in ospedale, viene sottoposto ad indagini diagnostiche che non riscontrano alterazioni organiche. La terapia antalgica ha scarso

Tracce terza prova

on . Postato in Esame di Stato (Eds)

Tracce terza prova degli anni precedenti uscite in alcune delle Università Italiane.

Chieti (2008)

(ambito clinico)
A. G. di 32 anni si rivolge al Centro di Salute Mentale con la richiesta di una consulenza psicologica; è accompagnata dalla madre, preoccupata dell’intenzione manifestata dal figlio di lasciare il lavoro. Durante il colloquio G. appare teso, molto preoccupato e più volte accenna al pianto. E’ stato assunto da qualche mese da un’Azienda privata come vigilante e deve svolgere turni di notte per sorvegliare il magazzino della ditta; si sente molto angosciato per questo lavoro notturno. In seguito ad una crisi d’ansia molto forte, gli sono stati sati alcuni giorni di riposo; adesso è a casa in malattia. In precedenza aveva fatto lavori precari che si sono interrotti perché si sentiva spesso rimproverato ingiustamente dal datore di lavoro. Spesso si sente in ansia nei rapporti con gli altri per il timore di essere rimproverato per qualcosa. Orfano di padre dall’età di 13 anni; la madre ha portato avanti il carico familiare con difficoltà, scoraggiata e affranta per la perdita del marito, hanno vissuto con la modesta pensione del marito. G. ha un corso di studi regolare, ma ha poche amicizie e una fidanzata a cui cerca di nascondere le sue ansie e le sue difficoltà lavorative perché teme che potrebbe lasciarlo. Vorrebbe fare progetti per il suo futuro, ma si sente impotente e non intravede speranze per il futuro.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

Funzione riflessiva

“La funzione riflessiva è l’acquisizione evolutiva che permette al bambino di rispondere non solo al comportamento degli altri, ma anche alla sua concezione dei...

La proiezione

La proiezione è un meccanismo di difesa arcaico e primitivo che consiste nello spostare sentimenti o caratteristiche proprie, o parti del Sè, su altri oggetti o...

News Letters