Pubblicità

Il counselling non può essere un monopolio dei Counselor

0
condivisioni

on . Postato in Notizie dagli Ordini degli Psicologi | Letto 461 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (4 Voti)

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, con il suo consenso.

mario sellini counsellingGentile Direttore,
ho letto con molta attenzione le dichiarazioni rilasciate a margine del convegno organizzato dai Counselor. In verità i contenuti delle dichiarazioni non mi hanno sorpreso. Non mi hanno sorpreso perché alcuni colleghi mi avevano già fatto pervenire un video con l’intervento del rappresentante dei Counselor italiani.

Ovviamente auguro ai Counselor ogni successo sul piano professionale. Ed il mio augurio è assolutamente sincero proprio perché non riesco ad individuare alcun punto di contatto tra l’attività di Counselor e la professione di Psicologo…a meno che non si tratti di counseling psicologico.
Per consentire la comprensione di ciò di cui parliamo, è opportuno partire dalla condivisione del linguaggio e dei termini utilizzati. Il termine inglese di Counselor si traduce in italiano in Consulente e Counseling in Consulenza.

Condivido, convintamente, anche la definizione di Counselor/Consulente come una attività/professione di aiuto. Certamente chi chiede una Consulenza/Counseling sta chiedendo aiuto e consiglio.

Se voglio predisporre la mia dichiarazione dei redditi chiedo la consulenza di un Commercialista o di un Ragioniere. Se litigo con il mio vicino, prima di partire con una denuncia o una causa, chiedo una consulenza legale. Prima di far un intervento chirurgico chiedo una consulenza (il termine utilizzato in medicina è consulto) ad un Medico Specialista. Se devo acquistare un appartamento chiedo la consulenza ad un Notaio e ad un Architetto. E così via.

In Italia ed in Europa esistono professioni “ordinate”, regolamentate con legge, e professioni non regolamentate. È alquanto evidente che una Consulenza/Counseling in un ambito professionale regolamentato dalla legge può essere efficacemente effettuato solo da un Professionista abilitato. Se io chiedo una consulenza/counseling “legale” devo rivolgermi, obbligatoriamente, ad un avvocato.

In verità il cittadino è libero di chiedere una Consulenza/Counseling a chi più gli aggrada, ma è altrettanto evidente che chi fornisce la Consulenza/Counseling in ambiti professionali riservati deve essere abilitato a fornirla. In assenza di abilitazione si configura l’esercizio abusivo di professione. Non a coso, recentemente, il Parlamento ha inasprito le pene per l’esercizio abusivo delle professioni sanitarie.

La condanna per l’esercizio abusivo non è finalizzata alla difesa corporativa degli interessi di una o più categorie di professionisti. Assolutamente no. La condanna dell’esercizio abusivo di una professione sanitaria serve a tutelare un diritto costituzionalmente garantito che è quello della Salute dei cittadini.

L’elencazione sintetica di questi principi basilari servono a delineare gli ambiti nei quali i professionisti possono esercitare legittimamente l’attività di  Counseling/Consulenza.

Pubblicità

Delineati i contesti, è opportuno provare a fare un passo in più. Il Counselor effettua Consulenze in quale ambito? Ritengo possa considerarsi doveroso indicare l’ambito nel quale si offre il Counseling. Gli ambiti possono essere innumerevoli: giuridico, commerciale, medico, psicologico, ingegneristico, sportivo, linguistico, scolastico, artistico, filosofico, infermieristico, olistico, nutrizionale, ecc.

Una informazione trasparente, coerente e chiara dovrebbe forse includere la dicitura “Counselor in…”. Ciò per consentire ai cittadini di fare una scelta oculata e consapevole.

La mia meraviglia nell’ascoltare la relazione al convegno è stata quella di sentir parlare solo ed esclusivamente di “counseling psicologico”, quasi fosse il solo counseling possibile. E tutti gli altri ambiti?

Negli Stati Uniti l’Apa - American Psychological Association fin dagli anni 50’ e 60’ ha considerato il “counseling psicologico” parte integrante ed inscindibile della psicologia, a tal punto da sottoporre ad approfondite analisi e valutazioni i diversi modelli di counseling psicologico modelli che via via venivano proposti. E stiamo parlando degli Stati Uniti dove non esistono le professioni “ordinate”.

Di certo esistono molti altri ambiti dove è possibile esercitare attività di counseling. Giusto per elencarne qualcuno: - orientamento professionale delle persone non occupate; - capacità sociali e life-skills; counseling manageriale; counseling pastorale; lavoro nelle scuole; counseling contro l'emarginazione socio-culturale; counseling agli immigrati e ai rifugiati. E ce ne sono certamente molti altri.

A fronte di tante opportunità professionali è sospetta l’idea di definire il counselor come un professionista in possesso di alcune tra le tante competenze psicologiche.

Se dovessi semplificare l’idea che è venuta fuori dal convegno dei counselor la sintetizzerei in questo modo: gli Psicologi abilitati ed iscritti all’Ordine professionale si dedicano alla “cura/terapia” delle patologie psicologiche; i Counselor hanno le competenze per intervenire sulla “Psicologia del Benessere”.

Pubblicità

Niente di più falso. La definizione di “Salute” che chiunque può leggere su una targa posta all’ingresso del Ministero della Salute sul lungotevere a Roma, è: “stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non solo assenza di malattia”. Questo è il concetto di Salute definito dall’Onu ed universalmente accettato. Per inciso la Costituzione italiana tutela il diritto dei cittadini alla tutela della Salute e quindi “al completo benessere fisico, mentale e sociale e non solo assenza di malattia”.

Gli psicologi, in quanto professione sanitaria non si interessano e trattano solo la patologia, ma concorrono, con le loro prestazioni professionali, al “benessere” dei cittadini. Ne discende che tutto ciò che riguarda il “benessere psicologico” dei cittadini è di competenza degli psicologi.
Bando alle polemiche. Si può e si deve discutere con tutti. Con il massimo rispetto ma sempre e solo nell’alveo delle disposizioni di legge e nel supremo interesse del diritto, sancito nella nostra Costituzione, alla salvaguardia della Salute.

Mario Sellini
Segretario generale Associazione unitaria psicologi italiani (Aupi)

 

Credits: Quotidiano Sanità

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Ricerche e Contributi

I test psicologici

Una rassegna dei principali Test psicologici disponibili in Italia. Ovviamente non ci sono tutti i reattivi ma abbiamo cercato di selezionare i principali o quelli maggiormente utilizzati. Tecniche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Demenza Semantica

Con la locuzione demenza semantica o SD (dall'inglese semantic dementia) si fa riferimento ad un particolare tipo di demenza frontotemporale il cui esordio è ca...

News Letters

0
condivisioni