Pubblicità

Ansia infantile e disturbo da uso di alcool

0
condivisioni

on . Postato in Ricerche e Contributi | Letto 386 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (4 Voti)

Un recente studio ha evidenziato come bambini e adolescenti con livelli più elevati di ansia possono essere maggiormente a rischio di sviluppare problemi di alcool.

Ansia infantile e disturbo da uso di alcoolMolti studi si sono concentrati sulla relazione tra ansia e uso di alcool, ma le prove non sono chiare”, affermano i ricercatori dell'Università di Bristol, nel Regno unito.

Alcuni studi hanno rilevato che un'ansia più elevata è legata ad un maggiore consumo di alcool, mentre altri hanno trovato che l'ansia è legata a uso di alcool o che non vi era un'associazione chiara e distinta.

Secondo la letteratura, molte persone ricorrono al consumo di alcool nel tentativo di affrontare i loro problemi di ansia. Poiché l'alcool ha un effetto depressivo e sedativo, le persone spesso usano la sostanza per rilassarsi.

Quando il contenuto di alcool nel sangue aumenta, si sperimenta un aumento dei livelli di rilassamento. Pertanto l'utilizzo di alcool può assolvere la funzione di mitigare lo stress che si sta vivendo.

In linea generale una normale esperienza di ansia non è considerata un potenziale fattore di rischio per lo sviluppo di un disturbo da uso di sostanze, come un disturbo da uso di alcool.

Gli individui che sperimentano normali variazioni dell'umore e livelli di ansia in genere non ricorrono a droghe o alcool come meccanismi di coping.

Al contrario, individui che sperimentano forme estreme di ansia, come periodi di ansia molto intensi o prolungati, presentano un potenziale aumento del rischio di sviluppare un disturbo da uso di sostanze.

Studi di ricerca hanno identificato relazioni interessanti tra disturbi d'ansia e uso di alcool.

L'ipotesi dell'automedicazione, in cui una persona che ha un disturbo d'ansia preesistente usa l'alcool per placare i propri sentimenti di ansia è una di queste spiegazioni.

Tuttavia, tale ipotesi non è sufficiente per spiegare la relazione tra un gran numero di individui con co-occorrenza di abuso di alcool e disturbi d'ansia.

Per il presente studio, i ricercatori del Tobacco and Alcohol Research Group hanno effettuato una revisione sistematica di 51 studi di coorte prospettici di 11 paesi: USA, Germania, Finlandia, Regno Unito, Paesi Bassi, Australia, Taiwan, Canada, Nuova Zelanda, Svezia e Norvegia.

Lo studio ha cercato di esplorare se l'ansia precoce è legata ad un uso eccessivo di alcool e disturbo da uso di alcool.

Pubblicità

I ricercatori hanno scoperto che 46 studi includevano sia uomini che donne, 4 avevano un campione tutto maschile e 1 un campione di sole donne.

Le dimensioni del campione dello studio variavano da 110 a 11.157 partecipanti. L'età di esposizione all'ansia variava dai 3 a 24 anni e l'età dell'assunzione degli alcolici variava da 11 a 42 anni.

I ricercatori hanno trovato alcune prove di un legame tra ansia infantile e adolescenziale e disturbi successivi legati all'uso di alcool.

Tuttavia, le associazioni di ansia con la successiva frequenza del bere, la quantità e il binge drinking erano più incoerenti, hanno riferito i ricercatori.

I nostri risultati indicano che i giovani con maggiore ansia possono avere un maggiore rischio di sviluppare problemi di alcool”, ha riferito Maddy Dyer, ricercatrice che ha condotto e guidato la ricerca.

Sono necessarie ulteriori ricerche per capire perché ci sono differenze nelle associazioni per i livelli di consumo di alcool contro l'uso problematico e per stabilire quali individui con ansia sviluppano problemi di questo tipo. Ciò potrebbe portare a miglioramenti negli interventi personalizzati”, ha concluso la ricercatrice.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

Dacrifilia

È una pratica sessuale, fa parte delle parafilie, e consiste nel provare piacere sessuale nel vedere un soggetto piangere.  L'attrazione sessuale scatur...

Attaccamento

“Ogni individuo costruisce modelli operativi del mondo e di se stesso in esso, con l’aiuto dei quali percepisce gli avvenimenti. Nel modello operativo del mondo...

News Letters

0
condivisioni