Pubblicità

Funzionamento cognitivo in soggetti con esperienze psicotiche

0
condivisioni

on . Postato in Ricerche e Contributi | Letto 265 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funzionamento cognitivo rispetto a persone che non vivono le stesse esperienze.

Funzionamento cognitivo in soggetti con esperienze psicoticheUna sostanziale minoranza della popolazione generale, circa il 6%, sperimenta esperienze psicotiche subcliniche, riferisce la ricercatrice del King's College di Londra, il cui studio è stato pubblicato sulla rivista JAMA Psychiatry.

Le prove suggeriscono che le esperienze psicotiche subcliniche possono trovarsi su un continuum con sintomi psicotici clinicamente significativi, e quindi essere istruttive per la ricerca sulla causa della malattia psicotica”, hanno affermato i ricercatori.

Entrambe le psicopatologie condividono fattori di rischio come basso QI, maltrattamento infantile ed eventi di vita stressanti, così come risultati analoghi della scansione cerebrale come deficit nella materia bianca e grigia del cervello.

I ricercatori hanno esaminato il funzionamento neuropsicologico e le esperienze psicotiche negli adulti, tenendo conto delle caratteristiche socio-demografiche e dell'età.

Hanno utilizzato informazioni raccolte da indagini condotte su famiglie che coprivano 1.677 persone di età pari o superiore a 16 anni, che vivevano in due aree di Londra, nel Regno Unito.L'età media era di 40 anni.

Le esperienze psicotiche dei partecipanti sono state misurate utilizzando il Psychosis Screening Questionnaire. Questo test valuta le esperienze psicotiche dell'anno precedente, coprendo il disturbo del pensiero, la paranoia, le esperienze strane e le allucinazioni.

Pubblicità

Lo strumento copre anche l'ipomania, una forma lieve di mania, caratterizzata da euforia e iperattività, ma questo non è stato valutato in quanto l'attenzione era rivolta prevalentemente alle esperienze psicotiche.

Il funzionamento cognitivo è stato misurato con una serie di test sulla conoscenza verbale, utilizzando un test di lettura, memoria di lavoro, memoria generale e velocità di elaborazione cognitiva.

Da questo, è stato calcolato un punteggio di QI complessivo. Un partecipante su dieci aveva precedentemente avuto esperienze psicotiche.

Dall'analisi dei risultati è emersa la presenza di disturbi medio-gravi nel funzionamento cognitivo in partecipanti di età pari o superiore a 50 anni con esperienze psicotiche.

Il profilo del deterioramento cognitivo negli adulti con esperienze psicotiche differiva da quello osservato negli adulti con disturbi psicotici, suggerendo importanti differenze tra psicosi subcliniche e cliniche”, hanno proseguito i ricercatori.

Commentando lo studio, la ricercatrice Josephine Mollan afferma:

I sintomi psicotici, come allucinazioni e deliri, sono caratteristiche fondamentali dei disturbi psicotici. Una significativa minoranza della popolazione generale riporta anche esperienze psicotiche subcliniche. Abbiamo utilizzato dati di indagine basati sulla popolazione per caratterizzare il funzionamento cognitivo negli adulti con esperienze psicotiche, adattandoci a importanti caratteristiche socio-demografiche e investigando l'effetto dell'età”.

Da ciò si è osservato che soggetti con esperienze psicotiche subcliniche non hanno mostrato una riduzione della velocità di elaborazione, che è gravemente compromessa nei pazienti psicotici, suggerendo che i deficit di velocità di elaborazione indicano vulnerabilità alla psicosi.

Inoltre, le esperienze psicotiche, insieme ai deficit cognitivi, possono essere più gravi in coloro che hanno 50 anni o più. 

Anche le esperienze psicotiche subcliniche lievi, se combinate con gli effetti dell'invecchiamento, possono mettere a dura prova le riserve cognitive e portare a deficit cognitivi ampi e gravosi.

In conclusione, la Mollon aggiunge:

I nostri risultati suggeriscono un continuum di esperienze psicotiche e deficit cognitivi in una percentuale molto più ampia della popolazione rispetto a quella osservata nella pratica clinica. Un trattamento efficace di tali deficit potrebbe quindi essere utile per molte persone”.

Raccomanda che la ricerca futura sull'argomento debba includere studi a lungo termine “per chiarire come le esperienze psicotiche interagiscono con i deficit cognitivi durante tutto il corso della vita e per identificare i fattori di rischio e di resilienza”.

Pubblicità

Questo studio è il primo a studiare l'effetto dell'età sul deterioramento cognitivo associato alle esperienze psicotiche negli adulti.

Alcuni studi precedenti suggeriscono che queste esperienze sono prevalenti nell'adolescenza e nella vecchiaia, mentre altri non hanno riscontrato differenze di età significative.

Tra i partecipanti a questo studio, le esperienze psicotiche erano più probabili nel gruppo più giovane, ma sono rimaste considerevoli nelle altre fasce d'età.

Poiché i dati di questo studio provenivano da indagini condotte su famiglie, i ricercatori hanno potuto ipotizzare possibili meccanismi di familiarità rispetto alla relazione tra esperienze psicotiche e cognizione.

A tal proposito evidenziano come “i parenti di primo grado erano significativamente compromessi nel dominio della conoscenza verbale, mentre i conviventi non imparentati non mostravano alcuna menomazione. I nostri risultati suggeriscono una complessa interazione di fattori genetici, biologici e psicosociali dietro l'associaizone tra esperienze psicotiche e compromissione neuropsicologica”.

Pertanto, secondo i ricercatori, questo modello di compromissione della conoscenza verbale suggerisce fattori ambientali genetici e/o familiari comuni.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

 
 
 
 

Tags: esperienze psicotiche

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

sono dubbiosa sul futuro di mi…

lucia, 60 anni Buongiorno , mi presento , sono una mamma sessantenne e ho due figli maschi di 43 anni uno e l'altro di 34 anni . Devo dire che sono stata u...

Ansiosa [1603834827112]

mirca, 66 anni Ho un marito sulla sedia a rotelle invalido. Io lo seguo tutto il giorno e faccio una vita faticosa visto che lui è anche obeso e con varie ...

Tradimento e incertezze [16030…

Martinedda, 39 anni Gent.ma Dott.ssa,soffro di ansia e attacchi di panico da quasi 20 anni ed ho avuto in passato un percorso di psicoterapia che mi ha aiu...

Area Professionale

Ansia infantile e disturbo da …

Un recente studio ha evidenziato come bambini e adolescenti con livelli più elevati di ansia possono essere maggiormente a rischio di sviluppare problemi di alc...

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Le parole della Psicologia

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine ...

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

Paura

La paura è quell’emozione primaria di difesa, consistente in un senso di insicurezza, di smarrimento e di ansia, di fronte ad un pericolo reale o immaginario, o...

News Letters

0
condivisioni