Pubblicità

Funzionamento cognitivo in soggetti con esperienze psicotiche

0
condivisioni

on . Postato in Ricerche e Contributi | Letto 1070 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funzionamento cognitivo rispetto a persone che non vivono le stesse esperienze.

Funzionamento cognitivo in soggetti con esperienze psicoticheUna sostanziale minoranza della popolazione generale, circa il 6%, sperimenta esperienze psicotiche subcliniche, riferisce la ricercatrice del King's College di Londra, il cui studio è stato pubblicato sulla rivista JAMA Psychiatry.

Le prove suggeriscono che le esperienze psicotiche subcliniche possono trovarsi su un continuum con sintomi psicotici clinicamente significativi, e quindi essere istruttive per la ricerca sulla causa della malattia psicotica”, hanno affermato i ricercatori.

Entrambe le psicopatologie condividono fattori di rischio come basso QI, maltrattamento infantile ed eventi di vita stressanti, così come risultati analoghi della scansione cerebrale come deficit nella materia bianca e grigia del cervello.

I ricercatori hanno esaminato il funzionamento neuropsicologico e le esperienze psicotiche negli adulti, tenendo conto delle caratteristiche socio-demografiche e dell'età.

Hanno utilizzato informazioni raccolte da indagini condotte su famiglie che coprivano 1.677 persone di età pari o superiore a 16 anni, che vivevano in due aree di Londra, nel Regno Unito.L'età media era di 40 anni.

Le esperienze psicotiche dei partecipanti sono state misurate utilizzando il Psychosis Screening Questionnaire. Questo test valuta le esperienze psicotiche dell'anno precedente, coprendo il disturbo del pensiero, la paranoia, le esperienze strane e le allucinazioni.

Pubblicità

Lo strumento copre anche l'ipomania, una forma lieve di mania, caratterizzata da euforia e iperattività, ma questo non è stato valutato in quanto l'attenzione era rivolta prevalentemente alle esperienze psicotiche.

Il funzionamento cognitivo è stato misurato con una serie di test sulla conoscenza verbale, utilizzando un test di lettura, memoria di lavoro, memoria generale e velocità di elaborazione cognitiva.

Da questo, è stato calcolato un punteggio di QI complessivo. Un partecipante su dieci aveva precedentemente avuto esperienze psicotiche.

Dall'analisi dei risultati è emersa la presenza di disturbi medio-gravi nel funzionamento cognitivo in partecipanti di età pari o superiore a 50 anni con esperienze psicotiche.

Il profilo del deterioramento cognitivo negli adulti con esperienze psicotiche differiva da quello osservato negli adulti con disturbi psicotici, suggerendo importanti differenze tra psicosi subcliniche e cliniche”, hanno proseguito i ricercatori.

Commentando lo studio, la ricercatrice Josephine Mollan afferma:

I sintomi psicotici, come allucinazioni e deliri, sono caratteristiche fondamentali dei disturbi psicotici. Una significativa minoranza della popolazione generale riporta anche esperienze psicotiche subcliniche. Abbiamo utilizzato dati di indagine basati sulla popolazione per caratterizzare il funzionamento cognitivo negli adulti con esperienze psicotiche, adattandoci a importanti caratteristiche socio-demografiche e investigando l'effetto dell'età”.

Da ciò si è osservato che soggetti con esperienze psicotiche subcliniche non hanno mostrato una riduzione della velocità di elaborazione, che è gravemente compromessa nei pazienti psicotici, suggerendo che i deficit di velocità di elaborazione indicano vulnerabilità alla psicosi.

Inoltre, le esperienze psicotiche, insieme ai deficit cognitivi, possono essere più gravi in coloro che hanno 50 anni o più. 

Anche le esperienze psicotiche subcliniche lievi, se combinate con gli effetti dell'invecchiamento, possono mettere a dura prova le riserve cognitive e portare a deficit cognitivi ampi e gravosi.

In conclusione, la Mollon aggiunge:

I nostri risultati suggeriscono un continuum di esperienze psicotiche e deficit cognitivi in una percentuale molto più ampia della popolazione rispetto a quella osservata nella pratica clinica. Un trattamento efficace di tali deficit potrebbe quindi essere utile per molte persone”.

Raccomanda che la ricerca futura sull'argomento debba includere studi a lungo termine “per chiarire come le esperienze psicotiche interagiscono con i deficit cognitivi durante tutto il corso della vita e per identificare i fattori di rischio e di resilienza”.

Pubblicità

Questo studio è il primo a studiare l'effetto dell'età sul deterioramento cognitivo associato alle esperienze psicotiche negli adulti.

Alcuni studi precedenti suggeriscono che queste esperienze sono prevalenti nell'adolescenza e nella vecchiaia, mentre altri non hanno riscontrato differenze di età significative.

Tra i partecipanti a questo studio, le esperienze psicotiche erano più probabili nel gruppo più giovane, ma sono rimaste considerevoli nelle altre fasce d'età.

Poiché i dati di questo studio provenivano da indagini condotte su famiglie, i ricercatori hanno potuto ipotizzare possibili meccanismi di familiarità rispetto alla relazione tra esperienze psicotiche e cognizione.

A tal proposito evidenziano come “i parenti di primo grado erano significativamente compromessi nel dominio della conoscenza verbale, mentre i conviventi non imparentati non mostravano alcuna menomazione. I nostri risultati suggeriscono una complessa interazione di fattori genetici, biologici e psicosociali dietro l'associaizone tra esperienze psicotiche e compromissione neuropsicologica”.

Pertanto, secondo i ricercatori, questo modello di compromissione della conoscenza verbale suggerisce fattori ambientali genetici e/o familiari comuni.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

 
 
 
 

Tags: esperienze psicotiche

0
condivisioni

Guarda anche...

Editoriale

Il virus della mente

Nicola Ghezzani interviene, con un breve articolo, sulla "psicosi" da Corona Virus esplosa nel mondo ed in Italia. Conti alla mano, io ho circa 2.000 possibilità contro 1 di morire di infarto...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Alcolismo

L'alcolismo si contraddistingue per l'incapacità di rinunciare ad assumere bevande alcoliche e ad autocontrollarne la quantità. L'alcolismo può essere talmen...

Pet therapy

Con il termine pet therapy s'intende generalmente, una terapia dolce, basata sull'interazione uomo-animale. Si tratta di una terapia che integra, rafforza e co...

Pedofilia

  Con il termine pedofilia si intende un disturbo della sessualità di tipo parafilico, caratterizzato da intensi e ricorrenti impulsi o fantasie sessuali ...

News Letters

0
condivisioni