Pubblicità

La resilienza e i concreti indizi sulle sue basi neurobiologiche

0
condivisioni

on . Postato in Ricerche e Contributi | Letto 137 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecutiva centrale fronto-parietale del cervello (CEN) può offrire un contributo alla comprensione delle basi neurobiologiche della resilienza.

la resilienza e i concreti indizi sulle sue basi neurobiologiche

Vi è una notevole variabilità nel modo in cui le persone rispondono ai principali fattori di stress. Alcuni rimangono sani, mentre altri si deteriorano. Poco si sa delle reti cerebrali che sono coinvolte nel modellare questi diversi risultati.

E' quanto hanno voluto indagare Miller e i suoi collaboratori della Northwestern University.

Come evidenziato da studi precedenti, i giovani che vivono in quartieri con alti livelli di violenza hanno una salute cardiometabolica peggiore rispetto ai coetanei che abitano comunità più sicure.

Tuttavia, anche all'interno dello stesso gruppo di giovani che vivono in aree ad alta violenza, i ricercatori hanno trovato notevoli differenze nella risposta allo stress, con il 25% dei giovani esposti che ha manifestato una sintomatologia contro il 75% che ha mostrato ciò che gli psicologi chiamano "resilienza".

I ricercatori hanno cercato di chiarire le basi neurobiologiche nelle differenti risposte individuali alla violenza di quartiere e ai fattori di stress in generale utilizzando la risonanza magnetica funzionale (fRMI) ponendosi alcune domande:

“Perchè l'esposizione alla violenza di quartiere è molto più dannosa per il benessere generale di alcuni giovani rispetto ad altri? Quali reti cerebrali sono coinvolte nel modo in cui rispondiamo ai principali fattori di stress della vita?”

Innumerevoli studi hanno identificato una correlazione tra vivere in un quartiere ad alto rischio di criminalità con un aumento di cattiva salute caratterizzato da sindrome metabolica, asma e perdita di sonno.

Tuttavia, anche i bambini che crescono nella stessa casa possono avere risposte psicofisiologiche molto diverse allo stress.

Alcuni bambini sono stati denominati figli del “dente di leone”, che mostrano un'incredibile capacità di ripresa anche nelle condizioni più difficili; mentre altri sono più simili ai bambini “orchidee”, che sono più vulnerabili agli ambienti difficili.

Per questo studio, i ricercatori hanno reclutato 218 studenti pre-adolescenti provenienti da diversi quartieri intorno a Chicago.

Ogni quartiere è stato valutato in base al crimine violento e ai tassi di omicidio. Ai partecipanti allo studio è stata assegnata una valutazione cardio-metabolica che include test per la resistenza all'insulina, obesità e sindrome metabolica complessiva.

Pertanto, i partecipanti hanno ricevuto una scansione di neuroimaging con fMRI per valutare la connettività funzionale del cervello.

Sebbene gli studenti che vivono in quartieri violenti tendono ad avere una salute metabolica peggiore, coloro che vivevano in quartieri criminali e mantenevano sani biomarcatori per lo stress, mostravano anche una maggiore connettività all'interno della rete esecutiva centrale (Central Executive Network, CEN) del cervello.

Secondo i ricercatori, il CEN è un centro cerebrale che facilita il modo in cui interpretiamo gli eventi minacciosi, esercitiamo l'autocontrollo e sopprimiamo le immagini emozionali indesiderate.

Sulla base di questi risultati, sembra che la connettività dello stato di riposo all'interno della rete esecutiva centrale possa essere un moderatore adattivo che aumenta la resilienza a livello neurobiologico.

 

Pubblicità

Come spiegano gli autori, “attraverso sei risultati distinti, un quartiere con tasso di omicidio più elevato era associato ad un maggior rischio cardiometabolico, ma questa relazione era evidente solo tra i giovani che mostravano una connettività a riposo nella rete esecutiva centrale in stato di riposo. Questo risultato evidenzia la connettività intrinseca del CEN come un potenziale contributo neurobiologico alla resilienza”.

I ricercatori sottolineano come questo studio presenti ovviamente alcune limitazioni. Questi risultati sono infatti correlati ma non implicano necessariamente un nesso causale.

Pertanto, gli autori incoraggiano fortemente uno studio longitudinale e multi-onda molto più ampio per stabilire la causalità tra connettività funzionale CEN, violenza di vicinato, salute cardiometabolica e neurobiologia della resilienza.

Detto questo, i ricercatori sperano che nel prossimo futuro queste scoperte possano portare a programmi di “network training” progettati per migliorare la connettività funzionale della rete CEN del cervello.

Miller ed i suoi colleghi ipotizzano che questi tipi di interventi potrebbero migliorare “l'autocontrollo, la rivalutazione delle minacce e la soppressione del pensiero” in modi che potrebbero rendere gli adolescenti a rischio più resilienti".

 

di Lucia Cialone

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: stress neuroimaging resilienza

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propri...

La Dislessia

I DSA sono disturbi del neurosviluppo che riguardano la capacità di leggere, scrivere e calcolare in modo corretto e fluente che si manifestano con l'inizio del...

Ansia da separazione

La causa alla base di questa esperienza nel successivo sviluppo di un disturbo mentale non ha più significato senza l’interazione di altri fattori che contribui...

News Letters

0
condivisioni