Pubblicità

Stress, mente e corpo

0
condivisioni

on . Postato in Ricerche e Contributi | Letto 1433 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

La presenza di stress può provocare un’alterazione del Sistema nervoso autonomo, così come la sua capacità di regolare il sistema mente/corpo.  Qualora lo stress diviene cronico provoca una rottura della regolamentazione dei vari sistemi, determinando gravi conseguenze per l’organismo.

stress mente corpoLa maggior parte della gente immagina lo stress come un qualcosa che fa sentire sopraffatti.

La Dottoressa Diane Roberts Stoler, in qualità di neuropsicologa, specializzata anche nel trattamento del trauma, con un’esperienza clinica di 37 anni, sottolinea come, attraverso la sua esperienza personale, riteneva di avere una buona conoscenza sulle varie cause correlate allo stress, fino a quando non si è imbattuta in un sito web, il “Trancend Diagnostics”, il quale si focalizza principalmente sullo stress cronico.

Ciò che ha attirato l’attenzione della Dottoressa Stoler riguarda l’interesse di tali ricercatori sulle conseguenze dello stress rispetto al sonno, la memoria e i livelli di ansia.

Da un punto di vista fisiologico, il sistema immunitario è un sistema che regola armonicamente il rapporto mente/corpo; il Sistema Nervoso Autonomo, che partecipa alle risposte cognitive e comportamentali dello stress, è composto dal Sistema Nervoso Simpatico e Parasimpatico.

Questo sistema permette di respirare ad un ritmo regolato per ottenere una quantità equilibrata di ossigeno, consentendo al cuore di battere ad un determinato ritmo.

Lo stesso vale quando si mangia del cibo, in quanto, una volta digerito, passa attraverso l’intestino ad un ritmo regolamentato, a meno che non vi sia qualcosa che provoca una disregolazione.

La presenza di stress può provocare un’alterazione del Sistema nervoso autonomo, così come la sua capacità di regolare il sistema mente/corpo.

Qualora lo stress diviene cronico provoca una rottura della regolamentazione dei vari sistemi, determinando gravi conseguenze per l’organismo.

All’interno del sito “Trascend Diagnostics” vengono presentate diverse categorie di stress, che parteciperebbero alla disregolazione del sistema nervoso autonomo. Queste riguardano diversi aspetti, come ad esempio:

Emozionale -  affrontare una perdita, come il lavoro o la rottura di una relazione;  Cognitivo -  il modo di pensare e le proprie aspettative; Sensoriale -  le reazioni rispetto all’ambiente circostante; Metaboliche -  i livelli di zucchero nel sangue; Immunitarie -  allergie alimentari o infiammazioni; Endocrine e neurotrasmettitoriali – ghiandola surrenale, tiroide, dopamina e serotonina; Ossidative -  uso di tabacco, alcol, cattiva alimentazione, e così via.

Da un punto di vista terapeutico, secondo la Dottoressa Stoler, la valutazione dello stress dovrebbe includere alcuni aspetti fondamentali come la componente fisica, ossia tutto ciò che riguarda o colpisce direttamente il sistema mente/corpo; quella psicologica, come si pensa o percepisce la vita; emotiva, come si fronteggiano alcune sfide o situazioni di vita; spirituale, inteso come modalità di sentirsi in contatto con Dio, l’universo o l’altro.

Nella componente emotiva, è importante capire come le persone gestiscono lo stress associato al lavoro, e nei bambini i diversi traumi che possono includere la morte di un genitore o il divorzio.

La componente psicologica comprende sia le modalità e strategie di pensiero, così come le componenti biochimiche e neurotrasmettitoriali che possono influenzare tali modalità.

Per quanto riguarda la componente fisica ci sono diverse categorie tra cui le malattie, i traumi o l’abbandono, che comprendono le categorie di cui sopra, come quelle sensoriali, metaboliche, ossidative, tossiche e via dicendo.

Ora è importante capire come questi fattori stressanti influenzano il sonno, la memoria e il livello di ansia.

In linea generale, tali fattori possono, sia individualmente che collettivamente, determinare una disregolazione del sistema nervoso autonomo, influenzando così la capacità di avere un sonno ristoratore, che è essenziale allo strutturarsi di modalità adeguate di risposta all’ambiente esterno ed interno.

Da un punto di vista mnestico, una memoria efficace consente di registrare, archiviare e recuperare le informazioni; se non si riesce a dormire correttamente, l’unità mente/corpo invia un segnale di pericolo, attivando così il sistema limbico, in particolare l’amigdala, che attiva il sistema surrenale rilasciando grandi quantità di cortisolo, con una conseguente incapacità di ripristinare le informazioni, memorizzarle o recuperarle in maniera corretta.

Questo determina l’instaurarsi di un circolo vizioso; inoltre, se si è in uno stato di grande ansia, l’eccessivo lavoro da parte della ghiandola surrenale, causerà un’eccessiva stanchezza fisica.

Il cronicizzarsi di questo senso di stanchezza, a lungo andare, potrebbe causare problemi di memoria e incapacità di riposare correttamente la notte.

Al fine di trovare gli approcci di trattamento più adeguati, nonché metodi per migliorare il sonno, la memoria di lavoro e i livelli di ansia, è estremamente importante approfondire le dinamiche disadattive che li hanno generati, al fine di prevenire una rottura nei sistemi regolanti la comunicazione tra mente e corpo.

 

Tratto da PsychologyToday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: psicologia stress sistema nervoso mente-corpo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

Sentimento

Il sentimento è quella risonanza affettiva, meno intensa della passione e più duratura dell’emozione, con cui il soggetto vive i suoi stati soggettivi e gli asp...

News Letters

0
condivisioni