Pubblicità

Verso una nuova sintesi integrativa nella prospettiva psicologica del sogno

0
condivisioni

on . Postato in Ricerche e Contributi | Letto 872 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Nel costante cammino ermeneutico intrapreso dall’uomo il “sogno” non è più nella sua purezza riducibile alla lineare teoria freudiana dell’appagamento di un desiderio rimosso.

sogno e sogniLo stesso destino vale per la “fantasia” e i suoi prodotti. Il “lavoro onirico”, notturno e diurno, necessita di essere indagato da altre discipline scientifiche ed esteso a tutte le produzioni creative dell’uomo. Dalle mie ricerche teoriche e pratiche consegue nella provvisorietà delle umane elaborazioni la seguente griglia interpretativa.

  • Il sogno è l’attività psichica del sonno e si svolge nelle fasi R.E.M. .
  • Il sogno è il prodotto della realtà psichica in atto e l’espressione parziale della struttura psichica evolutiva implicita.
  • Il sogno svolge psicodinamiche legate alle fasi evolutive della “libido”, (orale, anale, fallico-narcisistica e genitale) e alla relazione edipica, in generale le psicodinamiche funzionali alla “formazione del carattere”.    
  • Il sogno si può definire “resto notturno” in quanto non è ricordato nella sua integrità e purezza, ma viene rielaborato al risveglio con pezze
    logico-consequenziali.
  • Il sogno è rappresentazione di “simboli” e implica la specifica modalità mentale e il preciso concorso dei meccanismi del “processo primario”.
    A livello neurofisiologico si richiamano le attività dell’emisfero cerebrale destro.
  • Il sogno è “proiezione” di “archetipi” e di “fantasmi” “introiettati” a base filogenetica collettiva e individuale.
    A livello neurofisiologico sono coinvolte le attività dell’emisfero cerebrale destro.
    A livello psichico profondo sono implicati i meccanismi arcaici di difesa della “proiezione”, della “introiezione” e della “identificazione”.
    A livello psico-economico è innescata e agita la carica energetica della “libido”.  
    A livello psico-cognitivo sono instruiti i meccanismi del “processo primario”.     
  • Il sogno è espressione delle istanze psichiche dell’Es, dell’Io e del Super-Io, intenzionate dialetticamente al “principio del piacere”, al “principio della realtà” e al “principio della coazione a ripetere” ispirato da Eros e Thanatos.
    A livello neurofisiologico sono coinvolte le attività dell’emisfero cerebrale destro e dell’emisfero cerebrale sinistro.
    A livello psichico profondo sono richiamati i sistemi psichici secondo una valenza  topica, dinamica ed economica con l’attivazione della “libido” finalizzata all’equilibrio psichico di natura risolutiva.
    A livello psico-cognitivo sono usati i meccanismi del “processo primario” e del “processo secondario”.     
  • Il sogno svolge una psicodinamica di natura descrittiva e prevalentemente conflittuale.
    I contenuti del sogno sono “segni” semanticamente interattivi, degni di attenta considerazione e passibili di utile decodificazione sempre in funzione dei benefici effetti dell’autocoscienza: i sogni sono semiologicamente “segni significanti” dotati di “senso” e di “significato”.  
    A livello neurofisiologico sono richiamate in maniera determinante le attività dell’emisfero sinistro.
    A livello psichico profondo sono evocati i sistemi psichici con valenza dinamica e dialettica in reazione a coordinate pulsionali di natura libidica.  
    A livello psico-cognitivo intercorrono i meccanismi del “processo secondario”.
  • Il sogno implica i meccanismi e i processi psichici di difesa.
    Il significante e il significato onirici comportano l’equilibrio psichico, per cui la funzione difensiva è implicitamente evocata e attivata.     
    A livello neurofisiologico sono richiamate le attività dell’emisfero destro e dell’emisfero sinistro.
    A livello psichico profondo è instruito il sistema delle difese nel suo aspetto arcaico ed evoluto, ma sempre nella funzione filogenetica dell’equilibrio.   
    A livello psico-cognitivo si evidenzia l’attività combinata e specifica del “processo primario” e del “processo secondario”.  
  • Il sogno struttura figure retoriche.
    Tra il “contenuto manifesto” e il “contenuto latente”, il termine e il significato, è poeticamente inscritto un nesso reperibile nella gamma delle figure retoriche.  
    A livello neurofisiologico è richiamata l’attività dell’emisfero cerebrale destro.
    A livello psichico profondo si rileva topicamente la presenza di materiale psichico preconscio o inconscio funzionale all’elaborazione dei processi creativi.  
    A livello psico-cognitivo è instruita l’attività del “processo primario” e del “processo secondario”.
    Le figure retoriche prevalentemente implicate sono la”metafora”, la “metonimia”, la “sineddoche”, la “antonomasia”, la “iperbole” e la “enfasi”.

 

 

Articolo a cura del Dottor Salvatore Vallone

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

Cyberbullismo

Il termine cyberbullismo, o bullismo on-line, indica una nuova forma di bullismo e di molestia che avviene tramite l’uso delle nuove tecnologie: e-mail, blog, c...

News Letters

0
condivisioni