Pubblicità

Prefazione a #MyWebIdentity (di Andrea Albanese)

0
condivisioni

on . Postato in #MyWebIdentity. Elementi psicosociologici dell'identità online | Letto 73 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Scrivo con piacere questa prefazione per il libro di Anna, una lettura che consiglio vivamente a tutti coloro che vogliono un punto di vista innovativo sul tema dell’identità digitale al tempo dei social media.

mywebidentity personal branding social mediaTrovo che l’approccio divulgativo di questo libro, che da un lato conserva forti elementi teorici e metodologici e dall’altro invita e porta il lettore ad una sperimentazione pratica nella sezione #ComeFare, sia un meraviglioso esempio di trattazione di uno dei temi più complessi ed articolati dei nostri tempi: l’essere umano e le implicazioni di un’innovazione tecnologica sulle relazioni ed il comportamento sociale.

Tim Berners-Lee, inventore del Web nel 1990, all’epoca ricercatore del CERN di Ginevra, dichiarò: “Il web è più un’innovazione sociale che un’innovazione tecnica. L’ho progettato perché avesse una ricaduta sociale, perché aiutasse le persone a collaborare e non come un giocattolo tecnologico. Il fine ultimo del Web è migliorare la nostra esistenza reticolare nel mondo”.

I Social Network sono un’evoluzione del Web, li utilizziamo in modo così intenso e strumentale per comunicare tanto da aver creato il termine ‘Social Media’. Penso che nemmeno lo stesso Tim Berners-Lee potesse immaginare quanto profetica, futuristica e incredibilmente attuale fosse la sua dichiarazione, né tantomeno gli effetti delle sua creazione.

Quello che ho visto in questo vorticoso periodo è stata la ricerca da parte delle persone e delle aziende di apprendere, comprendere ed utilizzare il nuovo linguaggio digitale. Una ricerca volta ad apprendere come relazionarsi con i propri utenti, clienti e potenziali clienti, come fare marketing e comunicazione, come raccontare i propri prodotti e servizi e soprattutto come raccontare i propri valori e la propria identità.

A ben guardare, la ricerca che ho visto nelle persone d’azienda che ho incontrato, è quella di comprendere come dall’On-line si creino relazioni Off-Line e come si sostengano e mantengano contestualmente ancora nell’On-Line attraverso i Social Network. È una ricerca spesso inconsapevole, volta alla comprensione di come usare questo nuovo linguaggio digitale e di tutti i suoi dialetti (Facebook, Twitter, Instagram, Whatsapp, ...).

Una ricerca partita dalla sperimentazione personale che ognuno di noi ha fatto nel mondo Digital iniziata solo 25 anni fa con il WWW.

Pubblicità

Se penso a come è cambiato negli ultimi 4 anni il mio modo di relazionarmi con gli altri con l’avvento dei Social Media quasi non mi riconosco; ora il sabato e la domenica sono diventati un elemento della settimana lavorativa, ed il mio concetto di tempo libero è mutato. La mia attenzione alle cose è cambiata, il modo in cui leggo è differente. Ora incontro le persone digitalmente sui social e poi stringo loro la mano, e l’immagine che danno di loro online mi condiziona. I Social mi hanno dato una sorta di ubiquità digitale, per cui sono sempre online e raggiungibile anche quando sono affaccendato in altre cose: una persona mi legge su Linkedin, approfondisce su un Blog e curiosa su Facebook tra i commenti dei miei collegamenti e mi scrive un messaggio dopo avermi sperimentato digitalmente, con i suoi tempi, secondo le sue esigenze, senza chiedermi nulla. E tutto questo accade mentre sto dormendo, oppure sono in vacanza o da un cliente impegnato su un progetto, tutto accade senza che io sia fisicamente presente.

Negli ultimi 3 anni ho incontrato oltre 12.000 persone sui temi Social e Digital, ed ho avuto l’opportunità di fare formazione in aula a circa 5.600 persone di 4.800 aziende. Questa esperienza personale, mi porta a pensare che la rivoluzione comunicativa e relazionale che stiamo affrontando meriti momenti di riflessione anche attraverso la lettura di un libro. Perché la logica del click e l’analfabetismo emotivo che sta creando, necessitano di studio per essere compresi.

Buona lettura.

Andrea Albanese - Social Media Marketing e Digital Communication Advisor, Project Manager, Docente.

 

 

#MyWebIdentity - ISBN 9788898037995
© 2015 Edizioni Psiconline - Francavilla al Mare

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

Tags: webidentity personal branding

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ho paura di non trovare mai il…

Kikhi, 26     Salve... ho paura di non trovare mai il mio posto. ...

Infedeltà (1528369634858)

Lap84, 34     Sono sposata con mio marito da 5 anni, e nell'ultimo periodo è nato in me il dubbio che possa essermi infedele... ...

Difficoltà nella gestione dell…

Chiara111, 20     Salve. Richiedo l’aiuto di un esperto, di qualcuno che possa prendersi carico del mio problema. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

Disturbi di Personalità

Con il termine Personalità si intende l'insieme dei comportamenti di un individuo, il suo modo di percepire se stesso, gli altri e la realtà, il modo di reagire...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

News Letters

0
condivisioni