Pubblicità

Prefazione a #MyWebIdentity (di Riccardo Scandellari)

0
condivisioni

on . Postato in #MyWebIdentity. Elementi psicosociologici dell'identità online | Letto 248 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Le tecnologie di conversazione digitale, negli anni, stanno diventando, sempre più, una realtà parallela. Un luogo in cui viviamo, ci confrontiamo, facciamo nuove amicizie, lavoriamo e intratteniamo relazioni.

mywebidentity personal brandingIn molti casi, sono l’unico luogo di relazione di persone che, per impegni lavorativi e comodità di accesso, lo prediligono rispetto alla relazione vecchio stile.

Questi strumenti si sono evoluti e continueranno a farlo, per cercare di offrire un meta-luogo in cui poter vivere e fare affari senza stringere mani, richiedere appuntamenti e collaborazioni.

Non sta a me valutare l’impatto sociale di una simile trasformazione. Si vedono già gli importanti effetti, sia positivi che negativi, e sono raccontati benissimo nel libro che state per leggere.

Come professionista del marketing digitale il mio compito è verificare e mettere in pratica, per me e per i miei clienti, attività, atteggiamenti e tecniche da cui trarre il massimo profitto a scopi lavorativi e relazionali. In questo ambito, queste tecnologie offrono molto. Forse troppo. È abbastanza comune vedere che rimangono disoccupati ottimi professionisti, perché incapaci di relazionarsi e di utilizzare le tecniche narrative proprie di questi strumenti, mentre altri che, pur essendo meno qualificati sul piano tecnico, ottengono maggiore successo grazie alla loro ottima comprensione delle opportunità che offrono queste tecnologie.

Ottenere un ottimo Personal Branding digitale è una operazione alla portata di tutti. Questo libro racconta, con dovizia di particolari, quali sono le attività premianti e quali i blocchi che dovremo superare per avvalerci di questa importante attività.

Nel tempo, sono giunto alla conclusione che i veri motivi del fallimento di questo esercizio siano dettati più dalla mancata conoscenza degli obiettivi e dei nostri blocchi personali che dalle problematiche tecniche facilmente risolvibili. Ho conosciuto molte persone negli ultimi mesi che hanno tentato di crearsi un’immagine digitale convincente e sostenibile, ma che si sono arenate alle prime difficoltà.

Pubblicità

Impegnarsi nella creazione di un’immagine digitale convincente e credibile di sé, richiede la capacità di gestire al meglio il tempo, di comprendere e affrontare i propri limiti personali e una continua auto formazione tecnica sugli strumenti. Una combinazione di fattori che davvero in pochi sono capaci di gestire.

La nostra immagine personale digitale è costituita, nel 90% dei casi, da ciò che raccontiamo e che diamo prova di conoscere, dal nostro modo di confrontarci e dalle doti empatiche e comunicative. Ci sono molti modi di comunicare. Lo si può fare attraverso testi, video, immagini o anche con la combinazione di questi, ma la dote principale rimane la capacità di relazionarsi. Dote sulla quale cadono anche molti sedicenti guru della rete che dialogano esclusivamente con persone della loro cerchia e mantengono un atteggiamento di chiusura quasi totale verso l’esterno.

Una caratteristica che fa grande chi è riuscito ad ottenere una buona immagine digitale è l’autorevolezza, come anche la scelta di rimanere fuori da logiche di gruppo o settarie, dalle lobbie improvvisate dei gruppi chiusi, allontanando le sirene delle “persone tossiche” e dei manipolatori.

Saper dire di no è una abilità di pochi. Quei pochi che, di fatto, dimostrano di avere qualcosa di veramente unico e utile: la coerenza!


Riccardo Scandellari - Giornalista e consulente per il marketing on-line

 

 

#MyWebIdentity - ISBN 9788898037995
© 2015 Edizioni Psiconline - Francavilla al Mare 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

Tags: personal branding marketing digitale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Complesso di Edipo

Il nome deriva dalla leggenda di Edipo, re di Tebe, che, inconsapevolmente, uccide il padre Laio e sposa la madre Giocasta. Nella teoria psicoanalitica, indica...

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine ...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

News Letters

0
condivisioni