Pubblicità

Lo sguardo di Salvacuori - n.1

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 731 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Lo sguardo di Salvacuori.
Cronaca e costume visti con l'occhio (e con il cuore) di uno psicologo

Numero 1 - 15 gennaio 2006 All'inizio dell'anno che comincia facciamo i soliti nuovi buoni propositi. Che però spesso nuovi non sono, perché restano dall'anno prima e vengono riciclati come gli avanzi del pranzo di Natale. Più o meno si tratta infatti delle solite pietanze: esser più buoni, metterci maggior impegno con la scuola od il lavoro, fare l'ennesima dieta, risparmiare qualche soldo, non litigare più col partner …. cose del genere, insomma.

Io quest'anno mi sono stufato del solito proponimento che ormai da anni non riesco a mantenere, quello di puntare - nel mio lavoro - più sulla qualità che non sulla quantità.. In pratica, vuol dire cercare di non avere troppi pazienti in terapia. Dovete sapere che faccio lo psicologo (dell'Asl, cioè “della mutua” come si diceva una volta) ed è per questo che bazzico questo posto. Forse vi sembrerà strano questo mio proposito per il 2006. Ma non per niente i miei colleghi mi hanno dato il soprannome “dottor Salvacuori” . Loro sanno che il lavoro lo prendo seriamente e la sera, quando torno a casa con i miei 6 o 7 pazienti dietro alle spalle, ho sempre la schiena un po' rotta (a pensarci bene, forse dovrei dire “sulle spalle” più che “dietro”). Voi non ci crederete, lo so, ma noi strizza-cervelli siamo esseri umani. Davvero, ve lo giuro. Non si nota spesso, ma sappiamo anche ridere. Tratteniamo sbadigli. Restiamo sbalorditi. O confusi. Starnutiamo a raffica. Piangiamo, in qualche occasione Ed alle volte siamo stanchi, pieni del dolore altrui. Perlomeno questo capita al sottoscritto. Perché spesso mi porto a casa il lavoro. Loro – i pazienti – mica lo sanno. Ma accade proprio questo, perché entrano nella mia mente, che mi piaccia o no. L'altro giorno per esempio credevo di parlare con Giulia la mia vicina di casa, che si lamentava del suo mal di testa cronico. Quando le ho detto “ Forse sarebbe ora di far pace con sua sorella, dopo tanti mesi” lei m'ha guardato sbalordita, ricordandomi che è figlia unica. Lì ho capito che nella mia fantasia io stavo parlando con Teresa, la mia paziente ansiosa del mercoledì ore 17, non con Giulia.

Dunque vi dicevo che ho lasciato perdere il solito vecchio proponimento e ne ho trovato uno nuovo di zecca: quello di scrivere questa rubrica un paio di volte al mese. Devo ringraziare la disponibilità del collega ed amico Luigi Di Giuseppe che si fida di me. Quello che voglio fare per meritarmi questa fiducia è raccontare a voi visitatori di questo sito i pensieri, le fantasie e delle riflessioni di un dottore in carne ed ossa. Scriverò dalla cantina della mia anima e dal retrobottega del mio studio. Niente di “scientifico”, nulla di “tecnico”, zero ricette su come superare qualsiasi problema in 5 mosse. Vi parlerò di piccoli fatti, quelli che avvengono nella vita di tutti i giorni. Ma anche di grossi avvenimenti, che si possono leggere sui giornali. E scriverò di tutto questo con lo sguardo di Salvacuori, uno psicologo che a volte sembra “umano troppo umano” E se qualcuno mi darà un “la”, una nota da cui partire, prenderò spunto anche da quella. A risentirci alla prossima puntata.

 

a cura del Dott. Fabrizio Rizzi
se volete comunicare con l'autore: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Archetipo

“La nostra psiche è costituita in armonia con la struttura dell'universo, e ciò che accade nel macrocosmo accade egualmente negli infinitesimi e più soggettivi ...

Parafilia

  Con il termine Parafilie si fa riferimento ad un insieme di perversioni sessuali caratterizzate dalla presenza di comportamenti regressivi che prendono ...

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

News Letters

0
condivisioni