Pubblicità

Cosa sono la paura dell'impegno e l'ansia da relazione?

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Fobie, Panico | Letto 2921 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

ansia da relazionePer molte persone, le relazioni sono eventi della vita abbastanza facili e naturali, come respirare o mangiare.

Per altri, invece, non sono così semplici. In questi casi, infatti, esse diventano una vera e propria sfida per l’individuo, tanto che si può dire che una persona abbia l’ansia da relazione, la paura delle relazioni o che soffra di “paura dell’impegno”.

I problemi d’impegno nelle relazioni non sono niente di nuovo. Ma la nostra conoscenza di come la paura dell’impegno possa essere paralizzante, per alcune persone, è cresciuta e, anche se non si trova la “paura dell’impegno” in nessun manuale diagnostico, essa è un’esperienza reale e problematica.

Le persone che hanno problemi d’impegno, paura dell’impegno o ansia da relazione (userò questi termini intercambiabilmente) generalmente hanno un serio problema nell’avere una relazione a lungo termine. Anche se provano amore come tutti gli altri, i loro sentimenti possono essere più intensi e paurosi, rispetto a quanto accade per la maggior parte delle persone, e questi li conducono ad esperire un’ansia maggiore, che cresce rapidamente man mano che la relazione va avanti – e che l’aspettativa di un impegno si fa sempre più grande.

Costoro, ad esempio, potrebbero confondere i sentimenti positivi di eccitamento per un’altra persona ed il potenziale di una relazione per sentimenti d’ansia. Altri potrebbero rimanere in un periodo difficile, tipico delle relazioni romantiche, nel quale devono risolvere il conflitto tra il desiderio di intimità da una parte e, dall’altra, quello di mantenere la loro individualità e libertà.

Questi soggetti, in realtà, desiderano una connessione a lungo termine con un’altra persona, ma quest’ansia opprimente impedisce loro di mantenere una qualsiasi relazione troppo a lungo. Se vengono pressati, affinché prendano un impegno, hanno più probabilità di terminare la relazione stessa, oppure potrebbero essere inizialmente d’accordo, ma fanno marcia indietro giorni o settimane più tardi, a causa della loro ansia e delle loro paure angoscianti.

Pubblicità

Sia gli uomini che le donne possono soffrire di ansia da relazione e paura dell’impegno, anche se si è sempre pensato che fosse un problema principalmente maschile.

Le cause della paura dell’impegno

Le cause della paura dell’impegno sono varie, quanto le persone che ne soffrono.
Tipicamente, molte persone con problemi dell’impegno si sono lamentate di aver esperito relazioni romantiche povere, sia in prima persona, che attraverso l’osservazione di altri (ad esempio, una relazione negativa o il divorzio dei loro genitori durante lo sviluppo). Altre cause comuni della paura dell’impegno potrebbero includere:

• Paura, o l’aver esperito, che la relazione termini senza avviso o segnali;
• Paura di non avere la “giusta” relazione;
• Paura di, o essere stati, in una relazione non salutare (caratterizzata da abbandono, infedeltà, abuso, …);
• Problemi di fiducia a causa di ferite passate ad opera di quelli vicini alla persona;
• Traumi o abusi nell’infanzia;
• Bisogni dell’infanzia non soddisfatti o problemi d’attaccamento;
• Dinamiche familiari complesse durante lo sviluppo.

Come aiutare una persona che soffre di paura delle relazioni.

Non importa qual è la causa specifica della paura dell’impegno, essa può essere contrastata. Prima di tutto, però, è necessario che una persona voglia cambiare e trovare una strada per superare questo suo problema. Non può essere fatto dagli altri.

Pubblicità

Ci sono diverse strategie per aiutare qualcuno con paura dell’impegno, le quali dipendono dalla gravità dell’ansia. Se è così grave dall’indurre la persona ad evitare un impegno concreto e duraturo con chiunque, allora potrebbe essere opportuno iniziare una psicoterapia. Un terapista qualificato, che ha esperienza nel lavorare con soggetti che manifestano problemi dell’impegno, può aiutarli a capire le proprie distorsioni cognitive e come cambiarle.

Il counselling, inoltre, potrebbe essere appropriato per chiunque sia passato attraverso una serie di relazioni serie e le abbia terminate, poi, quando non riusciva a portarle allo step successivo. Un terapista aiuterà la persona a capire che non esiste la relazione “perfetta” e che tutte le relazioni hanno bisogno di nutrimento, cura ed attenzione costanti. Una persona apprenderà anche, nella terapia, che la comunicazione aperta con il proprio partner ridurrà la probabilità che ci saranno sorprese future o problemi di fiducia.

Alcune persone, con problemi dell’impegno meno gravi, potrebbero beneficiare dal trarre supporto per le loro preoccupazioni dai gruppi di supporto online per i problemi di relazione e da una serie di libri di auto-aiuto, entrambi di utilità e praticità variabili.

Insomma, la paura dell’impegno può essere superata. Il primo passo è voler apportare determinati cambiamenti nella propria vita e nel proprio modo di pensare, per riuscire ad essere meno ansiosi nelle relazioni future.

 

 

Tratto da: psychcentral.com

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

Tags: ansia paura relazione impegno sentimenti positivi

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Le parole della Psicologia

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolieri e clown, insomma. Ed è per questo...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Limerence (o ultrattaccamento)…

È uno stato cognitivo ed emotivo caratterizzato da intenso desiderio per un'altra persona. Il concetto di Limerence (in italiano ultrattaccamento) è stato elab...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Personalità

“Esistono bisogni emotivi primitivi, esistono bisogni di evitare la punizione e di conservare il favore del gruppo sociale, esistono bisogni di mantenere l’armo...

News Letters

0
condivisioni