Pubblicità

Gli effetti dell'ansia sulla relazione di coppia

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Fobie, Panico | Letto 12892 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (4 Voti)

La letteratura ha prodotto molti risultati su come l'ansia influisce sulla salute mentale, emotiva e fisica, ma poche ricerche hanno considerato l'impatto che l'ansia può avere sulla “salute” della propria relazione di coppia.

Gli effetti dell'ansia sulla relazione di coppiaIn generale, l'ansia può causare periodi in cui si presentano panico, sentimenti di paura o sopraffazione ed un senso generale di tensione e disagio.

Questo, a sua volta, genera una ripercussione sui propri pensieri e sensazioni, tanto da iniziare a permeare le molte aree della nostra vita.

Quando all'interno di una relazione è presente molta tensione, l'ansia potrebbe avere un ruolo chiave. È bene quindi chiedersi se la propria ansia, o quella del partner, potrebbe mettere a rischio la relazione.

Primariamente, è bene sottolineare come l'ansia possa generare una rottura della fiducia e della connessione con il partner.

Essendo una promotrice diretta di paure o preoccupazioni, può portare uno dei due partner a sentirsi meno consapevole dei propri bisogni in un determinato momento, così come determinare una diminuzione della sintonia con le esigenze dell'altro.

Spesso la preoccupazione di ciò che potrebbe accadere, rende difficile prestare attenzione a ciò che sta accadendo, in quanto il senso di sopraffazione, porta l'altro a percepire il partner come se non fosse presente.

In tutti questi casi è bene provare a focalizzarsi sul momento presente. In tal senso, se ci si rende conto che è presente una paura o una preoccupazione che allontana i pensieri da quanto sta accadendo, è bene “mettersi in pausa” e pensare a ciò che di concreto sta avvenendo piuttosto che fantasticare su ciò che potrebbe accadere.

Nel contesto delle relazioni, è sempre auspicabile condividere apertamente le preoccupazioni con l'altro, soprattutto se queste generano sentimenti di ritiro, isolamento o attacco verbale verso l'altro.

Pubblicità

La presenza dell'ansia, nel contesto delle relazioni interpersonali, può determinare l'insorgenza di panico e procrastinazione. Le persone che tendono ad essere ansiose possono avere problemi ad esprimere i propri sentimenti.

Possono avere inoltre difficoltà nel mantenere confini ragionevoli, richiedendo spesso attenzioni. Dal momento che l'ansia è una sensazione scomoda, la tendenza è quella di rimandare l'indagine di tale esperienza, di ciò che si sta vivendo.

D'altra parte, l'ansia può portare le persone a credere che qualcosa debba essere discusso e risolto nell'immediato, quando in realtà una breve pausa può essere utile.

Mediare tra le due cose ovviamente non è semplice, ma quando non si riesce ad esprimere ciò che si sente, l'ansia tende ad aumentare, e dal punto di vista emotivo, la persona non riesce più a gestirsi, divenendo così sopraffatta e adottando un atteggiamento difensivo.

Anche in questo caso, è raccomandabile condividere la preoccupazione con il partner, in modo evitare sia la procrastinazione che l'instaurarsi di una situazione che non consente alla persona di avere un controllo delle proprie emozione.

È inoltre fondamentale trovare del tempo per “decomprimere” alcuni pensieri o paure che affollano la mente, in quanto stanno prosciugando non solo il proprio tempo, ma anche l'energia fisica e mentale.

L'ansia può anche portare le persone a comportarsi egoisticamente. Poiché l'ansia è una reazione alla paura di qualcosa, gli individui che la sperimentano possono a volte concentrarsi troppo sui propri problemi o preoccupazioni, escludendo così l'altro e divenendo meno compassionevole e disponibile verso di lui/lei.

Se il partner prova ansia, nell'altro potrebbero svilupparsi risentimento e reazioni egoistiche. Mantenere i livelli di stress sotto controllo è particolarmente difficile quando il partner si sente ansioso, turbato o difensivo.

L'instaurarsi di preoccupazioni, porta inoltre le persone a sperimentare meno momenti di gioia, in quanto l'ansia genera un senso di timore o limite.

Pubblicità

La capacità di gestire lo stress è infatti correlata ad una migliore sessualità e intimità con l'altro. Al contrario, pensieri e paure negative influenzano la capacità di una persona di essere presente all'interno di una relazione, mettendo potenzialmente a rischio la gioia del momento.

Man mano che l'ansia si indebolisce la relazione si rafforza. Costruire fiducia all'interno della relazione può ridurre il potere dell'ansia. Comprendendo come l'ansia influisce sulle relazioni, si possono promuovere cambiamenti positivi all'interno di una relazione dinamica.

Nei casi in cui l'ansia tende ad essere presente in modo eccessivo, tanto da non riuscire più a controllarla, è importante rivolgersi ad un professionista della salute mentale per favorire una maggiore comprensione della stessa e di come sviluppare strategie di gestione efficaci che non solo miglioreranno la salute personale ma anche quella della relazione di coppia.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: ansia coppia problemi di coppia crisi di panico relazione di coppia crisi d'ansia crisi ansiosa

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Noia

La noia è uno stato psicologico ed esistenziale di insoddisfazione, temporanea o duratura, nata dall'assenza di azione, dall'ozio o dall'essere impegnato in un...

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

News Letters

0
condivisioni