Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Paura e fobie: perché le abbiamo e qualche idea per superarle

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Fobie, Panico | Letto 360 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Quando si parla di paura, è necessario fare una premessa molto importante: la paura è un’emozione sana e utile, senza la quale né le persone, né l’intera specie umana, né la maggior parte degli animali potrebbero mai sopravvivere.

paura 01Grazie alla paura siamo in grado di evitare i pericoli in modo più rapido ed efficace di quanto il pensiero razionale ci permetterebbe.

Così come la paura aiutava gli uomini primitivi a proteggersi dagli animali pericolosi, aiuta noi oggi a scansarci istantaneamente per evitare di essere investiti da un tram, a decidere di sottoporci a esami medici per diagnosticare in anticipo eventuali malattie e ad usare prudenza quando camminiamo in montagna.

Molte persone, però, in verità più di quante si potrebbe pensare, hanno paure che creano loro più problemi di quanti ne risolvano, e pongono loro limitazioni piccole o grandi nella vita quotidiana.

Si parla di fobia quando la paura è legata a qualcosa di molto specifico, come un determinato animale, oggetto o situazione, ed è apparentemente immotivata ed eccessiva, non commisurata all’oggettiva entità del pericolo, ammesso che ci sia.

Ma perché abbiamo paure che noi stessi consideriamo assurde? Cos’è quella sensazione viscerale e invincibile che ci attanaglia di fronte a qualcosa che la maggior parte delle persone considera normale, come guidare o prendere l’ascensore, o perfino gradevole, come i cani o i pagliacci?

Le ipotesi che sono state proposte per spiegare questi misteriosi risvolti della mente sono molte e affascinanti, e forse nessuna è esaustiva.

Secondo Freud tutte le fobie sono riconducibili al bisogno di delimitare e rendere gestibile una generale e pervasiva angoscia esistenziale, “legandola” a un oggetto specifico, cosicché di fronte a questo oggetto abbiamo smisurate reazioni di paura, ma per il resto del tempo, quando non siamo a contatto con esso, la psiche è libera dall’angoscia.

E’ poi esperienza comune che molte fobie, soprattutto quelle nei confronti di un animale, derivano da esperienze sgradevoli e spaventose avute durante l’infanzia proprio con quell’animale, e ricordate o meno a distanza di anni.

Alcuni sostengono che le paure si possano anche trasmettere attraverso le generazioni, a causa di esperienze traumatiche, spesso collettive, anche se il soggetto non le ha provate in prima persona: potrebbe essere il caso dell’inquietudine che molti provano alla vista delle bambole di porcellana, che con i loro tratti infantili, il pallore e la fissità del volto richiamano il dolore straziante della morte di un bambino, che fino a pochi decenni fa non risparmiava quasi nessuna famiglia.

Pubblicità

A un livello ancora più arcaico e profondo, alcune paure sono radicate in esperienze universali fin dall’inizio dei tempi: il buio è sempre stato il luogo dell’ignoto, dove potevano nascondersi belve feroci o nemici armati, dove ogni passo era incerto e dove l’uomo non aveva alcun controllo fino all’invenzione della luce elettrica, recentissima in confronto alla storia dell’evoluzione.

Come fare, allora, per liberarci dalle paure e dalle fobie che diventano ostacoli per la nostra vita?

Accettati per come sei

Può essere molto frustrante e imbarazzante per una persona adulta avere paura del buio, degli uomini travestiti da Babbo Natale o dei gatti, ma il primo passo per sconfiggere la paura è lo stesso che vale praticamente per qualsiasi problema: riconoscerla e accettarla, senza negarla di fronte a se stessi.

Distingui le tue paure

Come abbiamo già detto, la paura di per sé è un’emozione sana, vitale e preziosa. Fate chiarezza dentro di voi e distinguete le fobie che ostacolano la vostra vita dalla paura che vi aiuta a proteggere la vostra sicurezza e benessere, in senso fisico e non solo. Siate grati per quest’ultima al vostro corpo e agli strati più profondi della vostra psiche. Il coraggio non è l’assenza di paura, e non è tanto meno la spavalderia di chi si sente invincibile e senza limiti.

Bisogna ricordare, però, che alcune paure specifiche hanno origine da un vero e proprio trauma vissuto: chi è sopravvissuto ad un grave incidente d’auto, ad esempio, potrebbe restare con la paura di guidare, con le grosse conseguenze sulla sua vita quotidiana che si possono immaginare.

Se questo è il vostro caso o quello di qualcuno che conoscete, è importante dare alla paura il posto che le spetta: quello di messaggera di una sofferenza più grande, che va affrontata con l’aiuto di un terapeuta esperto.

Non lasciarti giudicare

Essere pieni di paure oppure atteggiarsi come se non se ne avesse alcuna sono solo due modi diversi di affrontare le stesse insicurezze, presenti in ognuno di noi.

Tutti abbiamo paura di qualcosa, e tutti prima o poi dobbiamo fare i conti con la più grande delle paure, quella della morte. La paura è qualcosa di universale da cui nessuno è esente, anche se a molti piace pensare di poterlo essere.

Non vergognatevi delle vostre fobie e non permettete agli altri di giudicarvi a causa di esse. Potrebbero deridervi, se ciò li fa sentire più forti per un momento, ma questo riguarda loro e non voi.

Trova il tuo ritmo

Come per quasi tutto, per sconfiggere una fobia non esiste la ricetta perfetta valida per tutti in qualsiasi situazione. Conoscendo voi stessi scoprirete qual è il modo e il tempo più giusto per voi nell’affrontare ciò che vi spaventa.

C’è chi sente il bisogno di un’esperienza radicale, di un contatto estremo con l’oggetto della paura: vi spaventano le altezze? Fate un giro sul Big One di Blackpool, Inghilterra, una montagna russa alta 65 metri senza spallacci di sicurezza; il disgusto che provate per i piccioni è così forte da darvi la tachicardia? Fatevi una foto al centro dell’iconica Piazza San Marco a Venezia in una giornata di sole.

Quando sarete sopravvissuti a questa esperienza, perché di certo sopravviverete, avrete un’idea molto ridimensionata di ciò che vi faceva paura, e vi renderete conto in pieno della vostra reale forza e capacità di tolleranza.

Questo tipo di “terapia d’urto”, però, non è per tutti l’idea migliore. Se non fa al caso vostro, non forzatevi inutilmente. Un approccio graduale potrebbe essere più adatto a voi.

L’importante è fare come quando si va in bicicletta: essere sempre in movimento, perché da fermi non si può stare in equilibrio. Se davvero la vostra paura vi fa soffrire e vi crea problemi, fate costantemente qualche passo, per quanto piccolo, un po’ fuori dalla vostra zona di comfort.

Trova la tua guida

Tutti, per fortuna, troviamo nella vita delle oasi di pace. Può trattarsi di una persona che ci fa sentire al sicuro, di un bel ricordo, di un’attività che amiamo fare, di un ambiente in cui ci sentiamo davvero bene.

Questi elementi possono aiutarci ad affrontare una situazione che ci fa paura.

Non importa quanti anni avete, se siete donna o uomo, o quanto sia elevata la vostra posizione lavorativa: se la persona che vi trasmette sicurezza è davvero degna della stima e della fiducia che riponete in lei, non vi deriderà alla richiesta di accompagnarvi dal dentista.

Ci sono però situazioni in cui è impossibile farsi accompagnare materialmente da quella persona speciale. Potreste allora ricorrere a dei “trucchetti” solo in apparenza frivoli: trovate un piccolo oggetto che simboleggi ai vostri occhi la persona, il ricordo, l’attività o il luogo che vi fa sentire sicuri, e portatelo con voi.

State impazzendo all’idea che dovrete parlare in pubblico, e vorreste sentirvi a vostro agio come quando suonate la chitarra nella vostra band storica e non dovete aprire bocca? Portatevi in tasca il vostro plettro nel giorno fatidico.

Prendere l’autostrada vi terrorizza, e non vi capacitate di come ciò sia possibile visto che siete così coraggiosi da andare ad arrampicare ogni settimana? Nessuno farà caso al vostro moschettone fortunato appeso a un passante della cintura.

Il senso di questi “trucchetti” non è di tipo scaramantico o pseudo-magico, ma è quello di mantenervi in contatto con quella parte di voi stessi che possiede la forza e la sicurezza necessarie per affrontare la situazione. Da qualche parte in voi il coraggio lo avete: l’oggetto sarà per voi come il sassolino con cui Pollicino riesce a ritrovare la strada di casa nella fiaba. E se la cosa vi sembra stupida o infantile, che importa? Nessuno lo saprà a parte voi.

Trova il senso

A volte anche ciò che sembra totalmente irrazionale ha un senso. Scoprirlo vi aiuterà a decidere cosa fare della vostra paura. Qual è il suo significato nascosto, il suo scopo indiretto?

Talvolta, ad esempio, la paura di varie attività moderatamente rischiose come lo sci, il pattinaggio e le acrobazie implica la paura di lasciarsi andare, perdere il controllo e fidarsi di qualcun altro, di qualcos’altro, del nostro corpo o della parte più istintiva di noi stessi. E’ utile allora chiederci se anche nelle relazioni importanti e nel nostro rapporto col mondo abbiamo bisogno di mantenere sempre il controllo, oppure abbiamo paura di “buttarci” nei cambiamenti e nelle novità, o ancora ci sentiamo così fragili da credere che “una caduta” ci sarebbe fatale.

Per fare un altro esempio, è frequente che la paura di prendere l’aereo o altri mezzi di trasporto “protegga” chi ce l’ha dalla possibilità di allontanarsi troppo dal conosciuto, dalle figure genitoriali o da una routine con la quale, pur di ottenere rassicurazione, ci si identifica fino a lasciarsi da essa definire.

Anche se una parte di noi proclama con forza di volere il distacco, la novità, l’indipendenza, un’altra parte ha paura di queste cose, e inconsciamente risolviamo il conflitto spostando la paura sul mezzo di trasporto da prendere, ed eliminiamo così la responsabilità della nostra scelta.

La tanto diffusa paura di sostenere gli esami universitari poi, a causa dell’ansia, porta molti studenti a dare effettivamente prestazioni inferiori alle loro possibilità, rafforzando la paura stessa in un circolo vizioso apparentemente impossibile da spezzare. Spesso dietro a questa situazione si nasconde una più generale paura diventare adulti, di misurarsi con le sfide e le responsabilità della vita autonoma. Impedendo di arrivare alla laurea, la paura di dare gli esami “serve” allora a proteggere il giovane da una paura più grande.

Arrivare tanto in profondità nella comprensione delle nostre paure può essere difficile e doloroso, ma se ci riusciamo, il risultato sarà una crescita interiore più ampia.

Riuscire finalmente ad affrontare la situazione che ci spaventa sarà una conseguenza indiretta di ciò, quando non avremo più bisogno della nostra fobia, perché avremo affrontato il conflitto che la generava.

Talvolta, per superare le proprie paure può essere utile l’aiuto di uno psicologo.

E se vi sembra stupido andare dallo psicologo a causa di una paura che vi sembra a sua volta stupida, pensate a quanto potrebbe essere intelligente l’idea di stare finalmente meglio e liberarvi da ciò che ostacola la vostra vita.

 

BIBLIOGRAFIA

  • Sigmund Freud - Inibizione, sintomo e angoscia, Bollati Boringhieri 1988
  • Danie Beaulieu - Eye Movement Integration Therapy: a comprehensive clinical guide, Crownhouse publishing Ltd 2003
  • Anne Anceline Shutzenberger - Psicogenealogia, Di Renzo 2007
  • Vittorio Lingiardi e Franco del Corno (a cura di) - Manuale diagnostico psicodinamico, Raffaello Cortina 2008

 

(Articolo a cura della Dottoressa Elisabetta Ranghino)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

Tags: ansia panico fobie paura attacchi di panico

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Le parole della Psicologia

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolieri e clown, insomma. Ed è per questo...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fine di un amore senza motivo …

tz86, 31     Buongiorno, è circa un mese che sono stato lasciato dalla mia ragazza. Una relazione breve, circa un anno. Ma molto intensa e bella...

Difficoltà nelle relazioni con…

io, 25     Lavoro in un codominio come portiere, da un po' di tempo ho come la sensazione che si approffitino di me. ...

Distacco dai genitori (1526380…

Alice, 25     Buongiorno, sono una ragazza di 25 anni che lavora. Ho un fidanzato e per fine anno vorremmo andare a convivere. ...

Area Professionale

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Obesità e Confine del Sé nel T…

In tutti i disturbi del comportamento alimentare, ed in particolare nell'obesità, troviamo le problematiche relative alla dimensione del dare/avere e del dentro...

Le parole della Psicologia

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opi...

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

News Letters

0
condivisioni