Pubblicità

Amare... al presente

0
condivisioni

on . Postato in Benessere e Salute | Letto 870 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

 

amare al presenteA volte nella vita, ci si abitua tanto alla sofferenza ed al dolore che allo spiraglio di una gioia vera o davanti alla possibilità di essa, ci si chiude, irrimediabilmente, come temendola.

Si diventa sospettosi, laddove il sospetto, appare superfluo e addirittura dannoso, perché, stavolta, nessuno offende la nostra dignità di persona,umiliandoci.

Si paragona il presente al passato, quasi a ritrovare inesistenti somiglianze, nella ricerca nevrotica di immaginari "semi" o future potenzialità.

Inizialmente si appare sadicamente appagati, godendone.. quasi; contenti di, stavolta, essere stati "furbi" e aver capito in tempo….
….volenterosi nel ritrovare la forza di non ripetere percorsi già fatti che ora, proprio perché non lo sono, ci appaiono come puntellati da probabili insidie…e futura, forse possibile, fonte di sofferenze.

E qui la paura, il timore di perdere ancora una volta, la pesante sensazione di frustrazione di chi subisce…..solo se stesso, stavolta, facendosi del male.

Come se non ne avesse ricevuto abbastanza.

Nel timore di soffrire, si evita di abbandonarsi all'altro, temendo conseguenze già vissute, che ora, solo ora, purtroppo, si sanno riconoscere, scoprendone immediatamente anche i più reconditi segnali.

Eppure "ora" è diverso intuitivamente lo si avverte, lo si sente... ma...

Il passato, spesso, non è facile da dimenticare, specialmente se è stato fonte di sofferenza e di umiliazioni profonde,ripetutamente; esso chiaro e lucido nelle sue immagini,si radica nell'animo, soffocandone bagliori, spegnendo entusiasmi,impoltrendo decisioni…

Pubblicità

Ed è proprio nelle storie d'amore laddove più accesa è l'emotività e più forte la fragilità della persona che simili inutili "comparazioni tra storie" vengono più spesso operate, nella ricerca assillante di inesistenti somiglianze, al pretenzioso scopo di proteggersi, ma in realtà solo precludendosi, in questo modo, la possibilità di una tranquillità emotiva reale ed appagante.

Ora, forse, possibile.

Accolgo, spesso, nella tranquilla silenziosità del mio studio, uomini e donne che mi raccontano, tra le lacrime, di non riuscire a vivere serenamente una storia( che pur appare loro "sicura" e probabilmente serena) perché continuamente inquinata da elementi tratti da un' altra storia, spesso oltremodo dolorosa, precedente a quella vissuta e raccontata a me …. …..

Sinceramente non ritengo ciò sia assolutamente salutare verso se stessi….

Le persone sono diverse e nel campo dell'amore e dei sentimenti, purtroppo le esperienze, secondo me, non servono.

Riporto, sempre sotto forma di lettera, per motivi professionali, le confidenze di un uomo…

"A volte mi capita di pensare a lei, alla mia ex…. Ne provo sofferenza e dolore…e non solo, esiste dentro di me un misto di paura e soddisfazione per lo scampato pericolo,.ma anche tanta rabbia per quel mio fallimento…
il fallimento di chi non ha saputo capire prima…
"prima" di dirle immeritate parole d'amore che farebbero morire di dolore , se le conoscesse, la mia compagna attuale, ma che credo, essendo donna di profonda ed acuta intelligenza, resa ancora più sottile dai penetranti sentimenti che prova per me….ella, qualche volta, immagina….

Lo so dai suoi occhi a volte annebbiati di pianto decoroso e mal trattenuto, quando, in un impeto egoistico le ho parlato …dell'altra…....e lei solo per sondare timorosamente eventuali, restanti, temutissimi, coinvolgimenti.. mi ascoltava in un silenzio spinoso.

Pubblicità

Quando sto male, poi, ed il ricordo si fa più bruciante, l'ingiustizia subita più autentica e meno filtrata dall'umiltà di chi è coinvolto, affettivamente, la positiva fermezza della donna che ora accompagna la mia vita, mi sembra addirittura sospetta, temo che tutto possa finire all'improvviso lasciandomi più solo e più disperato che mai,.col rimpianto di non avere saputo, ora che potevo e dovevo farlo, nel rispetto principalmente di me stesso, accogliere l'amore di chi, senza remore, me lo offriva……

Ma poi quando la vedo, e colgo il terso, fiducioso sguardo di chi, impune da ogni malizia,mi guarda,leggo dentro di lei solo certezze, di cui ho tanto bisogno…..

Allora penso: è diversa, non è come chi mi ha fatto solo soffrire….. e cerco di imparare ad abbandonarmi a lei che amo più di me stesso….. eludendo inesistenti ed inutili paragoni.

Ma non è facile…il passato e i suoi dolorosi ricordi, mi assillano……."

 

Articolo a cura della Dottoressa Anna Scala

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

Tags: amore delusione speranza

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Due mondi diversi [16092338958…

  Morfea23, 21 anni     Da circa 4 mesi sto con un ragazzo totalmente  opposto al mondo in cui da sempre vivo, per situazione famil...

Autostima? [161290462495]

    Buonasera! vi scrivo perche' alla soglia dei 50 anni mi rendo conto di non aver mai portato a termine i molti progetti professionali e pers...

Genitori separati [16127752256…

Lalli, 57 anni     Buongiorno, spiego in breve la mia situazione, sono divorziata e convivo con mio figlio ed il mio compagno da 5 anni, il mio ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

L’adolescenza

L'adolescenza (dal latino adolescentia, derivato dal verbo adolescĕre, «crescere») è quel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato...

Alcolismo

L'alcolismo si contraddistingue per l'incapacità di rinunciare ad assumere bevande alcoliche e ad autocontrollarne la quantità. L'alcolismo può essere talmen...

NPS (New Psychoactive Substanc…

Le nuove sostanze stupefacenti sono un fenomeno allarmante per la salute pubblica.  Il termine NPS, acronimo di “New Psychoactive Substances”, è stato pro...

News Letters

0
condivisioni