Pubblicità

Come possiamo fermare la rabbia?

0
condivisioni

on . Postato in Benessere e Salute | Letto 8997 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (6 Voti)

Fermare la propria rabbia, la propria aggressività è un argomento di grande importanza per molte persone. vale la pena leggere l'articolo per sapere come fare!

RabbiaCi sono tipi positivi di rabbia, che può essere sana e benefica, a seconda del contesto; ma la rabbia è spesso negativa e distruttiva in natura, ed è questo tipo di rabbia che andremo a trattare nel presente articolo.

La rabbia è un'emozione assai pericolosa ed è molto prevalente; può distruggere le relazioni e la vita. È un'emozione devastante.
Quando siamo infastiditi per qualcosa, possiamo diventare come un treno senza freni: le persone possono perdere la capacità di pensare razionalmente.

Perché sviluppiamo problemi di rabbia?

Ci sono molte ragioni per cui possiamo sviluppare un problema di rabbia.

Forse abbiamo assistito a rabbia o violenza quando eravamo bambini e questo ha avuto un effetto su di noi, facendoci interiorizzare l’errata convinzione che il modo migliore per risolvere i problemi è quello di perdere le staffe.

Forse siamo frustrati e arrabbiati per come siamo stati trattati nella vita, mettendo dentro tutto il turbamento che a distanza di tempo si manifesta sotto forma di rabbia.

Oppure ci arrabbiamo perché le persone non stanno agendo come pensiamo che dovrebbero fare.
Abbiamo una visione di come crediamo che le cose dovrebbero essere fatte e quando la gente si discosta da questo ci sentiamo autorizzati ad arrabbiarci.  

Ma è di gran lunga preferibile cercare di accettare il fatto che le persone sono sempre portate a fare cose che non ci piacciono.
Possiamo cercare di impedire loro di fare queste cose e mostrare dispiacere, sì, ma mostrare rabbia e collera, no.
Una “cornice” positiva della mente è sempre la cosa migliore da avere.

Lo stress è spesso la principale causa scatenante. Quando si è stressati tutte le emozioni sono intensificate, si ha bisogno di scaricarle e a volte si trasformano in rabbia.

Ma come fermare la rabbia?

Bella domanda!
Probabilmente non esiste un unico rimedio intrinsecamente sicuro per risolvere i problemi di rabbia; ognuno di noi può aver bisogno di metodi diversi per affrontare tali problemi.

Tuttavia ci sono tecniche che si possono utilizzare:

1. Contate fino a 10, molto lentamente. Provate a farlo quando sentite crescere la rabbia dentro di voi.

2. Pensate alle emozioni di base che avete, che possono essere le vere ragioni che scatenano la vostra rabbia. Provate a lavorare su di esse e cercate un modo per gestirle.

3. Siate consapevoli di ciò che può causare la vostra rabbia, ad esempio un desiderio di controllo, lo stress, o alcune cose che ritenete che le persone non dovrebbero fare.
Se una certa situazione provoca spesso rabbia in voi, cercare di evitarla. O almeno riconoscete che è spesso un “innesco” per voi e mettete in azione i vostri meccanismi e le vostre strategie di coping. Questo vi darà una maggiore probabilità di evitare una crisi di nervi.

4. Prendere nota delle sensazioni corporee, come il surriscaldamento, quando vi state innervosendo. Concentratevi davvero su di esse: è una forma di consapevolezza e può portare la vostra mente a distogliersi da ciò che vi sta facendo arrabbiare.

5. Uscite dalla stanza o dall’edificio. Questo servirà a distogliere la vostra attenzione da qualsiasi cosa vi abbia fatto arrabbiare, in quanto i vostri sensi saranno bombardati da cose da vedere, odorare, gustare, ecc.

Pubblicità

6. Magari fate qualche esercizio faticoso. Ciò richiede tutta la vostra attenzione, e per di più stanca i vostri muscoli. È consigliabile fare almeno 15-20 minuti di esercizio, però, finché non si è completamente concentrati su di esso.

7. Realizzate che spesso non possiamo controllare l'universo e il modo in cui gli altri agiscono, e che è meglio per noi se non proviamo a farlo. Rilassatevi e accettate il fatto che l'universo è un luogo caotico. Le persone possono fare qualsiasi cosa in qualsiasi momento.

8. Respirate profondamente. Prendere numerosi respiri profondi: in questo modo aumenterà la quantità di ossigeno nel vostro sistema, permettendovi di calmarvi nei momenti di stress. Sono consigliabili almeno cinque respiri profondi per ottenere un effetto significativo.

9. Tenete un diario. Può essere utile, quando si perde la pazienza, scrivere quello che è successo, annotare le proprie emozioni e la propria reazione.
Questo vi può aiutare a lavorare con i vostri sentimenti, ed è anche utile qualora vogliate rileggerlo in un secondo momento e vedere se ci sono eventuali esempi da cui poter imparare.

10. Modificate il vostro modo di pensare, così come il linguaggio che usate. Anziché focalizzarvi su pensieri che vi causano rabbia, sostituiteli con pensieri più sensibili, premurosi. Ad esempio, se qualcuno vi taglia la strada, anziché imprecare, considerate che “forse sta avendo una brutta giornata ed è in ritardo per andare al lavoro”.

11. Le incomprensioni spesso possono scatenare la rabbia. Invece parlare, chiarendo gli equivoci, spesso può risolvere tranquillamente eventuali malintesi.

12. Usate l'umorismo per attenuare eventuali situazioni di tensione: può essere un ottimo strumento. Cercate di affrontare le cose con più leggerezza.

13. Se avete un problema serio con la rabbia, è bene che facciate un serio sforzo per risolverlo. Rivolgetevi ad un terapeuta qualificato e provate ad applicare alcune di queste tecniche per un periodo prolungato.

Possiamo venire a capo dei nostri problemi di rabbia  ma ci vuole uno sforzo adeguato per farlo!

 

Tratto da Psychcentral


(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Sara D’Annibale)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: stress emozioni violenza attenzione turbamento rabbia consapevolezza strategie di coping esercizio respirare umorismo sforzo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Disfunzioni Sessuali

La classificazione proposta dall’ICD-10 (International Classification of Diseases, Decima Versione) indica, innanzitutto, quattro criteri generali per poter d...

Pistantrofobia (paura di fidar…

La pistantrofobia è caratterizzata da una paura irrazionale di costruire una relazione intima e personale con gli altri. Molti di noi hanno sperimentato delusi...

Egocentrismo

L’egocentrismo è l'atteggiamento e comportamento del soggetto che pone se stesso e la propria problematica al centro di ogni esperienza, trascurando la presenza...

News Letters

0
condivisioni