Pubblicità

Coronavirus. Riscoprire la vulnerabilità

0
condivisioni

on . Postato in Benessere e Salute | Letto 1452 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Negli anni abbiamo fatto crescere l’idea grandiosa di saper allontanare la morte avendo prolungato la vita o di esorcizzarla rendendola spettacolare. Oggi lo sconosciuto e temibile Coronavirus ci impone qualcosa di nuovo e probabilmente utile: la percezione della nostra vulnerabilità.

Coronavirus. Riscoprire la vulnerabilitàLa lotta contro le malattie virali è antica. Da tempo immemorabile l’uomo combatte contro quei piccoli killer sconosciuti lo minacciano e molte sono state le vittorie riportate in questa guerra. Enormi i successi della virologia.

Eppure oggi lo sconosciuto e temibile Coronavirus che sta mettendo in ginocchio il pianeta, ci impone qualcosa di nuovo e probabilmente utile: la percezione della nostra vulnerabilità. Non si tratta di una novità, ma la consapevolezza della fragilità che ci appartiene è qualcosa che abbiamo dimenticato, presi dall’illusione di essere diventati invincibili.

Negli anni abbiamo fatto crescere l’idea grandiosa di poter fare tutto, di saper allontanare la morte avendo prolungato la vita o di esorcizzarla rendendola spettacolare. Abbiamo profondamente modificato i concetti di spazio e tempo al punto tale che queste categorie, fondamentali per definire il nostro equilibrio mentale, non sono più le stesse. La tecnologia digitale e le nuove modalità di comunicazione hanno alterato la loro percezione al punto tale che un po’ tutti sentiamo lo spazio non più come distanza e il tempo non più come attesa.

L’homo vulnerabilis allora si rivela d’un colpo, si impone al nostro sguardo e si manifesta con le sue profonde incertezze. Allora, sfiancati da una sovrabbondanza di terrori e di visioni apocalittiche, per noi sembra venuto il momento di dedicare attenzione a quelle parti fragili che abbiamo e che fisiologicamente ci fanno creature vulnerabili. Le abbiamo trascurate per troppo tempo, convinti, come in una specie di delirio d’onnipotenza, che tutto fosse ormai divenuto possibile e ogni cosa raggiungibile. Immediatamente.

Invece così non è e d’un tratto tocchiamo con mano l’angoscia di non poterci più muovere liberamente e la sensazione di avere nemici dappertutto. Perché è dal sentimento acuto e mal gestito  della precarietà che possono mettersi in moto “le voci di dentro” e i “rumori” turbolenti di un pensiero persecutorio, fino a ieri illusoriamente controllato con una vigile razionalità o con la chimica.

Pubblicità

Adesso allora, ci troviamo a dover fronteggiare la paura della morte che, pur con convinzioni errate, viaggia accanto al nuovo virus, e a confrontarci con l’angoscia disarmante dell’insicurezza e la sensazione di essere senza strumenti di difesa.

Allora proliferano le immagini catastrofiche che allagano la mente e producono terrore e panico. Di certo epidemia e contagio sono parole che evocano arcaiche memorie di altri passaggi terribili attraversati dall’uomo, come la peste bubbonica del XIV secolo ma, senza negare la storia, abbiamo bisogno di una rinnovata coscienza relativa al nostro essere soggetti vulnerabili, uomini e donne che contengono fragilità e insicurezze.

Ritrovare la consapevolezza socratica del “io so di non sapere” forse ci può aiutare a contenere l’illusione di avere in mano le chiavi di tutto. Con questa rinnovata coscienza possiamo accettare le ristrettezze dei comportamenti da adottare, le distanze fisiche e i necessari accorgimenti protettivi. Grazie al riconoscimento della vulnerabilità esistente, possiamo ridare valore alle relazioni e agli affetti e provare a gestire meglio quella comune esistenza fatta spesso di comportamenti eccessivi.

Di certo abbiamo bisogno di rinforzare il nostro sistema immunitario che, come sappiamo anche dalle neuroscienze, è particolarmente influenzato dallo stato psichico generale e dall’angoscia, dell’isolamento sociale e dello stress. Allora ci serve ricordare la necessità di alleggerire la mente dalla paura e dall’ansia con immagini e sentimenti positivi perché continuare a gravitare nell’angoscia non aiuta. Anzi fa male alla biochimica del corpo e dell’anima.

 

Giuseppe Maiolo, psicoanalista
Università di Trento www.officina-benessere.it

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Psicologia professione sanitar…

di Catello Parmentola La Legge 3-2018 ha configurato la Psicologia come professione sanitaria ma la questione ha una complessità culturale ed epistemologica ch...

Le parole della Psicologia

Lapsus

Il lapsus (in latino "caduta/scivolone") è un errore involontario consistente nel sostituire un suono o scrivere una lettera invece di un’altra, nella fusione d...

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

Funzione riflessiva

“La funzione riflessiva è l’acquisizione evolutiva che permette al bambino di rispondere non solo al comportamento degli altri, ma anche alla sua concezione dei...

News Letters

0
condivisioni