Pubblicità

Il segreto della felicità

0
condivisioni

on . Postato in Crescita personale | Letto 733 volte

4.75 1 1 1 1 1 Votazione 4.75 (4 Voti)

Ogni giorno ci chiediamo come essere felici, come raggiungere la felicità e mantenerla. E ogni giorno rischiamo di rimanere delusi perché nonostante gli sforzi fatti, essere felici è davvero complesso. Proviamo insieme a percorrere i passi giusti con la Psicologia Positiva.

Il segreto della felicitàNella "Dichiarazione di Indipendenza", Thomas Jefferson afferma che abbiamo tutti alcuni “diritti inalienabili”, tra i quali egli include “la vita, la libertà e la ricerca della felicità”.

I filosofi hanno dibattuto a lungo su come raggiungere la felicità nella vita – cercando il piacere, evitando il dolore, raggiungendo la tranquillità, ….

Ora, i ricercatori nel campo della Psicologia positiva – la cosiddetta “scienza della felicità” – pensano di aver trovato i punti chiave per raggiungere questo grande obiettivo.

Quando viene chiesto alle persone cosa le rende felici nella vita, troviamo che ci sono tre risposte principali.

La prima consiste nell’avere risorse materiali sufficienti.

Pubblicità

Questo significa non avere problemi nel soddisfare i nostri bisogni biologici di base – il cibo, i vestiti, un rifugio, la salute, come anche fare cose che ci fanno star bene, e così via. Nella società occidentale moderna, spesso tra i bisogni primari c’è anche l’avere il denaro, quindi non sorprende che il reddito sia positivamente correlato con la felicità! Questo è vero, però, solo se si hanno a disposizione anche gli altri due elementi fondanti.

Il secondo punto è avere risorse sociali sufficienti.

Tutti abbiamo bisogno di avere relazioni significative con la famiglia e gli amici. I nostri bisogni sociali, comunque, variano a seconda della nostra personalità, per cui gli estroversi hanno bisogno di avere maggiori contatti, rispetto agli introversi.

Ma nessuno di noi può essere felice se questi bisogni di base non sono soddisfatti. Questo spiega perché inseguire il denaro non sempre porta ad una felicità maggiore: se lavoriamo tante ore per guadagnare un sacco di soldi, finiamo per sacrificare le nostre relazioni sociali. E che senso ha fare un secondo lavoro, per pagarsi la barca, se poi non c’è mai tempo di uscirci con la famiglia?

Il terzo requisito fondamentale è vivere in un ambiente stabile.

Tutti noi abbiamo bisogno di dare un senso al mondo e di capire qual è il nostro posto in esso. La fede ricopre questo ruolo per diverse persone perché la religione ci dà un sistema di credenze, il quale permette di dare un ordine al caos che abbiamo intorno a noi e ci aiuta a capire che siamo parte di qualcosa di più grande di noi.
Quindi, per essere felici abbiamo bisogno di avere un qualche tipo di spiritualità – cioè sentire che, in qualche modo, rientriamo nel grande disegno delle cose. E, quando si tratta di raggiungere la felicità nella vita, è irrilevante se questo sistema di credenze ha un qualche fondamento di verità.

Potete avere tutt’e tre questi requisiti – le risorse materiali, le risorse sociali ed un ambiente stabile – ed essere comunque infelici.

Se è così, sappiate che quelle appena elencate sono le cause esterne della felicità, ma ci sono anche quelle interne.

La più importante di queste è avere un atteggiamento positivo.

Anche se siete scontrosi di natura, potete provare a fare un sorriso e mettere un po’ di allegria nella vostra voce. L’umore è abbastanza facile da manipolare e far finta di essere felice vi ci farà sentire davvero alla fine, sia grazie al vostro sistema nervoso, perchè se il vostro cervello percepisce che i muscoli del sorriso sono attivi, egli assume che dovete essere felici, sia grazie al vostro ambiente sociale, perchè se siete carini con le altre persone, queste lo saranno con voi. Ma avere un atteggiamento positivo non vuol dire solo pensare cose positive.

Come hanno puntualizzato la Dottoressa Laura King ed i suoi colleghi della University of Missouri, la felicità dipende anche dal senso che attribuiamo al nostro vivere. Tutti abbiamo bisogno di inseguire degli obiettivi importanti ed avere la sensazione che stiamo dando il nostro contributo alla società.

Pubblicità

Al contrario, sentire che le nostra vita non ha un significato può avere conseguenze devastanti. Le persone che avvertono questa inutilità, infatti, hanno un rischio più alto di avere un ictus, un infarto e di sviluppare la Malattia di Alzheimer.

In più, sentire che la propria vita non ha senso è un sintomo tipico della Depressione, la quale può condurre al suicidio, perché questi individui cercano nella morte quei valori, che non hanno trovato nella vita.

Insomma, la felicità – che include sentire che la propria vita ha un significato ed è di valore – non è solo un lusso per pochi privilegiati, ma è un ingrediente essenziale per una vita in salute e produttiva.

Come scrisse Jefferson, le persone hanno il diritto di inseguire la felicità. E la Psicologia positiva ci mostra come.

 

 

Fonte: PsychologyToday.com

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

 

 

Tags: felicità psicologia positiva

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la filosofia etica legata alla ricerca...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

Confabulazioni

La confabulazione è un sintomo frequente in alcune malattie psichiatriche, dovuto alla falsificazione dei ricordi. Questa sintomatologia clinica è mostrata da ...

Training Autogeno

Il training autogeno nasce come tecnica ideata da J.H. Schultz, neurologo e psichiatra.Training significa “allenamento”, autogeno “che si genera da sé”; ciò dif...

News Letters

0
condivisioni