Pubblicità

Disagi emotivi e disturbi fisici

0
condivisioni

on . Postato in Benessere e Salute | Letto 2741 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (5 Voti)

Nella moderna visione della medicina psicosomatica, la psiche e il soma sono una unità inscindibile, in cui tutto quello che succede in una parte, inevitabilmente, condiziona e influenza l’altra.

medicina psicosomatica - Disagi emotivi e disturbi fisiciGli studi più recenti hanno riportato che alcune malattie possono essere causate da disagi emotivi e una frequenza elevata di questi ultimi, unita a una certa intensità e durata di avvenimenti stressanti, possono essere corresponsabili di alcuni disturbi.

Peraltro, stimoli costanti e ripetuti possono essere maggiormente dannosi di singoli eventi stressanti circoscritti e limitati in un breve periodo di tempo comportando un’attivazione cronica del sistema nervoso vegetativo.

D’altra parte, l’ambiente caotico delle nostre realtà quotidiane, sia cittadine che lavorative, caratterizzato da elevati livelli di rumore, traffico, inquinamento, non solo acustico, può svolgere un ruolo importante nella formazione di alcuni sintomi poiché pone sollecitazioni varie e continue alle quali non sempre siamo pronti a fare fronte e reagire.

Uno studioso di nome Toffler, alcuni anni fa, parlò di una situazione che poteva presagire un “futuro schock”, poiché, secondo lui, la velocità prodotta dai cambiamenti prodotti dalla tecnologia è di gran lunga superiore alla velocità del nostro adattamento psicobiologico, aggiungendo, che potremo crollare, in un futuro sempre più probabile, nel tentativo di adattarci ai continui cambiamenti che potrebbero avvenire in futuro.

Purtroppo, l’uomo contemporaneo è orientato sempre più verso l’ideologia dell’avere, del denaro, del successo ad ogni costo, all’esteriorità e spesso basa la sua vita principalmente nel soddisfare le sue esigenze più esteriori allontanandosi dalla sua interiorità più profonda ed esponendosi in tal modo al rischio di disagi psicologici più o meno gravi.

Occorrerebbe allora ridimensionare questi bisogni e dare a loro il giusto peso per rimettersi sulla pista che conduce ai nostri bisogni più autentici e veri allo scopo di recuperare noi stessi e la nostra interiorità.

Nella moderna visione della medicina psicosomatica, la psiche e il soma sono una unità inscindibile, in cui tutto quello che succede in una parte, inevitabilmente, condiziona e influenza l’altra.

In questi ultimi miei articoli qui pubblicati, ho fatto riferimento anche al ruolo che ricoprono gli ormoni dello stress che produciamo quando siamo di fronte agli eventi dolorosi ai quali a volte la vita ci espone; queste sostanze, è stato riferito, possono essere responsabili di svariati disturbi e malattie, a volte anche importanti. E’ proprio il nostro sistema nervoso, infatti, che attraverso le sue componenti ortosimpatiche e parasimpatiche, è capace perfino di influenzare la nostra reattività immunitaria.

Pubblicità

Per questo voglio fare riferimento ad un caso che destò interesse e scalpore qualche decennio fa: tre donne mastectomizzate da circa venti anni morirono solo in seguito alla comparsa di metastasi a pochi mesi di distanza dalla morte dei loro rispettivi coniugi. Questo caso fece parlare di sé in quanto poteva dimostrare l’effetto che possono avere alcuni eventi devastanti che possono insorgere nel corso della vita sulla salute psicofisica e sulla riacutizzazione di alcune malattie.

Molte ricerche attuali, inoltre, riferiscono che le persone che sono più aperte alla espressione di sentimenti ed emozioni e che non sono disposte a “mandare sempre giù”, sono risultate soggetti più a lunga sopravvivenza.

Secondo l’interpretazione analitica psicocorporea, l’esteriorizzazione del malcontento e dei sentimenti negativi, attraverso apposite e collaudate esperienze psicofisiche messe a punto, in particolare dall’analisi bioenergetica, in questi ultimi anni, può davvero aiutare a sciogliere le tensioni emotive accumulate quotidianamente nel corso degli anni e sedimentate nel corpo e può restituire all’organismo quella fiducia e quella vitalità che sembravano essere perdute.

Alcune ricerche nel campo della psicologia oncologica hanno appurato anche che i soggetti che presentano maggiore sopravvivenza appaiono individui meno stressati e più reattivi nei confronti della malattia e sono risultati maggiormente capaci di utilizzare i meccanismi proiettivi di difesa.

 

 (Articolo a cura del Dottor Alfredo Ferrajoli)

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: medicina psicosomatica relazione psiche soma

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficolta' a dimenticare [159…

Alidra82, 38 anni Gentili dottoriIl mio problema puo' sembrare molto banale, ma e' un problema che limita molto la mia vita e da cui non riesco a liberarmi...

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

Tocofobia

Il termine tocofobia deriva dai due termini greci tocòs = parto e fobos (paura, timore). ...

Lallazione

Indica quella fase di sviluppo del linguaggio infantile, che comincia all’incirca intorno al quarto-quinto mese di vita, e che consiste nell’emissione di suoni...

Longininfismo

Carattere degli organi sessuali femminili determinato da un grande sviluppo delle piccole labbra (o ninfe), le quali protendono all’esterno delle grandi labbra ...

News Letters

0
condivisioni