Pubblicità

Elogio allo stress. Quando lo stress rende vivi

0
condivisioni

on . Postato in Benessere e Salute | Letto 1552 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lo stress ci mette di fronte ad un' esperienza di pre-morte, uno stato che ci ricorda la nostra possibile mortalità. E’ il vortice del nostro scorrere del tempo.

stressA differenza dell’angoscia, termine che richiama sempre ad uno stato di malessere associato al nulla, lo stress può avere degli effetti positivi e gratificanti sulla salute psicofisica dell’ individuo.

 

Lo stress, nella sua accezione positiva, indica una risposta psicofisica associata a compiti emotivi e cognitivi, percepiti dall’individuo come eccessivi.

Lo stress, dunque, non è un esperienza coerente, ma è una fase temporanea, una forma di energia per poter più agevolmente raggiungere un obiettivo.

Raramente ci si sente stressati per un periodo di tempo prolungato; una condizione stressante può  essere fastidiosamente prevedibile, ma anche piacevole.

In una fase di stress è possibile trovare piacevoli momenti di tranquillità e di grazia, alternati a fasi rabbia e aggressività.

Questo indica sicuramente che quando ci si sente stressati, si è più vulnerabile all’errore, ma inevitabilmente, è possibile confrontarsi con sensazioni di inaspettata bellezza che fanno sentire vivi.

Una totale assenza di stress genera nell’individuo uno stato di malessere e tormento che apre tempo e spazio a qualcosa di indefinito, una paura senza nome che si nutre dell’anima: l’angoscia.

Il nostro profondo desiderio di dramma

Uno dei segnali più concreti dello stress sono le scadenze, soprattutto nei contesti lavorativi.

Queste due condizioni sembrano apparentemente attratte tra di loro, in quanto, non sono solo causate dalla stessa tendenza alla procrastinazione per paura del fallimento, o per pigrizia, ma, piuttosto, tale affinità stress- scadenze nasce da un profondo desiderio di vivere un esperienza drammatica.

Ironia della sorte, tutte le sensazioni più forti, anche le più dolorose, quando vissute intensamente, permettono di sentirsi vivi.

Un lavoro senza stress, renderebbe la vita quotidiana noiosa e priva di senso. Ed è la routine  che genera angoscia, oppressione, tormento e inquietudine, poiché è in questi casi che si percepisce di essere inutili e dimenticati da tutti.  

Detto ciò, lo stress deve essere gestito. Quando si è  sotto stress, non si può tornare indietro, è  invece, necessario lottare per adattarsi ad ogni nuova esperienza.

Naturalmente, se la condizione di stress va oltre la linea sottile del panico e della paralisi, gli effetti di tale situazione saranno tutt’altro che positivi.

Se lo stress diventa un “ modus operandi” e  si trasforma in ansia competitiva, la stessa esistenza e l'identità le saranno rapidamente trasformate in  “malattie angoscianti”.

Quando non si desidera più nulla, quando ci si arrende senza un minimo sforzo, quando non si agisce più per paura di fallire, si comincia ad avere paura del tutto e del nulla.

Rimane così il niente e l’angoscia diventa, così, un tormento quotidiano.

 

Tratto da Psycology Today

 

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Addorisio De Feo Ilaria)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

Tags: panico angoscia stress desiderio salute psicofisica mortalità esperienza drammatica

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Attacco di panico [16046547539…

NoNickname1, 18 anni Sono in un periodo difficile. ...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

dipendenza da shopping

La sindrome da acquisto compulsivo è un disturbo del controllo degli impulsi che indica il bisogno incoercebile di fare compere, anche senza necessità, ed è anc...

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

News Letters

0
condivisioni