Pubblicità

Gestire emozioni che ci sovrastano: 6 suggerimenti utili

0
condivisioni

on . Postato in Benessere e Salute | Letto 2021 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Ogni giorno ci troviamo di fronte migliaia di notizie, spesso drammatiche e coinvolgenti. Come fare per non esserne sopraffatti? Come non cedere alle emozioni che ci sollevano? Guardiamo insieme una serie di utili suggerimenti.

gestire le emozioni fortiLa tecnologia moderna (smartphone, tablet, computer) ci permette un accesso immediato ad una vasta quantità d’informazioni. Con così tante notizie disponibili, le agenzie di stampa devono trovare il modo di attirare la nostra attenzione e, spesso, lo fanno creando messaggi altamente suggestivi e carichi di emotività.

Disastri, tragedie ed una vasta gamma di ingiustizie sono, spesso, il punto cardine.

Di fronte a tutto ciò, quindi, possiamo passare, in una manciata di secondi, dall’essere calmi e raccolti, al completamente fuori di testa e pieni di indignazione.

Come possiamo rimanere informati, senza esserne così angosciati, tanto da sconvolgere costantemente la nostra vita quotidiana e compromettere la nostra capacità di essere presenti ed aiutare gli altri?

Ecco sei consigli per aiutarvi a rimanere informati ed a gestire le forti emozioni del momento.

1.    Respirare.

Vedere qualcosa di doloroso attiva la risposta lotta/fuga e la nostra respirazione diventa veloce e poco profonda.
Ciò, a sua volta, aumenta l’ansia e dà il via alle nostre emozioni.

La ricerca dimostra che una respirazione lenta, profonda e costante attiva il nervo vago, il quale controlla il sistema nervoso parasimpatico, responsabile della risposta di rilassamento.
Pochi respiri profondi, pertanto, vi aiuteranno a sentirvi più tranquilli.

2.    Sentire il proprio corpo.

Quando, nel momento in cui leggete una notizia importante, sentite insorgere delle emozioni forti, poggiate bene i vostri piedi sul terreno e muovete le dita. Piegate leggermente le ginocchia, se siete in piedi, e sentite la sedia che vi sostiene, se state seduti.
Siate consapevoli delle sensazioni corporee e immaginate voi stessi che controllate le sensazioni e le emozioni, che si muovono attraverso il vostro corpo.

Anche l’esercizio fisico regolare rilascia la tensione accumulata e può aiutare a gestire le emozioni del momento.

3.    Guardarsi allo specchio.

Le emozioni forti ci possono portare a dimenticare noi stessi ed a fare delle azioni, che, poi, rimpiangeremo.

Il contagio delle emozioni, inoltre, si verifica quando ci facciamo “catturare” dall’emozione di un altro, dimenticando temporaneamente la nostra identità individuale, ed agiamo sull’emozione sentita dal gruppo.

Pubblicità

È possibile interrompere questo slancio semplicemente guardando i propri occhi allo specchio. Ciò sposterà l’attenzione ed aumenterà la consapevolezza di sé.
La ricerca dimostra, infatti, che prendendosi un minuto, o due, per vedere la propria immagine riflessa riduce lo stress e l’ansia ed aumenta l’autocompassione.


4.    Assumere probiotici.

La ricerca ha dimostrato che la qualità dei batteri presenti nell’intestino sono strettamente collegati al modo in cui vengono vissute le emozioni.
Quindi, potrebbe essere a causa dei vostri batteri intestinali se siete più suscettibili, a livello emotivo, alle news quotidiane.
Con l’assunzione di integratori probiotici si può avere un numero minore di sbalzi d’umore ed è possibile sperimentare un miglioramento nel vostro stato d’animo generale.


5.    Essere consapevoli – rallentare.

Una regolare pratica meditativa, come la Mindfulness-Based Stress Reduction, può aiutare a rallentare e rimanere presenti nel momento.
Assumete una prospettiva da osservatore, o una meta-cognitiva, sulla vostra reazione: osservate la notizia e le vostre risposte emotive con distacco.
Avrete, così, meno probabilità di agire impulsivamente.

 

6.    Utilizzare uno slogan o un mantra.

Un’altra tecnica meta-cognitiva molto efficace è quella di avere uno slogan, o un mantra, personalmente significativo, come “Anche questo passerà”, “Possano tutti gli esseri umani essere felici e liberi”, “Ho intenzione di essere gentile”, “Sono a mio agio con l’incertezza”, e così via.
Questo può aiutarvi a ricordare il quadro più ampio e le vostre intenzioni positive per voi stessi, gli altri ed il mondo in generale.

 

In un mondo, in cui notizie di ogni genere passano veloci e, altrettanto rapidamente, sconvolgono la nostra giornata, essere sopraffatti dagli eventi e dalle emozioni del momento è fin troppo facile.

Con questi brevi suggerimenti, però, potrete tornare padroni di voi stessi e del vostro benessere fisico e mentale, ricordando, comunque, che, qualora essi non dovessero funzionare, o bastare, allo scopo, sarebbe opportuno rivolgersi ad un professionista qualificato.

 

 

 

Fonte: PsychologyToday.com

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: emozioni gestione delle emozioni news consigli utili benessere personale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

News Letters

0
condivisioni