Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Gli scienziati hanno scoperto una strada chiave che protegge le cellule dalla morte dovuta allo stress

on . Postato in Benessere e Salute | Letto 563 volte

neuroni stressQuando si tratta di proteggere le cellule dalla morte causata dai danni dello stress ambientale, il corpo umano è particolarmente ingegnoso.

Dalle componenti cellulari che aspirano le proteine mal ripiegate ad un sistema immunitario vigilante, i modi in cui noi proteggiamo le nostre cellule (e noi stessi) sono diversi e misteriosi.

Gli scienziati del Florida campus of The Scripps Research Institute (TSRI) hanno ora scoperto un altro meccanismo implicato nella protezione della cellula, uno che può svolgere un ruolo importante in un numero di disturbi correlati all’età, inclusi il diabete e le malattie di Parkinson, di Alzheimer e di Huntington.

Maggiore o minore accelerazione.
Lo studio si focalizza su una nuova via, attraverso la quale Rheb, un regolatore che alcuni credono sia attivo quando il cervello deve cambiare in risposta all’apprendimento, attualmente gioca due ruoli, piuttosto che uno, ovvero quelli di stimolare ed inibire la sintesi della proteina. L’interazione tra questi due ruoli potrebbe essere la chiave che permette alle cellule di alterare la sintesi della proteina e di proteggere la cellula nella risposta al variare degli stress ambientali.
“Abbiamo trovato che Rheb agisce come il pedale dell’accelerazione in una macchina”, ha detto Subramaniam. “Esso può sia incrementare la traslazione che decrementarla. E poiché la traslazione è un processo fondamentale, che è colpito in un sacco di disturbi, noi ora pensiamo che Rheb potrebbe agire come un interruttore nell’evoluzione degli stessi, ovvero aiutando a ‘spegnerli’ o ‘accenderli’”.

Pubblicità

Si sa che Rheb, inoltre, lega ed attiva mTOR, un gene importante a livello evolutivo, che integra i segnali da diverse vie e regola le funzioni critiche della cellula, come la sintesi delle proteine. Oltre a questa sua funzione come attivatore di mTOR, importante in diverse condizioni patologiche, dal diabete ai disturbi neurodegenerativi, il ruolo di Rheb, indipendente dal legame con mTOR, è meno conosciuto. Questo nuovo studio definisce proprio i principali effetti di Rheb, quando non si lega a mTOR. I risultati mostrano che, quando sottoposto ad un forte stress, Rheb inibisce la sintesi della proteina ampliando la fosforilazione (ovvero aggiungendo un gruppo fosfato ad essa per alterare la sua funzione) di un’altra proteina, che è eIF2α. Di conseguenza, le risorse della cellula possono essere conservate, piuttosto che sperperate, quando l’ambiente la sottopone a degli stimoli intensi.

“Noi non abbiamo realmente capito l’intero ruolo della via Rheb-mTOR, ma abbiamo scoperto un nuovo processo fondamentale di Rheb, indipendente dal legame con mTOR, veramente affascinante”, ha detto Neelam Shahani, un membro del laboratorio di Subramaniam che è stato il co-primo autore dello studio con Richa Tyagi della Johns Hopkins University School of Medicine. “Rheb può inibire la sintesi delle proteine e noi sappiamo che una proteina mal ripiegata, a causa dei fattori di stress ambientale, è presente in un sacco di disturbi neurodegenerativi”.

 

Tratto da: psypost.org

 

(Traduzione e riassunto a cura della dottoressa Alice Fusella)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

 

Tags: stress morte cellulare

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolieri e clown, insomma. Ed è per questo...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Area Professionale

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Le parole della Psicologia

Frotteurismo

Il Frotteurismo è una parafilia consistente nell’impulso di toccare e strofinarsi contro persone non consenzienti, al fine di conseguire l’ec...

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia...

Belonefobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

News Letters