Pubblicità

L'abuso emotivo nei confronti di se stessi. 19 modi per farlo

0
condivisioni

on . Postato in Benessere e Salute | Letto 2239 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Siamo diventati abili a comprendere l'abuso emotivo degli altri nei nostri confronti. Ma quali sono le caratteristiche di un adulto che abusa di se stesso a livello emotivo? Come riconoscere i segnali? Come smettere?

abuso emotivo se stessiLe storie di abuso emotivo riempiono le riviste ed i giornali (ed i film sulla vita), ma poco è detto su come, spesso, lo facciamo in primis su noi stessi. È facile comprendere se ci si abusa tra partner perchè possiamo sentire gli insulti ed assistere ai vari comportamenti. Ma cosa succede quando tutto ciò avviene dentro la propria testa?

Accade che questo stile comportamentale – se non reso noto a coloro che possono prendersene cura – persiste. E, a causa di tendenze umane importanti, come, ad esempio, il “Confirmation bias” (pregiudizio di conferma), si indurranno, in modo inconscio, azioni esteriori in coloro che ci sono vicini, le quali ripetono e confermano (appunto) il modo di abusare di noi stessi. In altre parole, se abusi emotivamente di te stesso, istigherai ed incoraggerai anche gli altri ad assumere un tale atteggiamento nei tuoi confronti.

Ma, quindi, come facciamo a riconoscere se stiamo realmente abusando di noi stessi a livello emotivo?

Ecco 19 dei più comuni modi di pensare che indicano che è in corso, dentro noi stessi, questo processo disfunzionale.

  1. “Non sono degno di amore. Nessuno mi vorrebbe”.
  2. “Perché dovrei esprimere la mia opinione? Non so niente”.
  3. “Perché dovrei esprimere i miei bisogni? Sto bene così”.
  4. “Ben fatto! Hai aperto la tua bocca ed hai fatto una figuraccia. Meglio che stai zitto”.
  5. “Sono solo un bambino. Sono troppo sensibile”.
  6. “Non ho ragione di cercare nuovi amici. Non piacerò loro in ogni caso”.
  7. “Se spendo soldi per me stesso, farò arrabbiare il mio compagno/madre/padre, quindi è meglio non farlo”.
  8. “I miei risultati? Non contano. Non sono per niente impressionanti”.
  9. “Non ho il diritto di sognare. Chi sto ingannando? Non realizzerò niente comunque”.
  10. “Sto sbagliando. Sbaglio sempre. Farei meglio a tenere la mia opinione per me stesso”.
  11. “Il mio corpo è orribile. Non sono sexy. Nessuno mi vuole”.
  12. “Non so come, ma è colpa mia”.
  13. “Farei meglio a non dire niente perché non voglio insultare, né offendere nessuno. Mai”.
  14. “E’ colpa mia se (l’altra persona) è infelice”.
  15. “Sono un idiota!”.
  16. “Non merito compassione. Me lo sono meritato. Stupido! Stupido! Stupido!”.
  17. “I miei sentimenti non contano. Solo i bambini sono così bisognosi”.
  18. “Non ho il diritto di…”.
  19. “Quindi cosa succede se dico che sono stupido o senza valore? Lo sono. Sono solo onesto”.

Il primo passo per chiunque si abusa a livello emotivo è riconoscere gli schemi e sentire le parole, da dove provengono e se, finora, è stato tutto minimizzato, negato o nascosto. Per molti versi, è più facile individuare un abusatore emotivo esterno perchè tutto è alla luce del sole. Invece, quando rivolto verso noi stessi, questo può essere un primo passo spaventoso e difficile.

Pubblicità

Puoi effettuare questi cambiamenti interni da solo? Sì, ma solo se lo desideri veramente. Devi essere coraggioso abbastanza da riconoscere i tuoi schemi interni di abuso e cambiare i pensieri negativi in positivi. Dopo questo, devi essere disposto anche a vedere il danno che è stato causato da te stesso e da quelli intorno a te.

Suona facile? Non lo è. Le abitudini hanno bisogno di uno sforzo maggiore per essere cambiate. Quando abusi di te stesso a livello emotivo, senti un senso di potere davvero forte. La tua tendenza a farlo, in un certo senso, sta sopra tutto ed impedisce di esternalizzare la reale debolezza sottostante.

Imparare come accettare ed affrontare le tue sfide in modo realistico, quindi, non solo cura, ma ti permette anche di recuperare il tuo essere un’unica unità. Questo risultato merita, sicuramente, tutto il tuo impegno e, se necessario, un aiuto professionale.

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

 

Tags: abitudini abuso emotivo confirmation bias

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Elementi di Diritto per lo psi…

In questo articolo forniremo dettagliatamente alcuni elementi basilari di diritto per lo psicologo clinico che si trovi chiamato ad operare direttamente nel con...

Le parole della Psicologia

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

Il metadone

Il metadone è un oppioide sintetico, usato in medicina come analgesico nelle cure palliative e utilizzato per ridurre l'assuefazione nella terapia sostitutiva d...

Facies

Il termine latino Facies si riferisce all’espressività ed alla mimica facciali, nonché alla mobilità dei muscoli pellicciai. In semeiotica medica, il termine s...

News Letters

0
condivisioni