Pubblicità

La curiosità è il segreto per una vita sana ed appagante

0
condivisioni

on . Postato in Benessere e Salute | Letto 1472 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (4 Voti)

Attivare la vostra curiosità e cercare di scoprire il perché delle cose e delle situazioni vi consentirà di essere più felici e più forti!

La curiosità è il segreto per una vita sana ed appaganteColtivare la curiosità è un potente mezzo per vivere meglio la nostra vita.

Piuttosto che criticare e condannare noi stessi…
Piuttosto che fare ipotesi e saltare poi subito alle conclusioni…
Piuttosto che assumere i pensieri negativi come fatti concreti…
Possiamo – e dobbiamo - diventare curiosi!

Essere curiosi ci dà spunti importanti, che possiamo applicare al modo in cui prendiamo le decisioni, a come attribuiamo un significato a tutto quello che ci accade, a come ci prendiamo cura di noi stessi.

Per esempio, invece di denigrare e punire voi stessi per aver mangiato i dolci a tarda notte, iniziate ad indagare.
 
Vi piace davvero mangiare dolci? Non vi piace? Se è così, perché correte subito verso la dispensa e, poi, a malapena li assaggiate?

Forse state usando il dessert per curare qualcosa, che, però, non può essere guarito con esso?

Oppure, soffrite di Disturbi alimentari? Si tratta, invece, di qualcosa di completamente diverso?
 
Non lo potrete mai sapere e, quindi, non sarete mai in grado di prendere una decisione adeguata, se non vi chiedete queste cose e non permettete a voi stessi di ascoltare la risposta interamente - ed acriticamente.

Una volta trovata la spiegazione al comportamento che vi state rimproverando, che si tratti di Disturbi alimentari, di un dolore profondo, o di entrambi, potete cercare aiuto consultando uno psicoterapeuta qualificato, informarvi su ciò che vi accade, leggere libri, approfondimenti, articoli scientifici, …, sull’argomento, parlarne con un amico, o fare qualsiasi altra cosa che vi aiuti ad arrivare realmente alla radice più profonda del problema.

Ma quali sono queste cose, per cui ci rimproveriamo ed alle quali dovremmo dare una spiegazione scrupolosa?

Qui di seguito ci sono solo alcuni esempi delle moltissime importanti domande, di cui dovreste diventare curiosi per essere felici:

  • Perché volete perdere peso?
  • Perché avere un “corpo da bikini” è così importante per voi?
  • Perché siete devastati da …?
  • Da dove proviene questo pensiero autocritico che torna continuamente in superficie?
  • Perché siete in ansia per …?
  • Perché amate questa cosa/persona/attività/…?
  • Perché desiderate fare la dieta, contare le calorie, tagliare le porzioni, eliminare i carboidrati, …?
  • Perché rimanete in silenzio?
  • Di cosa ha paura il vostro critico interno?
  • Gli ostacoli, le limitazioni, o le sfide, che pensate stiano ostacolando la vostra crescita e la vostra vita in generale, lo stanno facendo realmente?
  • Perché vi sentite depressi il lunedì?
  • Cosa c’è di così rilassante nel vostro bicchiere di vino di ogni sera?
  • Perché siete attratti da persone che non sono supportive?
  • Come vi fa sentire Facebook?
  • Perché eravate così arrabbiati stamattina?
  • Perché dubitate di voi stessi ogni volta che le cose vanno così e così?

Pubblicità

Se anche oggi vi state rimproverando per quella parola, per quel gesto, per quella cosa che proprio non riuscite a smettere di desiderare, fermatevi! Smettetela di criticarvi!

Liberate la mente da tutti i soliti “dovrei/non dovrei” e pensate bene a cosa vi sta succedendo.

  • Perché avete detto quella parola?
  • Perché vi siete comportati in quel modo?
  • Perché volete così fortemente quella cosa/persona/attività/…?

Siate curiosi! Scavate a fondo… Ancora… E ancora… Fino ad arrivare al vero problema!

A questo punto, sarà quanto mai semplice prendere una decisione, che risolva il vostro disagio, rendendovi appagati e felici!

In fin dei conti, siamo umani… E ci comportiamo in quanto tali… Non biasimatevi per questo!
   
 

Fonte: Psych Central

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: benessere

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 18 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.18 (libertà di scelta), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo sett...

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Le parole della Psicologia

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angosci...

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

News Letters

0
condivisioni