Pubblicità

La dieta nei denti, Anoressia Rabbiosa

0
condivisioni

on . Postato in Benessere e Salute | Letto 1092 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un corpo rannicchiato, chiuso in se stesso, magro, senza fame di vita. E' il corpo di chi soffre d'anoressia, della sazietà psicologica che affama lo stomaco. «L'immagine è quella di una donna accoviacciata e con la testa tra le gambe - dicono gli psicoterapeuti Luciano Peirone ed Elena Gerardi, autori di "Anoressia Rabbiosa" - un essere che nasconde il volto, a difesa di un'anima al tempo stesso fragilissima e aggressiva». Il saggio, 240 pagine, è in libreria per Edizioni Psiconline dal 16 dicembre.

NOTIZIE. La cronaca spesso ci mette di fronte ai drammi di tante pazienti, come la giovane studentessa di 19 anni che il 31 dicembre 2008, San Silvestro, decise di farla finita, buttandosi giù dalla finestra del proprio appartamento. Non voleva vivere l'alba di un nuovo anno. Finiva così cinque di malattia, dalla quale i familiari pensavano potesse uscirne. L'anoressia, come sottolineano Peirone e Gerardi, è una malattia che è autentico paradosso per la "abbondante" civiltà del consumo. Una miccia cova nell'animo di chi ne soffre, tenuta a bada ma pur sempre benzina sul rifiuto del cibo, sulla negazione della vita.

I NUMERI. Si stima che 1 donna su 200 abbia in qualche modo a che fare con l’anoressia e che circa il 9% delle ragazze, tra i 12 e i 25 anni d'età, soffra di disturbi del comportamento alimentare, Dca, come bulimia, vomito, binge eating, obesità. L'anoressia, poi, è donna, se si stima che a fronte di un anoressico di sesso maschile, ce ne sono nove di sesso femminile e, altro dato allarmante, scende sempre di più l'età di esordio della malattia, che oggi arriva a riguardare anche bambine di otto anni. C'è un minimo comune denominatore, che unisce le storie di anoressia, un aspetto che spesso decreta l'insuccesso della terapia. E' la rabbia dell'anoressico.

LA FAME NEGATA CON FURORE. «La malattia risulta assai ampia e variegata, in rapporto a vari parametri come peso, età, sesso, aspetti organici e soprattutto caratteristiche psicologiche. Queste ultime sono le più mutevoli, estremamente soggettive. Con il termine "rabbiosa" indichiamo una particolare forma mentis, che sottende alla malattia, nella quale prevalgono sentimenti negativi, anche potenti, frutto di invidia, gelosia, aggressività, irascibilità e, tra le altre, conflittualità nei rapporti interpersonali. Il più delle volte queste caratteristiche risultano represse e rimosse, per cui la persona appare frenata nell'esprimere questi stati d'animo, ovviamente difficili da rendere pubblici, per cui prevale la dimensione inconscia».

Pubblicità

CALDO E FREDDO. Nel libro parlate di rabbia fredda e calda. Cosa vuol dire? «È decisivo poter distinguere fra la rabbia "fredda" - risponde Elena Gerardi - frenata e controllata, repressa ed occultata, e la rabbia "calda", scatenata ed incontrollata, espressa ed esplosiva. Il soggetto anoressico risulta particolarmente abile nel nascondere anche a se stesso, inconsciamente, il malessere interiore, qui inteso quale "carica rabbiosa", che in effetti lo consuma dal di dentro e gli impedisce di stabilire relazioni interpersonali soddisfacenti e, in una certa misura, "terapeutiche". Duro e freddo è il corpo dell'anoressico, e la sua mente appare freddamente ruminativa ed astiosa». E' allora importante, stando a questa ultima voce nel panorama editoriale sulla materia, che si tenga presente quanta inconscia "cattiveria" emozionale, intesa anche come "cattività", cioè prigionia, risieda spesso nell'animo della persona che non ha più fame.

PUNTO E A CAPO. «Dal punto di vista sia diagnostico sia terapeutico abbiamo voluto rimarcare che la cura della anoressia risulta di particolare difficoltà - conclude Luciano Peirone - tanto nel valutare questi aspetti nascosti, quanto nel sottolineare la grande fatica e l'impegno connessi al vincere le "resistenze" a farsi curare e a collaborare pienamente. In fondo, se non si riesce a superare lo scoglio della rabbia che blocca il libero fluire dei buoni sentimenti, il paziente rischia di "girare in tondo". Di certo, occorrono una grande forza per diventarne consapevoli, una grande fiducia nel terapeuta e nella tecnica terapeutica, in ultima analisi nella propria capacità di tornare a voler bene agli altri e a se stessi».

 

di Sipo Beverelli

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: anoressia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdere le persone importanti …

  Crazy, 48 anni Buonasera, chiedo come si fa ad accettare prima la perdita di un marito e dopo poco quella di un fratello. {loadposition pub3} &n...

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

Controtransfert

“L’idea che il controtransfert rappresenti una creazione congiunta dell’analista e dell’analizzando riflette un movimento verso una concezione dell’analisi come...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

News Letters

0
condivisioni