Pubblicità

La Sindrome della Capanna o del Prigioniero

0
condivisioni

on . Postato in Benessere e Salute | Letto 1406 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (6 Voti)

In questi giorni di post-pandemia legata al covid-19 molti stanno sperimentando una difficoltà legata alla necessità di recuperare le vecchie abitudini quotidiane o di strutturarne di nuove. Questa incertezza nell'affrontare di nuovo il "fuori" è stata individuata come Sindrome della Capanna o del Prigioniero.

di Alfredo Ferrajoli

La Sindrome della Capanna o del Prigioniero

La sindrome della capanna è costituita da un insieme di sintomi che si possono sperimentare al riprendere di alcune abitudini legate al nostro quotidiano, dopo un periodo che abbiamo vissuto in modo più o meno restrittivo e al quale siamo stati sottoposti per far fronte a un fenomeno del tutto nuovo, inaspettato, riguardante tutti noi: la pandemia da Covid-19.

Stiamo piano piano riprendendo la nostra relazione con la vita e il mondo reale, adoperando tutte le precauzioni del caso, rendendoci conto che dobbiamo ancora esercitare prudenza e buon senso.

Forse qualcuno di noi avrebbe voluto rimanere al sicuro nella propria casa-rifugio ma è rilevante che, invece, ognuno di noi possa concedersi di sperimentare quel senso di insicurezza, smarrimento, paura che a volte può caratterizzare i nostri vissuti quotidiani legati a situazioni come in questo periodo.

Dobbiamo tenere conto che abbiamo vissuto un periodo di parziale, a volte, in certi casi, totale, isolamento e abbiamo contattato la paura che il Covid-19 potesse travolgere le nostre certezze e, anche se in quest’ultimo lasso di tempo possiamo affermare che la situazione stia cambiando, siamo ancora presi da una sorta di timore e inquietudine, da una strana sensazione di sospensione e di attesa, che, appunto, costituisce l’essenza di questa sindrome denominata Sindrome della Capanna o Sindrome del Prigioniero.

La denominazione di questa sindrome sembra essere legata al vissuto emotivo dei cercatori d’oro degli Stati Uniti che erano costretti a vivere per lunghi periodi all’interno di capanne, in genere da loro stessi costruite, poiché la loro attività lavorativa era concentrata solamente in determinati periodi dell’anno.

Durante i lunghi periodi di inattività essi vivevano uno stato di isolamento seguito da un sentimento di insicurezza e tensione emotiva allorquando avrebbero dovuto riprendere il contatto con la civiltà e il loro ambiente di provenienza.

Pubblicità

Per quanto concerne noi e per le situazioni che ci stiamo vivendo, alcune strategie per affrontare questa sindrome riguardano lo sviluppo della consapevolezza di alcune nostre emozioni, renderci conto che ritornare a riprenderci una certa normalità (quale, ancora dobbiamo scoprire), dopo un medio/lungo periodo di distacco dalla normale routine casalinga, può comportare vissuti emotivi particolari legati a una comune sensazione di incertezza, inquietudine e paura.

Potrebbe essere utile concedersi, da parte nostra, di accogliere questa emozione allo scopo di sperimentarne un contatto, attraverso il sentire. Concedersi di sentire e affrontare la paura permette di attraversarla, in questo modo ci possiamo rendere conto di arrivare a vincerla.

Se affrontata ripetutamente e per più volte, la paura attraversata, può diventare il nostro coraggio; sconfiggere la paura, senza negarla, può restituirci quel sano rapporto con la nostra ritrovata percezione del tempo e della realtà.

Il sapersi ascoltare, onestamente, in profondità ci potrà permettere anche di superare ansie legate a questo momento. Questo atteggiamento può anche aiutarci a organizzare la nostra routine giornaliera, a gestire il tempo del lavoro, della casa, il tempo libero, stabilire obiettivi, prendersi cura di sé.

Si potrebbe anche considerare di procedere per piccoli step, incominciare ad uscire per fare appena qualche piccola camminata e quando ci si sente pronti, pensare di fare una passeggiata, concedendosi di nutrirsi in modo sano, prepararsi per fare anche un po’ di esercizio fisico, organizzare i ritmi delle attività giornaliere.

Purtroppo in questi ultimi giorni stiamo osservando il comportamento di alcune persone che non rispettando norme, né alcune precauzioni, prive di quel buon senso che dovrebbe attendersi, invadono le nostre belle piazze e i nostri spazi in maniera poco prudente, a volte perfino in maniera irresponsabile, esponendo se stessi e gli altri a possibili e ulteriori contagi. Questi comportamenti possono essere dovuti ad un noto meccanismo psicologico di difesa, denominato negazione che determina una compromissione dell'esame di realtà, per cui si assisterebbe a spettacoli di ben, purtroppo, note movide, dove esternazioni emotive di improbabili euforie sembrano contrastare con le emozioni legate ad un normale senso di insicurezza e paura descritte sopra.

Va aggiunto, specialmente da parte di alcuni giovani, il puro dispiegamento del culto dell’immagine narcisistica, a detrimento del sé, che comporterebbe adesioni a rituali di evasioni festaiole in conformità con alcuni aspetti psicosociali ormai caratteristici di attuali consolidate abitudini.

D’altra parte, dal vederci padroni in casa propria, in una dimensione fisica vissuta anche come rassicurante e ben conosciuta, siamo passati, in questi giorni, a sperimentare che il nostro spazio si muove in base alla considerazione dello spazio che gli altri concedono al loro e, di conseguenza, al nostro.

Al contrario di prima, quando eravamo in lockdown, ora possiamo sentirci a nostro agio solo se chi si avvicina a noi lo fa rispettando la distanza consentita.

Pubblicità

Se sto gustando un drink, insieme a degli amici, osservando le precauzioni del caso, e poi arrivano molti altri amici che si mostrano poco rispettosi della dovuta distanza e poi ancora altre persone vicino a noi che fanno altrettanto, può rimanere, a volte, difficile conservare il nostro comportamento iniziale, poiché possono scattare in noi, a volte anche in maniera inconsapevole, quei meccanismi di imitazione che sono alla base dei comportamenti sociali umani.

Ciò può comportare, se prevale l’irresponsabilità, una certa diminuzione di quei sani freni inibitori tanto utili in situazioni di emergenza, per cui possiamo assistere a quelle deludenti movide alle quali facevamo prima riferimento.

Tutti questi atteggiamenti nascono dal senso di disagio in relazione al lockdown e alle attuali preoccupazioni che provenendo, purtroppo, da più parti possono aumentare il rischio, se non opportunamente sostenute e affrontate, di sviluppare sintomi e, in generale, disturbi dell’adattamento.

 (Articolo a cura del Dottor Alfredo Ferrajoli)

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: sindrome della capanna sindrome del prigioniero lockdown

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Tradimento e incertezze [16030…

Martinedda, 39 anni Gent.ma Dott.ssa,soffro di ansia e attacchi di panico da quasi 20 anni ed ho avuto in passato un percorso di psicoterapia che mi ha aiu...

fobia per le autostrade [16030…

roberto, 45 anni vorrei conoscere la terapia più adatta per una fobia specifica delle autostrade cronica. ...

Ansia da competizione [1601631…

elisa37, 37 anni Gentili dottori Il mio problema e' un po' imbarazzante, ma un problema che ha sempre fortemente limitato la mia vita e ancora non sono ri...

Area Professionale

Ansia infantile e disturbo da …

Un recente studio ha evidenziato come bambini e adolescenti con livelli più elevati di ansia possono essere maggiormente a rischio di sviluppare problemi di alc...

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Le parole della Psicologia

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

MUTISMO SELETTIVO

Il "Mutismo Selettivo", è un disordine dell'infanzia caratterizzato dall'uso appropriato del linguaggio in alcune situazioni, in particolare quelle familiari, e...

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. ...

News Letters

0
condivisioni