Pubblicità

Ozio e leggerezza per riscoprire il proprio benessere

0
condivisioni

on . Postato in Benessere e Salute | Letto 2910 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Viviamo sempre di corsa, facendo tante cose insieme e non riusciamo mai a goderci un attimo di riflessione o di calma. L’estate sembra il momento per prendersi cura di te stesso; le città si svuotano, il business in alcuni settori, rallenta e il caldo afoso abbassa i ritmi naturali nel fare le cose.

ozio

Per una volta,allora, possiamo concederci di rallentare e di vivere in maniera più intensa il nostro tempo quotidiano.

Nell’antica Roma l’Otium era visto in chiave positiva: ad esempio Cicerone  afferma che l'ozio è una caratteristica dell'uomo libero, negando quindi questo privilegio agli schiavi.

Orazio parla della sua teoria del carpe diem.  È un invito a godere ogni giorno dei beni offerti dalla vita, dato che il futuro non è prevedibile, da intendersi non come invito alla ricerca del piacere, ma apprezzare ciò che si ha.

L’estate sembra proprio il momento adatto per cambiare alcune abitudini, disfunzionali, e lasciare da parte qualche meccanismo troppo rigido che non permette il confluire naturale delle tue emozioni.

Pubblicità

Leggerezza è vivere finalmente il proprio tempo libero con armonia e dedicarsi senza rimorsi a momenti di ozio.

La leggerezza può cambiarti la vita, perché puoi allenarti a guardare le cose da un altro punto di vista e imparare ad affrontare gli eventi in maniera diversa.

La leggerezza non corrisponde alla superficialità, ma è, invece, la possibilità e la necessità di vivere senza essere schiacciati dal peso delle cose e dalla grevità degli eventi della vita.

Vivere leggeri significa aprirti alle emozioni, scoprirsi ricchi di sfumature, rendersi aperti alla vita e al bello di se stessi.

Per renderti leggero occorre guardare più lontano, in visione futura, cercando di non soffermarti sui problemi ma sulle possibili soluzioni.

Tutto scorre e tutto è in divenire, per cui vale la pena di vivere ogni momento con l’intensità e l’importanza che meritano.

La leggerezza serve, ne abbiamo bisogno come l’aria, anzi: è la dimensione della vita con cui ritrovare ossigeno, con cui riscoprire uno stile di vita sostenibile, che apre al cambiamento, alla creatività, alla possibilità di immaginare una vita migliore, nonostante le difficoltà giornaliere.

In estate puoi allenare mente e corpo ecco cosa fare:

1) Nutriti  con pensieri che rinforzano il tuo io:

dai  rilevanza solo a quei pensieri che sono funzionali e rinforzano la tua autostima; pensa a tutti i risultati positivi raggiunti in inverno, alle nuove conoscenze fatte e goditi un sano relax. Per una volta concediti di essere buono con te stesso. Concentrati su ciò che ti riesce meglio, sulle tue realizzazioni, sui tuoi punti forti.
Focalizza l’attenzione su un lavoro che ti entusiasma, su un nuovo progetto o sulla persona che ti rende felice, è un ottimo modo di investire i propri pensieri.
Essere leggeri Non significa non pensare a niente, ma è dare spazio a ciò che ha davvero valore per te.

2) Spegni il cellulare e guarda le cose belle che hai intorno

Per vivere la vita con più leggerezza e semplicità, hai bisogno di allontanarti per un po'dalla tecnologia, dallo smartphone e dalle sue applicazioni. Soprattutto se sei in vacanza, impara per un po’ a godere di ciò che hai intorno. Delle persone care che ti stanno vicino o delle nuove relazioni che potrai approfondire.

3) Passeggia

Impara a godere di più delle bellezze naturali: cerca il relax in un bosco o in una spiaggia un po' appartata.

Pubblicità

Svegliati molto presto la mattina, godi del sorgere del sole, assapora i profumi, fai una sana colazione e inizia a passeggiare, almeno per 45 minuti. Questo ti aiuterà a concentrarti sui tuoi sentimenti interiori, capire cosa stai provando e quali pensieri o paure ci sono dietro quelle emozioni.

4) Consapevolizzare il  respiro e renderlo profondo,

questo permette di rimanere maggiormente collegarti dentro te stesso.
Impara a respirare profondamente, di pancia, con calma, chiudi gli occhi e distendi la tua mente per almeno 15 minuti. Questo ti aiuta a sviluppare benessere, calma e relax.

Prendi consapevolezza di ciò che ci sta accadendo e di ciò che stai provando. Trova un posto tranquillo per sederti, parlare a te stesso e capire come ti senti e come vuoi vivere i tuoi prossimi giorni.

Allora quest’estate impara a liberarti da stress e malfunzionamenti e godi del bel clima, della natura e delle nuove relazioni.

Buon estate

A cura del Dottor Massimo Perciavalle

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: benessere stress

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Bad trip

Con l'aggiunta dell'aggettivo bad (bad trip), si indicano in specifico le esperienze psico-fisiche definibili come negative o spiacevoli per il soggetto. In it...

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale. Le allucinazioni si presenta...

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

News Letters

0
condivisioni