Pubblicità

Pillole di educazione socio affettiva ai tempi del CoVid-19

0
condivisioni

on . Postato in Benessere e Salute | Letto 2492 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (18 Voti)

Il difficile compito di gestire tutto quello che stiamo provando in questa emergenza legata al Covid-19 (Coronavirus) ci porta a riflettere sul concetto di intelligenza emotiva.

Pillole di educazione socio affettiva ai tempi del CoVid 19La chiusura delle scuole e l’interruzione forzata di qualsiasi attività ha costretto milioni di famiglie italiane a ridefinire spazi, tempi e luoghi di condivisione. L’impossibilità di uscire, la riduzione dei rapporti interpersonali, la paura al solo pensiero di contrarre il virus sono tutti elementi in grado di destabilizzare l’equilibrio psicologico ed emotivo di adulti e bambini.

Ci troviamo in un periodo storico che comprensibilmente genera forti e differenti emozioni che hanno necessità di essere espresse, accolte e condivise. Questo vale soprattutto per bambini e adolescenti, i quali probabilmente non hanno ancora imparato a dare un nome o ad attribuire un significato a ciò che provano e sentono. I nostri figli potrebbero sentirsi spaventati, confusi, tristi, impauriti, angosciati, arrabbiati e allo stesso tempo avere difficoltà a capire il perché. In questa emergenza, è l’adulto di riferimento che ha l’arduo compito di fornire ai propri figli l’aiuto necessario per leggere ciò che sta accadendo dentro e fuori di loro.

Pubblicità

Paura, tristezza, rabbia, sono emozioni che si provano quando non si è in grado di controllare e gestire la situazione in cui ci troviamo. Uno psicologo statunitense di nome D. Goleman (1997) fornisce uno strumento di supporto a tutte quelle figure di riferimento che in questo momento si trovano a dover regolare non solo il proprio, ma soprattutto lo stato emotivo dei propri figli: l’intelligenza emotiva, abilità chiave per lo sviluppo e mantenimento del benessere individuale e collettivo. Per possederla bisogna innanzitutto saper riconoscere le proprie ed altrui emozioni, dargli un nome e capire la loro funzione.

Lo sapevate che l’essere umano sin dalla nascita è predisposto a ricordare, e anche molto bene, gli eventi spiacevoli e le informazioni negative? Ebbene si, l’evoluzione ha ritenuto vincente che le reazioni prodotte sul nostro organismo dalle emozioni spiacevoli fossero così intense da indurci subito ad attaccare o scappare (Fight or Flight Response) da tutto ciò che temiamo, o che potrebbe mettere in pericolo la nostra stessa esistenza. In questo caso un neuroscienziato di nome J. Le Doux (1996, 2003) viene in nostro soccorso, spiegandoci che abbiamo un’aria specifica deputata per questo, l’amigdala (la regione del cervello che regola emozioni e motivazione) e che essa impiega pochissimi millisecondi a rilevare quello che percepiamo come pericolo ed emergenza. E’ una reazioni ancestrale e primitiva che il nostro organismo orchestra meravigliosamente per fronteggiare una situazione che temiamo.

In questo momento il rischio percepito a livello globale proviene da un virus a noi sconosciuto, che minaccia di mettere in pericolo qualcosa di molto prezioso: la nostra salute e quella dei nostri cari. Anche il contatto sociale improvvisamente è fonte di timore e preoccupazione. L’altro è diventato potenzialmente pericoloso perché percepito come possibile untore. A questa situazione bambini e adolescenti potrebbero rispondere in diversi modi, mostrando ad esempio cenni di preoccupazione e paura, oppure di irritabilità e irrequietezza.

Tutte queste sono risposte emotive, cognitive e comportamentali normali con funzioni ben specifiche. Quella della paura è di riconoscere subito la situazione temuta e scappare velocemente da essa, predisponendo il nostro corpo alla fuga. La funzione della rabbia è quella segnalare la presenza di una minaccia (fisica o simbolica) che ostacola il raggiungimento di uno scopo importante. Prepara il nostro corpo ad attaccare ciò che percepiamo pericoloso. La rabbia ha un’altra caratteristica, quella di spostare l’attenzione dalle nostre sensazioni di vulnerabilità all’altro: è tutto colpa dell’altro se ci troviamo in una situazione così catastrofica.

Pubblicità

Anche la tristezza, lo sconforto, l’isolamento sono emozioni del tutto normali che bambini e adolescenti potrebbero esprimere in seguito ad esperienze di deprivazione delle attività didattiche e dei legami sociali abituali con i pari. Anche questa è una reazione normale con la quale non possiamo che fare i conti comprendendo la sua natura e funzione, cioè di comunicare che abbiamo perso qualcosa di importante (uno scopo, una persona) e necessitiamo di un periodo di riflessione costruire la nostra esistenza attorno a nuove priorità o scopi.

Mentre trascorriamo questi giorni di isolamento interminabili troviamo dei momenti della giornata per offrire a noi stessi ed ai nostri bambini uno spazio di ascolto, d’espressione e condivisione dei loro stati d’animo, delle loro sensazione ed emozioni del momento.

Attraverso fiabe, giochi e storie è possibile attribuire loro un nome e un significato, che altro non comporta che la comprensione del perché quello stato emotivo si è attivato in quel preciso istante. Educare alle emozioni è un esercizio utile a riequilibrare sentimenti e sensazioni troppe intense, che per questo diventano dannose.

Cogliamo l’aspetto positivo della pausa forzata che nostro malgrado stiamo vivendo.

 

References

  • Goleman, D., (2011). Intelligenza emotiva. Rizzoli: Milano.
  • Le Doux, J., (2003). The emotional brain, fear, and the amygdala. Cellular and molecular neurobiology, 23(4-5), 727-738.
  • Le Doux, J., (1996). Il cervello emotivo, alle origini delle emozioni. Milano.

 

(Articolo a cura di Francesca Mangano, Psicologa Psicoterapeuta)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: coronavirus covid-19 covid19

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie paranoie (1579177546962)

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo t...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55 , 20 anni Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi per il servizio che offrite. Sono una ragazza di 20 anni. Non ho un partner fisso...

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Area Professionale

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Le parole della Psicologia

Training Autogeno

Il training autogeno nasce come tecnica ideata da J.H. Schultz, neurologo e psichiatra.Training significa “allenamento”, autogeno “che si genera da sé”; ciò dif...

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. ...

Manierismo

Questo termine sta ad indicare un uso dei mezzi espressivi eccessivo e sovraccarico, cioè una mimica, un comportamento ed un linguaggio privi di naturalezza o s...

News Letters

0
condivisioni