Pubblicità

Quando le parole fanno male (cosa non dire a chi soffre d'ansia)

0
condivisioni

on . Postato in Benessere e Salute | Letto 6301 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Cose da non dire ad una persona con disturbi d'ansia

ansia 2L’ansia può essere considerata come una condizione psichica normale.

Come esseri umani, la capacità di “sentirsi ansiosi” è evolutivamente vantaggiosa in quanto utile per affrontare situazioni di minaccia, o, in alcuni casi,  per raggiungere scopi e obiettivi prefissati.

Tuttavia, quando l'ansia di una persona interferisce in modo significativo sul funzionamento in diverse aree della vita, essa viene definita patologica.  

Un gruppo di psicologi dell’Istituto Bio - Comportamentale individua tre fattori che distinguono l’ansia normale da quella patologica: durata, intensità e frequenza dello stato ansioso.

Non comprendere questa distinzione genera una sottovalutazione del disturbo e un incapacità di aiutare concretamente chi ne soffre.

Di seguito sono elencate quattro suggerimenti o frasi che non dovrebbero mai essere rivolti a qualcuno che sta lottando con questo disturbo:

1. Esortare a calmarsi
Dire a qualcuno con un disturbo d'ansia di "calmarsi," è simile a dire a colui che soffre di allergia di "smettere di starnutire."
Le malattie mentali non sono una scelta. Nessuno vorrebbe scegliere di raggiungere livelli paralizzanti di ansia che non è in grado di controllare.
Chi pronuncia questa frase insinua che è possibile controllare e gestire il disturbo, generando, anche se spesso in maniera inconsapevole, una condizione invalidante per la persona che sta lottando contro lo stesso.
E’ necessario, invece, provare a chiedere alla persona, in un momento di rilassamento, che cosa potrebbe essere utile per aiutarlo a sostenerlo concretamente.

2. Sostenere che la fonte della propria preoccupazione non rappresenta un grande problema

Qualunque sia il problema occorre tener presente che la persona soffre per quella determinata condizione.
Non spetta a nessuno determinare ciò che dovrebbe costituire un problema per l’altro.
Alcune persone ansiose anche se  sanno razionalmente che le loro paure possono limitare il proprio agire,hanno difficoltà ad allontanare i pensieri ansiosi che si annidano nella mente.

Pubblicità

Come afferma Kady Morrison, scrittore affetto dalla stessa patologia "Questa è una delle cose più frustranti per una persona che soffre d’ ansia: sapere che “si sta andando fuori di testa” che non c'è un motivo, ma non avere la capacità di bloccare quell’emozione.
Piuttosto che esprimere opinioni circa le paure bisogna ascoltare le loro preoccupazioni in modo compassionevole ed empatico.

3. “Posso capire come ti senti”
Questa affermazione è utile solo se si dispone di un’esperienza personale del disturbo.
Un disturbo d'ansia può distruggere completamente la vita di una persona.
Aver vissuto un esperienza di ansia prima di un esame non significa che si può capire quello che la persona ansiosa prova alle prese con ciò che sta attraversando.

4. “Hai ragione, ciò di cui ti preoccupi potrebbe accadere.”
Evitare di dire tutto ciò che può alimentare le loro paure o l'uso di dichiarazioni stigmatizzate.
Ciò che può contribuire a sradicare alcune delle vergogna associate al disturbo è avvicinarsi in maniera compassionevole a coloro che lottano contro di esso.

Gli studi dimostrano che la vergogna e la paura del giudizio è uno dei motivi per cui le persone con malattie mentali spesso evitano di ricevere cure e trattamento. Questo è il motivo per il sostegno e la compassione per qualcuno che sta lottando con un disturbo d'ansia è così cruciale.

Come dichiara Heather Rayne: “Vivere con l'ansia è simile a cercare costantemente di risalire da un profondo buco fangoso con una bracciata di sacchi di sabbia Tutto sembra  molto più difficile, anche alzarsi dal letto al mattino può rappresentare un’ impresa monumentale. Il compito più semplice può essere una sfida temuta. Nessuno vorrebbe sentirsi in questo modo, ma purtroppo si è catturati nel fuoco incrociato. Ma alla fine i proiettili smetteranno di volare, il fumo sarà vita e le relazioni chiare e beate, potrebbero apparire appena oltre l'orizzonte. Insieme, tutto questo può essere raggiunto. "

 

Tratto da Psicology Today

 

(Traduzione e adattamento a cura della dottoressa Addorisio De Feo Ilaria)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: ansia paura empatia emozione supporto condizione psichica

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Le parole della Psicologia

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolieri e clown, insomma. Ed è per questo...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto (1539692710493)

JESSICA,40     Vivo un periodo difficile, dove l'ex del mio compagno fa di tutto per farti saltare le rotelle...e ci riesce, mi spia nei social, ...

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine ...

News Letters

0
condivisioni