Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Questa estate concediamoci momenti di leggerezza

on . Postato in Benessere e Salute | Letto 1095 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Scopri come vivere senza pentimento momenti di leggerezza

estate La leggerezza può cambiarci la vita, perché possiamo allenarci a guardare le cose da un altro punto di vista e imparare ad affrontare gli eventi in maniera diversa.


L’estate sembra proprio il momento adatto per cambiare alcune abitudini e lasciare da parte qualche meccanismo troppo rigido che non permette il confluire naturale delle nostre emozioni.

Leggerezza è vivere finalmente il proprio tempo libero con armonia e dedicarsi senza rimorsi a momenti di ozio. Nell’antica Roma l’Otium era visto anche in chiave positiva: ad esempio Cicerone  afferma che l'ozio è una caratteristica dell'uomo libero, negando quindi questo privilegio agli schiavi. Orazio parla della sua teoria del carpe diem. 

È un invito a godere ogni giorno dei beni offerti dalla vita, dato che il futuro non è prevedibile, da intendersi non come invito alla ricerca del piacere, ma apprezzare ciò che si ha.

La leggerezza non corrisponde quindi alla superficialità, ma è la possibilità e la necessità di vivere senza essere schiacciati dal peso delle cose e dalla grevità degli eventi della vita.
Vivere leggeri significa aprirsi alle emozioni, scoprirsi ricchi di sfumature, rendersi aperti alla vita e al bello di se stessi.

Per rendersi leggeri occorre, secondo me, guardare più lontano, in visione futura, cercando di non soffermarsi sui problemi ma sulle possibili soluzioni.
Tutto scorre e tutto è in divenire, per cui vale la pena di vivere ogni momento con l’intensità e l’importanza che meritano.

La leggerezza serve, ne abbiamo bisogno come l’aria, anzi: è la dimensione della vita con cui ritrovare ossigeno, con cui riscoprire uno stile di vita sostenibile, che apre al cambiamento, alla creatività, alla possibilità di immaginare una vita migliore, nonostante le difficoltà giornaliere.


Ecco alcuni consigli da seguire:

Liberarsi dal risentimento
Il risentimento è qualcosa che ti tiene legato ad un evento o ad una persona e non ti permette di vivere appieno le nuove relazioni. Ostacola i tuoi pensieri e la tua energia.

La prima regola per sentirsi leggeri è di liberarsi dai rancori rispetto alle persone che ci hanno deluso o ferito.

Non è naturale non riuscire ad esprimere appieno i propri sentimenti perché emozioni forti hanno creato stati d’animo duraturi e poco piacevoli. Per salvare noi stessi dobbiamo salvare anche gli altri e liberarci da quello che è successo, spezzando le catene che ci tengono bloccati. Il perdono è l’unica risorsa per liberarsi da situazioni nocive.

Attiviamo il sentimento della commiserazione e passiamo da uno stato di tristezza ad uno di riflessione fino ad un più intenso sentimento di calma emotiva. Solo questo potrà attivare nuovi stati più piacevoli di gioia ed euforia.

Rendere i pensieri leggeri
Significa dare rilevanza solo a quei pensieri che sono funzionali e rinforzano la nostra autostima. Per una volta concediamoci di essere buoni con noi stessi. Concentriamoci su ciò che ci riesce meglio, sulle nostre realizzazioni, sui nostri punti forti.

Focalizzare l’attenzione su un lavoro che ci entusiasma, su un nuovo progetto o sulla persona che ci rende felici, è un ottimo modo di investire i propri pensieri.
Essere leggeri Non significa non pensare a niente, ma è dare spazio a ciò che ha davvero valore per te.

Rendersi leggeri significa anche non aver paura di fermarsi
Viviamo sempre di corsa, facendo tante cose insieme e non riusciamo mai a goderci un attimo di riflessione o di calma. Per una volta concediamoci di fare le cose più lentamente, una per volta, godendo della loro realizzazione.

Prendiamo consapevolezza di ciò che ci sta accadendo e di ciò che stiamo provando. Trova un posto tranquillo per sederti, parlare a te stesso e capire come ti senti e come vuoi vivere i tuoi prossimi giorni.

Spegni il cellulare e guarda le cose belle che hai intorno
Per vivere la vita con più leggerezza e semplicità, hai bisogno di allontanarti per un po'dalla tecnologia, dallo smartphone e dalle sue applicazioni.

Soprattutto se sei in vacanza, impara per un po’ a godere di ciò che hai intorno. Delle persone care che ti stanno vicino o delle nuove relazioni che potrai approfondire.
Impara a godere di più delle bellezze naturali: cerca il relax in un bosco o in una spiaggia un po' appartata. Questo ti aiuterà a concentrarti sulle cose belle e ti accorgerai che queste sono anche quelle meno complesse.

Impara a respirare profondamente, di pancia, con calma chiudi gli occhi e distendi la tua mente.
Essere leggeri è possibile perché è la prima spinta che ci aiuta a sviluppare benessere e relax. Allora quest’estate impariamo liberarci da stress e malfunzionamenti e godiamo del bel clima, della natura e delle nuove relazioni.

Buon estate

 

(Traduzione e adattamento a cura del dottor Massimo Perciavalle)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: emozioni leggerezza pentimento estate abitudini carpe diem

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Dubbi esistenziali (1516216943…

Cristian,15     Ho 15 anni e sono il ragazzo più insicuro che abbia mai incontrato: tutti mi sembrano così sicuri di se, senza nessun dubbio sull...

depressione (1517481411312)

ivan, 21     Salve, scrivo dopo aver letto vari articoli sulla pagina ed aver riscontrato molte cose in comune con la depressione, ...

Ansia, depressione, paura (151…

klava, 20     Salve, mi chiamo Claudia, sono una studentessa universitaria. Ultimamente sto rivivendo un circolo vizioso dato (credo) dall'ansia ...

Area Professionale

L'infanzia abusata, pedofilia …

La fenomenologia degli abusi e dei danni all’infanzia (child abuse) interessa molteplici aspetti psicologici, emozionali e relazionali che compongono il quadro ...

Sistema Tessera Sanitaria

L’articolo 1 del DM 01.09.2016 ha previsto che anche gli psicologi iscritti all’Albo, secondo quanto stabilito dalla Legge 56/1989, dovranno effettuare la trasm...

Salute e sicurezza negli Studi…

  A fare chiarezza sugli adempimenti e sugli obblighi in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro negli studi professionali, è intervenuta già...

Le parole della Psicologia

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Parafilia

  Con il termine Parafilie si fa riferimento ad un insieme di perversioni sessuali caratterizzate dalla presenza di comportamenti regressivi che prendono ...

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

News Letters