Pubblicità

Se il corpo diventa sè, se la vita è appesa a un filo (Riflessioni di una psicologa in parete)

0
condivisioni

on . Postato in Benessere e Salute | Letto 516 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

corpo e gesto atleticoIl corpo riconosce il movimento, si identifica in esso esprimendo energia.

Soltanto in due occasioni estreme lo sentiamo veramente: la malattia e il gesto atletico, quando, per ragioni ed in modi diversi, dobbiamo dominarne le reazioni o i movimenti.

La percezione del se corporeo è una delle conquiste quotidiane e primordiali del bambino.

Nessuno, alla fin fine, gli insegna a camminare, a riconoscersi allo specchio, a correre, ad andare in bicicletta. Più son piccini, più si trovano a loro agio in acqua, naturale elemento di vita cui si è espulsi alla nascita.

Iniziano pian piano, per sperimentazioni successive ad impadronirsi della ponderalità delle leggi fisiche e meccaniche che gli permettono il fare ed il far fare, e, una volta completato il puzzle delle proprie potenzialità. Acquisito il background si diventa adulti e, giorno dopo giorno, si relega il corpo ad una simbolica consapevolezza. Solo nella fase di transizione e trasformazione, e in quella di ricerca di ricomposizione dei dualismi, torna ad essere fondamentale conoscerne le potenzialità, la resistenza allo sforzo, le infinite capacità espressive.

E' di fronte ad azioni diventate estranee per l'amorfismo quotidiano, che si sente che fra l'individuo e il mondo non c'è altro in mezzo.

Solo la pelle è linea di confine.

Il pensiero entra a supporto organizzativo per garantire l'efficacia del gesto, la maggior economicità energetica che rende efficace il conseguimento dell'obbiettivo.

Non dispersione, precisione e calibratura, a fronte dell'abituale approssimazione mediata dalle sovrastrutture tecnologiche e sociali.

Il cervello rettile e quello mammifero tornano a dominare.

Quando c'è solo il corpo di fronte, in mezzo, agli elementi, e la mente è vuota, vigile e libera; quando la padronanza del movimento è la sola arma di sopravvivenza, si riscatta l'attesa abituale di qualche supporto.

Per un attimo si torna a sentire con lucidità e chiarezza, l'energia e la forza vitale che immette nel ciclo dell'esistenza, si genera un circuito di autoricarica in cui le emozioni sono determinate da fattori concreti.

Paura, tensione, fatica, respiro che segue ogni tensione muscolare e tendinea; caldo e freddo che determinano reazioni di disagio o benessere, antiche alee d'imprevisto da fronteggiare.

Persino il fulmine, lo scuotimento della tempesta elettrica sulla vetta della montagna fino a quel momento calma, non è più il bagliore lontano vissuto in città, diventa il fenomeno che spaventa, che fa scattare l'allarme, perché improvvisamente torniamo a sentire il nostro essere acqua.

Quando la mano si apre nello sforzo estremo di tenere, sappiamo che c'è; quando le gambe diventano di legno sotto il peso dei tanti chilometri percorsi, solo allora sappiamo di averle e che non hanno resistenze infinite.

Quando l'eclissi oscura il sole e tutti gli animali ed i suoni naturali tacciono, il freddo di quell'attimo senza sole richiama paure ancestrali. Avverti la diversità della luce di un normale giorno nuvolo; adesso è fredda, metallica, ha un soffio di morte.

Quando la nebbia avvolge il profilo della montagna, non è più condensa di vapore acqueo, ma l'impalpabile da dominare, da contrastare con la lucidità della certezza del ritorno della luce.

Quando sotto i piedi hai 50 metri di corda sfilata, nessun appiglio stabile, affini la motricità affidando ed adeguando il tuo corpo, a quella roccia che afferri e trattieni, in cui stai vivendo, gli attimi più veri ed estremi.

Pubblicità

Impari a sentirne le rugosità, le aderenze, impari a vederne le infinite screpolature in cui mettere scaramantici, piccoli ancoraggi.

Quelli che guardano curiosi dal sentiero, vedono solo piccole figure che procedono apparentemente con ritmo lento e lineare, compiendo un gioco che verrebbe da imitare tanto appare naturale, facile.

Sai che non puoi sbagliare. Qualsiasi impercettibile movimento casuale può farti volare, e la domanda che frulla in testa ridondante è: reggerà la protezione? E' un gioco duro, forte, al limite. Anche nel più tranquillo dei casi la distrazione può essere fatale.

Impari a rispettare le sensazioni, ad ascoltare qualsiasi segnale: il fischio dei sassi che cadono dall'alto, lo spostamento d'aria del vento che aumenta, la minaccia dell'odore della pioggia che si avvicina, il rumore di coccio delle prese che bussi prima di utilizzare.

Continui a muoverti lentamente, circospetto, preciso, attento, affidi a quei gesti abituali, afferrare, tirare, spingere, tutta la tua vita e quella del tuo compagno. La corda come un cordone ombelicale, unico filo che ti lega ancora a terra mentre cerchi di raggiungere il cielo.

Poi, se tutto è stato fatto adeguatamente e la montagna si è prestata al gioco, esci nell'azzurro.

 

 

Articolo a cura della Dottoressa Maria Cristina Garofalo, Psicologa, Terni

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: corpo alpinismo

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Solipsismo

Il solipsismo (dal latino "solus", solo ed "ipse", stesso, quindi "solo se stesso") è un attaccamento patologico al proprio corpo di tipo autistico o narcisistico. Il solipsismo è l'atteggiamento...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

News Letters

0
condivisioni