Pubblicità

Sette minuti di meditazione possono ridurre il pregiudizio razziale

0
condivisioni

on . Postato in Benessere e Salute | Letto 995 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Secondo la nuova ricerca effettuata dalla University of Sussex, una tecnica di meditazione popolare, che è usata per creare sentimenti di benevolenza, può ridurre il pregiudizio.

MeditationLo studio, pubblicato online sul giornale “Motivation and Emotion”, ha trovato che solo sette minuti della “Loving-kindness meditation” (LKM), una pratica buddista che determina una benevolenza incondizionata verso se stessi e verso gli altri, sono efficaci nel ridurre i pregiudizi razziali.

Alexander Stell, dottorando in Psicologia e capo della ricerca, ha detto: “Ciò indica che queste tecniche di meditazione comportano una condizione che va al di là del sentirsi bene e, quindi, esse potrebbero essere un importante strumento per favorire l’armonia tra gruppi”.

La “Loving-kindness meditation” è nota per la sua capacità di generare felicità e benevolenza verso se stessi e verso gli altri, ripetendo frasi come “Sii felice e sano”, mentre si visualizza una particolare persona.
Stell ha spiegato: “Il nostro obiettivo era quello di verificare se praticare la LKM nei confronti di un membro di un altro gruppo etnico avrebbe ridotto la preferenza automatica che le persone tendono a mostrare per il proprio”.

Per lo studio è stato selezionato un campione di 71 adulti bianchi che non praticano nessun tipo di meditazione. A ciascuno di loro veniva consegnata la foto di una persona di colore dello stesso sesso, dopodiché alcuni ricevevano le istruzioni registrate per praticare la “Loving-kindness meditation”, mentre agli altri veniva chiesto di cercare ed indicare determinate caratteristiche della faccia. Entrambe le condizioni durarono solo sette minuti.

Inoltre, usando l’ “Implicit Association Test”, i ricercatori segnavano i tempi di reazione dei partecipanti, ai quali veniva chiesto di abbinare parole positive e negative (per esempio “felicità” o “sbagliato”) con le facce che appartenevano al proprio o ad un altro gruppo etnico. In genere, le persone sono più veloci nell’abbinare gli stimoli positivi con il proprio gruppo e gli stimoli negativi con l’altro, il che produce un “punteggio del pregiudizio”, ritenuto più attendibile rispetto a quello determinato dai dati ottenibili dal questionario tradizionale, il quale, si sa, è fortemente influenzato dalla desiderabilità sociale.

Pubblicità

In questo caso, i ricercatori hanno trovato che già solo sette minuti di pratica della “Loving-kindness meditation”, rivolta ad un membro di uno specifico gruppo razziale (in questo caso, una persona di colore), sono stati sufficienti per ridurre i pregiudizi verso di loro, mentre ciò non si è verificato nei confronti di gruppi diversi.

I ricercatori, inoltre,  hanno misurato i livelli delle emozioni positive, sia quelle “rivolte agli altri” (cioè, amore, gratitudine, rispetto, elevazione), che quelle dirette a se stessi (cioè, soddisfazione, gioia, orgoglio) e hanno trovato che le persone che praticavano la “Loving-kindness meditation” mostravano, in particolare, percentuali più alte delle prime, le quali sembrerebbero essere ciò che guida la riduzione del pregiudizio stesso.

 

Tratto da Sciencedaily

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: felicità meditazione pregiudizio razziale benevolenza pratica buddista LKM

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la filosofia etica legata alla ricerca...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Elementi di Diritto per lo psi…

In questo articolo forniremo dettagliatamente alcuni elementi basilari di diritto per lo psicologo clinico che si trovi chiamato ad operare direttamente nel con...

Le parole della Psicologia

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

Elettroshock

Di solito, la TEC, eseguita in anestesia, è una tecnica scevra da collateralità e con bassa incidenza di mortalità. ...

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

News Letters

0
condivisioni