Pubblicità

Stress e Performance atletica

0
condivisioni

on . Postato in Benessere e Salute | Letto 1443 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (6 Voti)

La psicologia guarda con sempre maggiore attenzione al mondo dello sport e alla gestione delle risorse atletiche e personali. E lo stress è una delle componenti fondamentali di cui tener conto per migliorare la propria performance atletica

Stress e Performance atletica cesare piccoLa psicologia, negli ultimi anni, sta guardando sempre con maggiore attenzione al mondo dello sport. Ambito denso di relazioni umane, percorsi di crescita, educazione e sviluppo personale, questo sembra essere un terreno privilegiato per l'osservazione psicologica e per l'utilizzo delle sue tecniche.

A fronte di tale fertilità, lo sport italiano è solo negli ultimi anni che ha visto un nutrito ingresso dei professionisti della psicologia. Fino ad oggi l'interesse del mondo dello sport per i concetti maturati all'interno della sfera mentale è stato residuale o lasciato a pochi individui.

Il libro Stress&Performance Atletica si inserisce in questo spazio germinale e si indirizza ad atleti, sportivi o allenatori interessati ad accrescere le performance sportive attraverso una migliore comprensione di sé.

Proprio la compresione di sé, la capacità di leggersi e accettarsi, nella visione dell'autore, è l'elemento centrale per crescere e migliorare i propri risultati sportivi. Nei capitoli del libro l'attenzione non è quindi posta all'approfondimento di tecniche di Mental Training, esercizi di respirazione o rilassamento, ma nel fornire uno modello di comprensione del reale, che agisca da strumento diagnostico relativamente alle predisposizioni e alle caratteristiche base degli atleti a livello mentale. Agli interessati viene fornito un modello di classificazione psicologica in grado di suddividere la popolazione sportiva in 5 gruppi.

Pubblicità

L'autore, partendo da una logica di unitarietà tra mente e corpo, propone l'esistenza di 5 motori mentali in grado di caratterizzare ogni atleta. Ognuno di essi per essere messo in moto necessita di un carburante: lo Stress. Ciò che differenzia il funzionamento di questi motori mentali è la quantità di stress necessario per ottimizzare le performance individuali.

Alcuni sportivi richiedono una marcata attivazione per diventare prestativi, altri una moderata, altri ancora una modesta attivazione. Ciò che definisce a quale motore mentale uno sportivo appartenga sono la presenza più o meno marcata di alcune caratteristiche di personalità (ottimismo, perfezionismo, autotelia, vigoria psicologica, ecc.) stress-correlate, che vengono presentate nella seconda parte del volume.

L'identificazione del motore mentale permette di utilizzare la leva dello stress, i meccanismi di attivazione e rilassamento, in modo finalizzato all'accrescimento della prestazione sportiva, nel massimizzare gli effetti del recupero e ridurre l'incidenza degli infortuni.

 

(articolo a cura di Cesare Picco, psicologo e autore del volume Stress & Performance atletica, Psiconline Edizioni)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: stress competizione performance atletica

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Due mondi diversi [16092338958…

  Morfea23, 21 anni     Da circa 4 mesi sto con un ragazzo totalmente  opposto al mondo in cui da sempre vivo, per situazione famil...

Autostima? [161290462495]

    Buonasera! vi scrivo perche' alla soglia dei 50 anni mi rendo conto di non aver mai portato a termine i molti progetti professionali e pers...

Genitori separati [16127752256…

Lalli, 57 anni     Buongiorno, spiego in breve la mia situazione, sono divorziata e convivo con mio figlio ed il mio compagno da 5 anni, il mio ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Solipsismo

Il solipsismo (dal latino "solus", solo ed "ipse", stesso, quindi "solo se stesso") è un attaccamento patologico al proprio corpo di tipo autistico o narcisisti...

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

News Letters

0
condivisioni