Pubblicità

Una filastrocca contro il Coronavirus

0
condivisioni

on . Postato in Benessere e Salute | Letto 13012 volte

4.125 1 1 1 1 1 Votazione 4.13 (8 Voti)

Giuseppe Maiolo, Psicologo e Psicoanalista, ci spiega come aiutare i bambini, attraverso fiabe e filastrocche, in questo particolare momento di emergenza.

Una filastrocca contro il Coronavirus

In questo momento non c’è solo il Coronavirus da fronteggiare. C’è piuttosto la paura che per certi versi contagia molto di più. Ci sono le nostre ansie, l’incertezza che aumenta giorno dopo giorno, l’insicurezza dei tempi che viviamo, l’angoscia di non essere più padroni della nostra esistenza.

I bambini non sono da meno in quanto a paure. Più sono piccoli e più vivono le paure evolutive comuni a tutti i bambini perché non conoscono il mondo e i suoi pericoli. Ma a questi piccoli e grandi timori, si aggiungono spesso anche le paure degli adulti, le preoccupazioni dei genitori, le ansie di una comunità che non sempre li aiuta e li tranquillizza. Al contrario inquieta e produce panico.

Con il Coronavirus sta accadendo questo. Il bombardamento di notizie allarmanti contagia gli adulti che non sanno che fare e cosa dire a se stessi. I genitori molte volte non hanno parole rassicuranti per i loro figli che,  in silenzio e per conto loro, si costruiscono pensieri mostruosi e terribili che non osano comunicare a nessuno.

A loro invece gli adulti devono parlare. Devono dire chiaramente cosa sta succedendo senza aspettare che essi chiedano spiegazioni. Va detta la verità con parole semplici e chiare perché i piccoli possano capire cos’è questo virus nuovo che ancora non conosciamo e che spaventa tutti.

È fondamentale non mentire ma nemmeno appesantire il loro sguardo sul mondo con le nostre visioni sfiduciate o apocalittiche. Allora per prima cosa il genitore dovrebbe essere in grado di controllare la sua angoscia, gestire le sue preoccupazioni e ai bambini restituire tranquillità e fiducia. Più che spiegare il fenomeno in termini scientifici, dovrebbe dare indicazioni su come comportarsi e a cosa prestare attenzione.

Per quella diffusa paura che serpeggia ovunque, sarebbe meglio raccontare storie fantastiche.

Pubblicità

Sono sempre di grande utilità le fiabe classiche, quelle dei Fratelli Grimm, ma possono andar bene tutte le narrazioni per l’infanzia che usano il linguaggio della fantasia per narrare le paure e i terrori che tutti i bambini provano. Raccontare fiabe, cioè le antiche storie di magia, vuol dire narrare dell’uomo e dei suoi timori perché non vi è fiaba che non tratti di paura e di mostri, di prove da superare e di lotte in cui sconfiggere i mostri.  Ma la cosa fondamentale in tutte le fiabe è che ogni storia finisce bene: il male si supera e il cattivo viene puntio. Così il lieto fine serve ai bambini in quanto li rassicura, sostiene la fiducia nella vita e comunica loro che le difficoltà anche quelle più difficili si possono superare.

Pensando a questi bambini, a quelli della scuola dell’infanzia e della primaria che hanno bisogno della sicurezza e della tranquillità dei grandi, ho scritto una filastrocca da leggere ai piccoli, ma anche giocare e mimare insieme soprattutto nei ritornelli. Il ritmo e la musicalità delle filastrocche li aiutano a tranquillizzarsi divertendosi insieme con gli adulti, genitori e insegnanti, che dedicano loro attenzione e tempo.

 

Giuseppe Maiolo
Psicoanalista e scrittore
Università di Trento

 

Virus Virello

Cantiamo insieme come in un gioco
Abbiam paura solo per poco
Virus virello non ci provare
se ti avvicini io so scappare

Coronavirus lo chiaman tutti
e molti grandi fan sogni brutti
Ti fa paura ed è piccino
ma non è proprio un fantasmino

Tu non temere piccolo mio
l’allarme forte non è un brusio
serve per fare con precisione
alcune cose con attenzione

Lava le mani più volte al giorno
e sai che il virus se ne va d’intorno
Resta distante da chi ha la tosse
anche se sai che non son percosse

Copri la bocca se starnutisci
e metti le mani quando tossisci 
Se vedi in giro una mascherina
non è di certo una copertina
ma un buon modo di preservare
chi non vogliamo contagiare

Così in prigione facciam finire
Coronavirus che non può colpire
Cantiamo insieme come un gioco
Abbiam paura solo per poco

Virus virello non ci provare
se ti avvicini io so scappare
Virus virello non ci provare
perchè sappiam che cosa fare!

 

Giuseppe Maiolo, psicologo psicoanalista, autore con Giuliana Franchini di Filastrocche sul cuscino (Ed. La meridiana) e Ciripò gatto fifone (Ed. Erickson)

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: coronavirus covid-19

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konra...

MECCANISMI DI DIFESA

Quando parliamo di meccanismi di difesa facciamo riferimento ad un termine psicoanalitico che individua i processi dinamici e inconsci mossi dall’Io per fronteg...

Dipendenza

La dipendenza è una condizione di bisogno incoercibile di uno specifico comportamento o di una determinata sostanza (stupefacenti, farmaci, alcol, shopping, Int...

News Letters

0
condivisioni