Pubblicità

Valentina

0
condivisioni

on . Postato in Benessere e Salute | Letto 524 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

mia figlia

E' una donna, ormai, o quasi….

Mi piace guardarla, non vista…
….la mattina quando dorme ancora nell'abbandono di quel sonno ristoratore di cui solo i giovani sanno nutrirsi…. e sul suo viso, ancora bambino, studio e ritrovo quella ereditata fossettina, dispettosa e testarda di giorno ma che, durante il rilassamento notturno, le rende più dolci i lineamenti, già bellissimi per me, del resto.

O quando con fare aggraziato, guardandosi nello specchio con vanità adolescenziale, si trucca inutilmente gli occhi già luminosi e splendenti di loro, per quella inesprimibile tonalità grigioverde, di cui, io, sua madre, vado orgogliosa.

E' mia figlia.
E' più alta di me, più bella di me, più intelligente di me, più dolce di me, più tutto…… di me…

Leggo di nascosto i suoi messaggi sulla posta elettronica, peraltro di libero accesso a tutti (addio caro diario segreto!) e gioisco della sua vivacità espressiva e della sua capacità di vivere con accurata semplicità ogni rapporto.

Studio (vizio eterno!!!) la sua comunicazione linguistica che trovo briosa, spiritosamente impostata, mai superficialmente allegra ma sempre ponderata e retta da vincoli di sensibilità emotiva e rispetto per la gente, siano essi amici di una vita o occasionali compagni di chat.

Assai lontana, per mia fortuna, dai rischiosi vizi moderni e dai pericolosi intrattenimenti di molti suoi coetanei, trascorre le sue giornate tra un super collaudato fidanzato sempre presente e di cui a volte sono, pur se consapevolmente, irrazionalmente gelosa….. Studi universitari affrontati con disinvolta passione mai resi faticosi e pesanti da notturni approfondimenti… Amici sempre adattati alle circostanze: apertamente giudiziosi o timidamente strampalati….. Provvidenziali e ricercate lezioni private……

Si affaccia alla vita con curioso egocentrismo, sempre pronta a prendere ciò che essa, giornaliermente può dispensare, cogliendone ogni aspetto con ottimistica progettualità.

Ammiro la sua capacità di dedicarsi allo studio serenamente, senza inutili affanni notturni, di sapersi godere, senza alcuna remora, anche giudizi tiepidi o moderati, dettati, a suo dire, da troppo severi professori.

Lei è fresca e felice con il suo… venticinque nella realtà ma…. quasi ventisei nel suo narcisistico giudizio…orgogliosamente mostrato sul libretto agli increduli amici…. ed a me, sinceramente compiaciuta comunque …severa, ma solo con me stessa.

Chiassosa, ma solo per scelta, simpatica ma solo se raccolta, amante ma solo se amata…

Diversa da me: plurilaureata insicura e triste, faticosamente psicologa, ansiosamente madre.

Non conosce le mie allucinanti discussioni con mia madre in apparenza oppositive e ribelli ma in realtà elemosinanti… attenzione, anche a costo di psicosomatici malori

Né le mie estenuanti nottate sui libri per strappare il massimo dei voti…..su quel libretto, oggettivamente mostrato a tutti ma in realtà dedicato solo a chi nella vita ho sempre rincorso.

Pubblicità

Non sa del mio amare senza remore nè aspettative reali, dolorosamente imposto da una implacabile legge interiore….. del mio dare solo apparentemente generoso… della mia quotidiana lotta contro quel senso morale e quel troppo severo "dovere" che mi impongo come necessità imperiosa…

Non sa della mia sofferenza nel regalarle tarde ore di rientro serale per permetterle di godersi la vita…. e il piacere di trasgredirmi..

Non sa della fatica quotidiana di porgermi a lei come comprensiva, empatica, accettante, sorridente madre, anche se oppressa dalla stanchezza di una estenuante ma amatissima attività.

Lei nella sua prepotente e vitale giovinezza, vissuta e non subita come la mia, procede, con illimitato entusiasmo.

 

Articolo a cura della Dott.ssa Anna Scala

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto (1539692710493)

JESSICA,40     Vivo un periodo difficile, dove l'ex del mio compagno fa di tutto per farti saltare le rotelle...e ci riesce, mi spia nei social, ...

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konra...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

News Letters

0
condivisioni