Pubblicità

Il desiderio in una prospettiva evolutiva

0
condivisioni

on . Postato in un legittimo desiderio di maternità e/o paternità | Letto 1845 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Perché uno psicologo psicoterapeuta dovrebbe mantenere un atteggiamento critico verso il mondo contemporaneo, nei confronti dello spirito del suo tempo, mettendo ad esempio in discussione un legittimo desiderio di maternità e/o paternità?

DOTT. SERGIO STAGNITTA

Il desiderio in una prospettiva evolutivaAlle volte l’anima desidererà ed effettivamente desidera una veduta ristretta e confinata in certi modi, come nelle situazioni romantiche. La cagione è il desiderio dell’infinito, perché allora in luogo della vista lavora l’immaginazione, e il fantastico sottentra al reale. L’anima s’immagina quello che non vede, che quell’albero, quella siepe, quella torre gli nasconde, e va errando in uno spazio immaginario, e si figura cose che non potrebbe se la sua vista si estendesse da per tutto, perché il reale escluderebbe l’immaginario.” (Giacomo Leopardi, Lo Zibaldone)

Generalmente noi associamo la parola desiderio a un oggetto tangibile, concreto, che vorremmo avere. Desiderio di una donna, di un uomo, desiderio di una casa, un viaggio, dei figli, un buon cibo, e così via. Da questo punto di vista l’assenza dell’oggetto desiderato produce una frustrazione che può farci provare una profonda sofferenza. Questo modello di desiderio di basa su di un processo che può essere descritto così: mi manca un oggetto specifico, lo desidero, metto in atto dei comportamenti per ottenerlo, se lo ottengo sono soddisfatto ma se non lo ottengo sono insoddisfatto, triste, frustrato e quindi mi blocco, sembra che la vita non mi dia più piacere, o peggio non abbia un senso.

Secondo questo modello la spinta vitale è legata al benessere personale, alla ricerca del piacere che ci deriva dall’ottenimento di qualcosa di tangibile.

Esiste però, in psicologia, un secondo modello di desiderio che pone gli esseri umani in una prospettiva evolutiva che tiene conto anche della dimensione immaginifica e spirituale oltre che di quella del reale.

In questa prospettiva il desiderio ha una radice diversa; non è una mancanza di un oggetto, sostanza o comportamento concreto, ma un vissuto, un processo, un’azione psichica che tende verso qualcosa. Il desiderio non ci porta alla soddisfazione immediata di qualcosa e nemmeno ci lascia immobili in attesa passiva. È una spinta che ci mette in cammino verso una determinata direzione. La differenza tra il primo e il secondo modello di desiderio sta nel modo di concepire il limite, l’impedimento. Nel primo caso il limite è un ostacolo da superare, da eliminare, per giungere alla meta. Nel secondo caso, il limite, ‘la siepe’ per dirla con Leopardi, è una risorsa, è l’elemento che ci consente di entrare in contatto con qualcosa di più profondo: “in luogo della vista lavora l’immaginazione, e il fantastico sottentra al reale[1]

Pubblicità

L’energia che attiva il desiderio nasce proprio dalla capacità di tollerare il vuoto, l’assenza dell’oggetto desiderato.

L’obiezione a questa mia riflessione potrebbe essere: “ma questa è una visione romantica della vita, un modo poetico per parlare di qualcosa di intangibile: l’infinito; non si potrà mai applicare alla vita concreta!”

Questa probabile obiezione mi consente di rispondere alla domanda iniziale che ci siamo posti, soprattutto riguardo al punto centrale della questione: "Perché uno psicologo/psicoterapeuta dovrebbe mettere in discussione un legittimo desiderio di maternità e/o paternità?"

 

Risponderei che la società moderna si sta sempre di più configurando come una società che deve a tutti i costi rompere il limite, considerarlo come un impedimento e non come una opportunità di crescita. Tutto ciò che si frappone tra me e la realizzazione del mio desiderio va contrastato, combattuto, anche quando non siamo sicuri se questo desiderio sia un bene per noi e la società stessa nella quale viviamo. Il limite, la siepe, è quell’elemento che ci consente di fermarci a pensare prima di compiere un’azione, ecco perché molti psicoanalisti sostengono che non esiste un desiderio senza la presenza di un limite. Collegare un desiderio alla legge, alle regole, consente quel giusto equilibrio, quella tensione creativa che ci permette di pensare a strade alternative laddove potrebbe esserci anche solo il rischio che il piacere personale crei disagio ad altri. Il desiderio, in sintesi, non può prescindere dalla relazione con l’altro.

 


[1] Ancora citiamo Giacomo Leopardi, Lo Zibaldone.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: paternità maternità maternità surrogata

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Carla (1564835062431)

  carla, 30 Buongiorno, vi scrivo perché sto veramente male, sono fidanzata da 3 anni col il mio compagno con cui ho avuto una bambina pochi mesi fa ...

Relazione a distanza (15648262…

sara, 22 Salve, avrei un problema che mi blocca da giorni e vorrei un consiglio. Io e il mio ragazzo abbiamo una relazione a distanza da circa un anno (io it...

Area Professionale

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Articolo 28 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.28 (vita privata e vita professionale) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

Le parole della Psicologia

Introiezione

Introiezione è un termine di origine psicoanalitica, con il quale si intende quel processo inconscio, per cui l’Io incamera e fa proprie le rappresentazioni men...

Acalculia

L'acalculia è un deficit di calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale la definì c...

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

News Letters

0
condivisioni