Pubblicità

L'esperto della psiche non può esimersi dal confronto

on . Postato in un legittimo desiderio di maternità e/o paternità

Perché uno psicologo psicoterapeuta dovrebbe mantenere un atteggiamento critico verso il mondo contemporaneo, nei confronti dello spirito del suo tempo, mettendo ad esempio in discussione un legittimo desiderio di maternità e/o paternità?

DOTT.SSA SIMONETTA PUTTI

Lesperto della psiche non può esimersi dal confrontoCondividendo le idee e motivazioni espresse, quelle che peraltro hanno costituito l’assetto di base dal quale ci siamo mosse per scrivere il libro a più mani “Utero in Anima”[1], posso soffermarmi qui su pochi ulteriori spunti.

Io penso che l’esperto della psiche, e soprattutto chi con la psiche del paziente si confronta quotidianamente, non possa esimersi dal compito di essere nel mondo.

L’osservatorio clinico nel quale ci muoviamo, come psicoterapeuti e psicoanalisti, è un osservatorio privilegiato che ci consente di tenere e tastare il polso della realtà, quella che il paziente vive e porta nel temenos, nello spazio/tempo della seduta.

L’etica e la deontologia professionale ci ricordano costantemente che noi dobbiamo accogliere la domanda del paziente, nell’ascolto e nel rispetto, senza interferenze ideologiche, attivando un percorso di conoscenza e autoconoscenza che consenta la decifrazione del disagio/sofferenza, in vista di un senso che promuova la progressiva realizzazione delle parti più autentiche della persona. Avviando quel percorso che Jung ha chiamato ‘individuazione’.

Noi sappiamo che - per Jung - il processo di individuazione (inteso come meta tendenziale che non potrà essere pienamente raggiunta) consiste in estrema sintesi nel rendere l’Uomo In-dividuo, affrancandolo dalle strettoie e dai condizionamenti personali (consci e inconsci), nonché dalle pressioni eccessive di una dimensione sociale che Jung denomina Coscienza e Inconscio collettivi, consentendogli di diventare “quello che è realmente”[2].

In altre parole, nel temenos il collettivo entra attraverso il vissuto del paziente e ci chiama ad un ascolto e ad uno sguardo consapevoli della contemporaneità[3], ovvero di una dimensione diversa – a mio parere – dall’essere soltanto “specchio” dell’Altro.

Pubblicità

Lo psicoterapeuta e/o psicoanalista è chiamato oggi anche ad entrare in una relazione di pensiero e confronto con il paziente sui temi urgenti che l’attualità del nostro tempo propone. Poter e saper mostrare quali percorsi esistano e quali conseguenze si possano attendere dalle possibili scelte, in vista anche di una crescita progressiva del senso di responsabilità, è parte strutturale del percorso.

Jung riconosceva che la psicoterapia è un procedimento dialettico, un dialogo, un confronto tra due persone.[4]

L’analista può e deve, a mio parere, avere le proprie idee su quanto avviene nel mondo, e saperle esprimere con chiarezza e responsabilità - se richiesto - sempre nel rispetto della posizione dell’Altro, allo scopo di attivarne la capacità di critica ed il processo verso nuove sintesi. Ed anche – come oggi frequentemente accade – poter e saper esprimersi nella qualità di ‘esperto’ nei vari momenti di dibattito e confronto pubblico.

Concordo infatti sulla opportunità e desiderabilità dell’engagement, così come spesso evidenziato dai colleghi Favero e Candellieri[5], ovvero credo che l’analista oggi possa/debba ingaggiarsi nel sociale esprimendo la propria concezione del mondo ed i propri valori.

 


[1] Ceresa, S.G., Bianchi, V., Putti, S., Utero in Anima, Roma, Lithos Editrice, 2016

[2] Jung, C. G., Pratica della Psicoterapia, in Opere, Boringhieri, Torino, 1981, Vol. XVI, pag.14.

[3] Agamben, G., Che cos’è il contemporaneo?, Roma, Nottetempo Editore, 2008

[4] Jung, C. G., Pratica della Psicoterapia, in Opere, Boringhieri, Torino, 1981, Vol. XVI, pag.7

[5] Favero, D.- Candellieri, S, Lo psicoanalista engagé, relazione presentata al congresso internazionale “ANALYSIS AND ACTIVISM: SOCIAL AND POLITICAL CONTRIBUTIONS OF JUNGIAN PSYCHOLOGY”, Roma, dicembre 2015

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

Tags: paternità maternità maternità surrogata

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sfogo... (1504940202677)

andrea, 30       Individuo probabilmente schizofrenico... all'età di tre anni la madre, esasperata dal rapporto con il padre cerca di soff...

blocchi mentali (1505330248387…

PASHINO, 42       Sono in terapia da quattro anni, ho avuto una vita molto difficile e di solitudine con genitori ciechi e una sorella anch...

DEPERSONALIZZAZIONE? (15044611…

Emanuele, 20       Salve, dopo un lungo periodo lavorativo all' estero in cui ho vissuto isolato dal mondo in un ranch in Australia (terra...

Area Professionale

Psicologo a scuola senza conse…

In merito ai fatti avvenuti ad Arezzo, coinvolgente la figura professionale dello psicologo e la cui presenza in aula a scopi valutativi senza consenso da parte...

Il Jobs Act Autonomi 2017: nov…

Il Jobs Act autonomi 2017, contenuto all'interno della precedente Legge di Stabilità del 2016, è in vigore dal 14 giugno 2017. Il disegno di legge prevede 21 ar...

Linee guida per le prestazioni…

LINEE GUIDA PER LE PRESTAZIONI PSICOLOGICHE VIA INTERNET E A DISTANZA Realizzate dalla Commissione ATTI TIPICI del CNOP le nuove linee guida per le prestazio...

Le parole della Psicologia

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vi...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un d...

News Letters