Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Pensi che sia possibile l'amicizia tra madre e figlia? Un commento al sondaggio

on . Postato in Editoriale | Letto 349 volte

Il tema che questa volta abbiamo voluto sottoporre all'attenzione dei nostri visitatori, è stato quello del rapporto genitori- figli, nello specifico abbiamo chiesto ai navigatori del web se ritengono possibile l'amicizia tra madre e figlia.I risultati si sono distribuiti in maniera piuttosto dicotomica. Indubbiamente la maggioranza dei partecipanti al sondaggio ha aderito a questa possibilità: quasi il 30% ritenendola assolutamente essenziale, circa il 20% la ritiene auspicabile ma ammette l'effettiva difficoltà che si incontra nel tentativo di instaurarla, percentuali minime che si attestano intorno all' 1-3% la giudicano essenziale per la madre o viceversa per la figlia, e ancora l' 1,72% la prevede se la differenza di età è minima.

Pensi che sia possibile l'amicizia tra madre e figlia?
Si, ed è essenziale per entrambe 29 % 29.51 % (121) Si, ed è essenziale per la figlia 2 % 2.44 % (10) Si, ed è essenziale per la madre 0 % 0.73 % (3) Si, se la differenza di età è minima 1 % 1.71 % (7) Si, ma è difficile instaurarla 19 % 19.76 % (81) No, la madre come "genitore" non può essere amica 30 % 30.98 % (127) No, una eccessiva "vicinanza" può disturbare 8 % 8.78 % (36) No, ognuno ha il diritto di vivere la sua vita 4 % 4.39 % (18) No, se la differenza di età è minima 1 % 1.71 % (7)

L'altra grande fetta di votanti, al contrario non ritiene che possa instaurarsi questo tipo di amicizia: il 31% , e quindi la maggioranza di risposte negative, riconduce quest'impossibilità al fatto che un genitore come tale non è indicato per fare l'amico, sono due ruoli ben distinti. Circa l' 8% pensa che un'eccessiva vicinanza possa disturbare le dinamiche di tale rapporto, quasi il 5% è convinto che ognuno abbia il diritto di vivere la sua vita e dunque un'amicizia tra madre e figlia sembrerebbe un'interferenza reciproca poco produttiva, e infine una piccola percentuale,1,72%, non la prevede se la differenza di età è minima.

L'età risulta quindi un elemento poco significativo per coloro che hanno risposto al nostro sondaggio.
La figura della madre sembra invece proiettersi in due specifiche direzioni: quella del genitore che può e deve essere amico, e quella più strettamente legata al suo ruolo, ovvero una sorta di guida super partes che come tale deve controllare e supportare la figlia ma non può mescolarsi con la sua vita come accadrebbe ad una normale coetanea.
Ciò che emerge è quindi una sostanziale ambivalenza nel modo di percepire la figura genitoriale.

Eppure l'amicizia è da sempre riconosciuta come uno dei sentimenti più importanti e più costruttivi nella vita dell'uomo, essa racchiude in sè rispetto, fiducia, costanza... forse per questo una parte dei nostri votanti l'ha ritenuta auspicabile ma difficile da raggiungere davvero. Cos'è che invece induce a pensare che un tale sentimento tra madre e figlia minerebbe la figura genitoriale quasi nella sua "integrità"? Attraverso quali passaggi l'amicizia tra una madre e sua figlia potrebbe compromettere l'individualità di entrambe? E' forse l'aspetto della complicità , che rientra nell'idea di amicizia, a spaventare chi la ritiene poco opportuna? O è forse solo una questione di "comodità"... è più semplice fare l'amico piuttosto che il genitore autoritario e protettivo? O al contrario è il tentativo di diventare amici dei propri figli a richiedere più energia e quindi ad essere abbandonato? Queste ed altre sono le domande che emergono dal nostro sondaggio e siamo interessati a qualunque considerazione abbiate da fare in merito...

La Redazione

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

Tocofobia

Il termine tocofobia deriva dai due termini greci tocòs = parto e fobos (paura, timore). ...

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

News Letters