Pubblicità

Pensi che sia possibile l'amicizia tra madre e figlia? Un commento al sondaggio

0
condivisioni

on . Postato in Editoriale | Letto 479 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Il tema che questa volta abbiamo voluto sottoporre all'attenzione dei nostri visitatori, è stato quello del rapporto genitori- figli, nello specifico abbiamo chiesto ai navigatori del web se ritengono possibile l'amicizia tra madre e figlia.I risultati si sono distribuiti in maniera piuttosto dicotomica. Indubbiamente la maggioranza dei partecipanti al sondaggio ha aderito a questa possibilità: quasi il 30% ritenendola assolutamente essenziale, circa il 20% la ritiene auspicabile ma ammette l'effettiva difficoltà che si incontra nel tentativo di instaurarla, percentuali minime che si attestano intorno all' 1-3% la giudicano essenziale per la madre o viceversa per la figlia, e ancora l' 1,72% la prevede se la differenza di età è minima.

Pensi che sia possibile l'amicizia tra madre e figlia?
Si, ed è essenziale per entrambe 29 % 29.51 % (121) Si, ed è essenziale per la figlia 2 % 2.44 % (10) Si, ed è essenziale per la madre 0 % 0.73 % (3) Si, se la differenza di età è minima 1 % 1.71 % (7) Si, ma è difficile instaurarla 19 % 19.76 % (81) No, la madre come "genitore" non può essere amica 30 % 30.98 % (127) No, una eccessiva "vicinanza" può disturbare 8 % 8.78 % (36) No, ognuno ha il diritto di vivere la sua vita 4 % 4.39 % (18) No, se la differenza di età è minima 1 % 1.71 % (7)

L'altra grande fetta di votanti, al contrario non ritiene che possa instaurarsi questo tipo di amicizia: il 31% , e quindi la maggioranza di risposte negative, riconduce quest'impossibilità al fatto che un genitore come tale non è indicato per fare l'amico, sono due ruoli ben distinti. Circa l' 8% pensa che un'eccessiva vicinanza possa disturbare le dinamiche di tale rapporto, quasi il 5% è convinto che ognuno abbia il diritto di vivere la sua vita e dunque un'amicizia tra madre e figlia sembrerebbe un'interferenza reciproca poco produttiva, e infine una piccola percentuale,1,72%, non la prevede se la differenza di età è minima.

L'età risulta quindi un elemento poco significativo per coloro che hanno risposto al nostro sondaggio.
La figura della madre sembra invece proiettersi in due specifiche direzioni: quella del genitore che può e deve essere amico, e quella più strettamente legata al suo ruolo, ovvero una sorta di guida super partes che come tale deve controllare e supportare la figlia ma non può mescolarsi con la sua vita come accadrebbe ad una normale coetanea.
Ciò che emerge è quindi una sostanziale ambivalenza nel modo di percepire la figura genitoriale.

Eppure l'amicizia è da sempre riconosciuta come uno dei sentimenti più importanti e più costruttivi nella vita dell'uomo, essa racchiude in sè rispetto, fiducia, costanza... forse per questo una parte dei nostri votanti l'ha ritenuta auspicabile ma difficile da raggiungere davvero. Cos'è che invece induce a pensare che un tale sentimento tra madre e figlia minerebbe la figura genitoriale quasi nella sua "integrità"? Attraverso quali passaggi l'amicizia tra una madre e sua figlia potrebbe compromettere l'individualità di entrambe? E' forse l'aspetto della complicità , che rientra nell'idea di amicizia, a spaventare chi la ritiene poco opportuna? O è forse solo una questione di "comodità"... è più semplice fare l'amico piuttosto che il genitore autoritario e protettivo? O al contrario è il tentativo di diventare amici dei propri figli a richiedere più energia e quindi ad essere abbandonato? Queste ed altre sono le domande che emergono dal nostro sondaggio e siamo interessati a qualunque considerazione abbiate da fare in merito...

La Redazione

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia, mentre le altre componenti del linguaggio risultan...

Paura

La paura è quell’emozione primaria di difesa, consistente in un senso di insicurezza, di smarrimento e di ansia, di fronte ad un pericolo reale o immaginario, o...

La Comunicazione

La comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) nella sua prima definizione è l...

News Letters

0
condivisioni