Pubblicità

Obesità, ansia e depressione: quale legame?

0
condivisioni

on . Postato in I disturbi alimentari | Letto 949 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Un nuovo studio ha riscontrato un collegamento tra l'obesità e un aumentato rischio di sviluppare ansia e depressione in bambini e adolescenti.

obesità ansia depressione. quale legameQuesto aumento del rischio sembra essere indipendente dai tradizionali fattori di rischio, come la malattia psichiatrica dei genitori e lo status socio-economico, secondo i ricercatori del Karolinska Institutet di Stoccolma, in Svezia.

Lo studio ha confrontato più di 12.000 bambini svedesi che avevano subito un trattamento per l'obesità con oltre 60.000 controlli abbinati.

Ha scoperto che le ragazze con obesità avevano il 43% in più di probabilità di sviluppare ansia o depressione rispetto ai loro coetanei nella popolazione generale.

Allo stesso modo, i ragazzi con obesità presentavano un 33% di aumento del rischio di ansia e depressione rispetto ai loro coetanei, secondo i risultati dlelo studio.

Pubblicità

Osserviamo un evidente aumento del rischio di ansia e disturbi depressivi nei bambini e negli adolescenti con obesità rispetto al gruppo di controllo che non può essere spiegato da altri fattori di rischio noti, come stato socioeconomico e disturbi neuropsichiatrici”, ha affermato la Dottoressa louise Lindberg, autrice senior della ricerca.

Questi risultati suggeriscono che i bambini e adolescenti con obesità hanno un maggiore probabilità di sviluppare ansia e depressione, qualcosa su cui gli operatori sanitari devono prestare molta attenzione”.

Ansia e depressione sono più comuni nei bambini con obesità rispetto ai bambini di peso normale, ma non è chiaro se l'associazione sia indipendente da altri fattori di rischio noti, hanno spiegato i ricercatori.

Gli studi precedenti sono ostacolati da limiti metodologici, tra cui la valutazione self-report di ansia, depressione e peso.

Per fornire ulteriori prove, i ricercatori hanno condotto uno studio nazionale basato sulla popolazione per indagare se l'obesità sia un fattori di rischio indipendente per ansia e depressione.

Lo studio ha incluso 12.507 bambini di età compresa tra 6 e 17 anni che erano iscritti nel Registro svedese per il trattamento dell'obesità infantile tra il 2005 e il 2015.

Questo gruppo di bambini è stato confrontato con un altro gruppo di 60.063 bambini di peso normale e le variabili prese in considerazione sono sesso, anno di nascita, area in cui vivono e così via.

Il gruppo di ricerca si è adeguato a una serie di fattori noti per influenzare l'ansia e la depressione, compresi il background, i disturbi neuropsichiatrici, la malattia psichiatrica dei genitori e lo stato socioeconomico.

Durante lo studio, 4.230 bambini e adolescenti hanno sviluppato ansia e depressione per una media di 4,5 anni.

L'obesità era chiaramente collegata a un più alto rischio di ansia e depressione in infanzia e adolescenza, secondo il risultato dello studio.

Più nel dettaglio, le ragazze (11,6% Vs 6%) e i ragazzi (8% Vs 4,1%) con obesità avevano più probabilità di ricevere diagnosi dello spettro ansioso e depressivo rispetto a quelli della popolazione generale nel periodo di studio.

Pubblicità

Un'ulteriore analisi che escludeva i bambini con disturbi neuropsichiatrici o una storia familiare di ansia e depressione ha rilevato che i rischi erano ancora più alti.

In particolare, i ragazzi con obesità avevano il doppio delle probabilità di provare ansia o depressione rispetto ai coetanei di peso normale.

Dato l'aumento dell'obesità e della compromissione della salute mentale nei giovani, la comprensione del legame delineato è vitale. Sono necessari ulteriori studi per spiegare i meccanismi alla base dell'associazione tra obesità, ansia e depressione”, ha concluso la ricercatrice.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

 
 
 

Tags: depressione ansia adolescenza obesità

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Richiesta di sessione di terap…

Daniele C., 24 anni     Ciao, sono un ragazzo di 24. Ho dei problemi a gestire rabbia e nervosismo e la cosa ha un effetto negativo su di me e ...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Disturbo Istrionico di Persona…

Disturbo di personalità caratterizzato da intensa emotività e costanti tentativi di ottenere attenzione, approvazione e sostegno altrui, attraverso comportament...

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

News Letters

0
condivisioni