Pubblicità

Obesità, ansia e depressione: quale legame?

0
condivisioni

on . Postato in I disturbi alimentari | Letto 520 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Un nuovo studio ha riscontrato un collegamento tra l'obesità e un aumentato rischio di sviluppare ansia e depressione in bambini e adolescenti.

obesità ansia depressione. quale legameQuesto aumento del rischio sembra essere indipendente dai tradizionali fattori di rischio, come la malattia psichiatrica dei genitori e lo status socio-economico, secondo i ricercatori del Karolinska Institutet di Stoccolma, in Svezia.

Lo studio ha confrontato più di 12.000 bambini svedesi che avevano subito un trattamento per l'obesità con oltre 60.000 controlli abbinati.

Ha scoperto che le ragazze con obesità avevano il 43% in più di probabilità di sviluppare ansia o depressione rispetto ai loro coetanei nella popolazione generale.

Allo stesso modo, i ragazzi con obesità presentavano un 33% di aumento del rischio di ansia e depressione rispetto ai loro coetanei, secondo i risultati dlelo studio.

Pubblicità

Osserviamo un evidente aumento del rischio di ansia e disturbi depressivi nei bambini e negli adolescenti con obesità rispetto al gruppo di controllo che non può essere spiegato da altri fattori di rischio noti, come stato socioeconomico e disturbi neuropsichiatrici”, ha affermato la Dottoressa louise Lindberg, autrice senior della ricerca.

Questi risultati suggeriscono che i bambini e adolescenti con obesità hanno un maggiore probabilità di sviluppare ansia e depressione, qualcosa su cui gli operatori sanitari devono prestare molta attenzione”.

Ansia e depressione sono più comuni nei bambini con obesità rispetto ai bambini di peso normale, ma non è chiaro se l'associazione sia indipendente da altri fattori di rischio noti, hanno spiegato i ricercatori.

Gli studi precedenti sono ostacolati da limiti metodologici, tra cui la valutazione self-report di ansia, depressione e peso.

Per fornire ulteriori prove, i ricercatori hanno condotto uno studio nazionale basato sulla popolazione per indagare se l'obesità sia un fattori di rischio indipendente per ansia e depressione.

Lo studio ha incluso 12.507 bambini di età compresa tra 6 e 17 anni che erano iscritti nel Registro svedese per il trattamento dell'obesità infantile tra il 2005 e il 2015.

Questo gruppo di bambini è stato confrontato con un altro gruppo di 60.063 bambini di peso normale e le variabili prese in considerazione sono sesso, anno di nascita, area in cui vivono e così via.

Il gruppo di ricerca si è adeguato a una serie di fattori noti per influenzare l'ansia e la depressione, compresi il background, i disturbi neuropsichiatrici, la malattia psichiatrica dei genitori e lo stato socioeconomico.

Durante lo studio, 4.230 bambini e adolescenti hanno sviluppato ansia e depressione per una media di 4,5 anni.

L'obesità era chiaramente collegata a un più alto rischio di ansia e depressione in infanzia e adolescenza, secondo il risultato dello studio.

Più nel dettaglio, le ragazze (11,6% Vs 6%) e i ragazzi (8% Vs 4,1%) con obesità avevano più probabilità di ricevere diagnosi dello spettro ansioso e depressivo rispetto a quelli della popolazione generale nel periodo di studio.

Pubblicità

Un'ulteriore analisi che escludeva i bambini con disturbi neuropsichiatrici o una storia familiare di ansia e depressione ha rilevato che i rischi erano ancora più alti.

In particolare, i ragazzi con obesità avevano il doppio delle probabilità di provare ansia o depressione rispetto ai coetanei di peso normale.

Dato l'aumento dell'obesità e della compromissione della salute mentale nei giovani, la comprensione del legame delineato è vitale. Sono necessari ulteriori studi per spiegare i meccanismi alla base dell'associazione tra obesità, ansia e depressione”, ha concluso la ricercatrice.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

 
 
 

Tags: depressione ansia adolescenza obesità

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Percezione

Tradizionalmente, gli psicologi hanno distinto il modo nel quale noi riceviamo le informazioni dal mondo esterno in due fasi separate: Sensazione: riguarda i...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

News Letters

0
condivisioni