Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Cos'è il Training Autogeno?

0
condivisioni

on . Postato in Il lavoro della psicologia | Letto 997 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Il Training Autogeno è una tecnica di autodistensione elaborata dal neurologo berlinese J.H.Schultz negli anni fra il 1908 e il 1912.

training autogenoMa sarà soltanto nel 1932 che verranno pubblicati i due volumi dal titolo “Il Training Autogeno: Autodistensione Concentrativa” in cui viene presentato, nella sua struttura definitiva, il metodo.

La tecnica si basa sulla pratica del rilassamento muscolare che si ottiene grazie ad un atteggiamento mentale di passiva concentrazione su determinate formule standard. Questo porta ad un controllo dell’emotività e

allo sviluppo di modificazioni psichiche e somatiche in senso opposto a quelle provocate da uno stato di tensione, di ansia e di stress. Fondamentalmente con il T.A. si può raggiungere tutto ciò che secondo Schultz “può essere prodotto da uno stato di distensione” e cioè:

1) sedazione emotiva

2) riduzione dell’ansia e della tensione

3) potenziamento delle capacità di concentrazione e dell’efficienza fisico-psichica

4) migliore determinazione nell’affrontare i propri compiti quotidiani

5) maggior controllo dei disturbi funzionali di origine nervosa

 

Cosa significa Training Autogeno

Training significa “allenamento” cioè apprendimento graduale di una serie di esercizi di concentrazione psichica passiva, studiati per portare al realizzarsi di spontanee modificazioni del tono muscolare, della funzionalità vascolare, dell’attività cardiaca e polmonare e dell’equilibrio neurovegetativo.

Autogeno significa che si genera da sé. Ciò significa che il soggetto e l’operatore devono rispettare le realizzazioni spontanee dell’organismo. La ripetizione delle formule, la progressione degli esercizi, devono seguire il ritmo personale e non aprioristici schemi fissi imposti.

 

Come si struttura il Training Autogeno

Il T.A. si struttura in una sequenza di esercizi standard che vengono rappresentati mentalmente con una formula che il soggetto deve vivere in uno stato di assoluta passività .

La filosofia del T.A. si fonda infatti sull’attesa passiva di certe reazioni automatiche, autogene.

Secondo la tecnica progressiva di Schultz l’allenamento passa attraverso sei fasi:

1) esperienza di pesantezza

2) esperienza di calore

3) esercizi del cuore

4) esercizi della respirazione

5) esperienza di calore all’addome

6) esperienza di fresco alla fronte

 

Il 1° esercizio propone la realizzazione di un vissuto di pesantezza. La sola concentrazione passiva sulla formula:”braccio destro pesante”, fa si che il soggetto, dopo qualche giorno di allenamento, non solo percepisca una sensazione soggettiva di pesantezza, ma anche che prove oggettive (abduzione e caduta del braccio, elettromiografia ) rilevino una reale ipotonia muscolare.

La risposta oggettiva alla formula va incontro al fenomeno della generalizzazione, cosi che in maniera autonoma e indipendente, la sensazione di pesantezza si estende a tutto il corpo.

Lo stesso si verifica per gli esercizi successivi.

L’allenamento regolare e sistematico permette l’acquisizione di uno stato di rilassamento generalizzato a tutto l’organismo, accompagnato da un senso di calma e benessere, che favorisce la concentrazione sul proprio Io e quindi consente di prendere coscienza del proprio corpo e una migliore consapevolezza del rapporto che si ha con esso.

Il T.A.,agendo sull’unità biopsichica dell’essere umano, è in grado di indurre una “messa a riposo” fisiologica e una sedazione psichica, permettendo cosi un recupero di serenità, di energie fisiche e psichiche e consentendo, con una maggiore fiducia in sé stessi anche una maggiore efficienza nelle proprie prestazioni professionali.

Pubblicità

La durata del trattamento va dalle 10-12 settimane ai 5-6 mesi.

Le sedute, effettuate con una guida competente, solitamente psicologo o professionista adeguatamente formato, possono essere individuali o di gruppo e prevedono che successivamente al periodo di apprendimento gli stessi vengano continuati in forma autonoma (da qui training autogeno ).

 

Indicazioni del T.A.

Il T.A. è indicato pertanto in tutte le patologie che riconoscono una eziopatogenesi ansiosa. Il T.A. è indicato inoltre nell’individuo sano (anche in età evolutiva) per prevenire gli stati ansiosi e le loro eventuali conseguenze somatiche.

La terapia, è importante sottolineare, tiene conto dei sintomi o dei loro effetti somatici mettendo da parte tutto ciò che riguarda la struttura di personalità e le dinamiche inconsce dei soggetti.

 

Dott.ssa Monica Caliaro - Psicologa - Padova

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

Tags: rilassamento tecniche di rilassamento training autogeno

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Arredare lo studio di uno psic…

Arredare lo studio di uno psicologo è un impegno importante ai fini della futura professione. Una nuova ricerca, infatti, dimostra che le persone giudicano la q...

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Le parole della Psicologia

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione è i...

I gruppi Balint

I gruppi Balint iniziarono verso la fine degli anni ’40 quando fu chiesto a Michael e a Enid Balint di fornire ai medici generici una formazione psichiatrica pe...

News Letters

0
condivisioni