Pubblicità

Cos'è il Training Autogeno?

0
condivisioni

on . Postato in Il lavoro della psicologia | Letto 1080 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Il Training Autogeno è una tecnica di autodistensione elaborata dal neurologo berlinese J.H.Schultz negli anni fra il 1908 e il 1912.

training autogenoMa sarà soltanto nel 1932 che verranno pubblicati i due volumi dal titolo “Il Training Autogeno: Autodistensione Concentrativa” in cui viene presentato, nella sua struttura definitiva, il metodo.

La tecnica si basa sulla pratica del rilassamento muscolare che si ottiene grazie ad un atteggiamento mentale di passiva concentrazione su determinate formule standard. Questo porta ad un controllo dell’emotività e

allo sviluppo di modificazioni psichiche e somatiche in senso opposto a quelle provocate da uno stato di tensione, di ansia e di stress. Fondamentalmente con il T.A. si può raggiungere tutto ciò che secondo Schultz “può essere prodotto da uno stato di distensione” e cioè:

1) sedazione emotiva

2) riduzione dell’ansia e della tensione

3) potenziamento delle capacità di concentrazione e dell’efficienza fisico-psichica

4) migliore determinazione nell’affrontare i propri compiti quotidiani

5) maggior controllo dei disturbi funzionali di origine nervosa

 

Cosa significa Training Autogeno

Training significa “allenamento” cioè apprendimento graduale di una serie di esercizi di concentrazione psichica passiva, studiati per portare al realizzarsi di spontanee modificazioni del tono muscolare, della funzionalità vascolare, dell’attività cardiaca e polmonare e dell’equilibrio neurovegetativo.

Autogeno significa che si genera da sé. Ciò significa che il soggetto e l’operatore devono rispettare le realizzazioni spontanee dell’organismo. La ripetizione delle formule, la progressione degli esercizi, devono seguire il ritmo personale e non aprioristici schemi fissi imposti.

 

Come si struttura il Training Autogeno

Il T.A. si struttura in una sequenza di esercizi standard che vengono rappresentati mentalmente con una formula che il soggetto deve vivere in uno stato di assoluta passività .

La filosofia del T.A. si fonda infatti sull’attesa passiva di certe reazioni automatiche, autogene.

Secondo la tecnica progressiva di Schultz l’allenamento passa attraverso sei fasi:

1) esperienza di pesantezza

2) esperienza di calore

3) esercizi del cuore

4) esercizi della respirazione

5) esperienza di calore all’addome

6) esperienza di fresco alla fronte

 

Il 1° esercizio propone la realizzazione di un vissuto di pesantezza. La sola concentrazione passiva sulla formula:”braccio destro pesante”, fa si che il soggetto, dopo qualche giorno di allenamento, non solo percepisca una sensazione soggettiva di pesantezza, ma anche che prove oggettive (abduzione e caduta del braccio, elettromiografia ) rilevino una reale ipotonia muscolare.

La risposta oggettiva alla formula va incontro al fenomeno della generalizzazione, cosi che in maniera autonoma e indipendente, la sensazione di pesantezza si estende a tutto il corpo.

Lo stesso si verifica per gli esercizi successivi.

L’allenamento regolare e sistematico permette l’acquisizione di uno stato di rilassamento generalizzato a tutto l’organismo, accompagnato da un senso di calma e benessere, che favorisce la concentrazione sul proprio Io e quindi consente di prendere coscienza del proprio corpo e una migliore consapevolezza del rapporto che si ha con esso.

Il T.A.,agendo sull’unità biopsichica dell’essere umano, è in grado di indurre una “messa a riposo” fisiologica e una sedazione psichica, permettendo cosi un recupero di serenità, di energie fisiche e psichiche e consentendo, con una maggiore fiducia in sé stessi anche una maggiore efficienza nelle proprie prestazioni professionali.

Pubblicità

La durata del trattamento va dalle 10-12 settimane ai 5-6 mesi.

Le sedute, effettuate con una guida competente, solitamente psicologo o professionista adeguatamente formato, possono essere individuali o di gruppo e prevedono che successivamente al periodo di apprendimento gli stessi vengano continuati in forma autonoma (da qui training autogeno ).

 

Indicazioni del T.A.

Il T.A. è indicato pertanto in tutte le patologie che riconoscono una eziopatogenesi ansiosa. Il T.A. è indicato inoltre nell’individuo sano (anche in età evolutiva) per prevenire gli stati ansiosi e le loro eventuali conseguenze somatiche.

La terapia, è importante sottolineare, tiene conto dei sintomi o dei loro effetti somatici mettendo da parte tutto ciò che riguarda la struttura di personalità e le dinamiche inconsce dei soggetti.

 

Dott.ssa Monica Caliaro - Psicologa - Padova

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

Tags: rilassamento tecniche di rilassamento training autogeno

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

Ecoprassia

È l’imitazione dei movimenti di altri, per esempio, di azioni (ecocinesi) e gesti (ecomimia). L'ecoprassia consiste nell' imitazione spontanea dei movimenti ...

Dipendenza

La dipendenza è una condizione di bisogno incoercibile di uno specifico comportamento o di una determinata sostanza (stupefacenti, farmaci, alcol, shopping, Int...

News Letters

0
condivisioni