Pubblicità

Il cliente in Psicoterapia: il desiderio e la paura di cambiare

0
condivisioni

on . Postato in Il lavoro della psicologia | Letto 2279 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Chi si rivolge alla psicoterapia per comprendere, affrontare e risolvere le proprie difficoltà ha un grande desiderio di cambiare per star bene. Ma quando e perchè il cliente può avere paura di cambiare? Perchè, a volte, non vuole migliorare? E lo psicoterapeuta cosa può fare?

Il cliente in Psicoterapia il desiderio e la paura di cambiareQuando un cliente si rivolge alla psicoterapia è perchè ricerca un sollievo dai propri sintomi, depressione, ansia e altre emozioni dolorose. Ma, allo stesso tempo, fa fatica a cambiare quelle difese fondamentali che gli permetterebbero di sviluppare e superare il proprio disturbo psicologico.

La maggior parte delle persone ha paura di un cambiamento fondamentale nella propria identità, positivo o negativo che sia.

Fin dalla tenera età, i bambini formano, per un periodo prolungato di tempo, un legame potente con i loro genitori da cui dipende la loro sopravvivenza.

Ogni bambino ha bisogno di protezione, amore e affetto dagli adulti che possiedono idealmente sia il desiderio sia la capacità di provvedere alla soddisfazione dei bisogni fondamentali del bambino.

Nei casi in cui un genitore è maltrattante o emotivamente assente, il bambino soffre di stati d'ansia elevati che a volte possono essere pericolosi per la vita.

I bambini cercano di adattarsi nel modo migliore possibile alle circostanze in cui si trovano.

Per far fronte alla loro situazione, i bambini si difendono dall'ansia e dal dolore, immaginando di avere una connessione permanente con il genitore.

Formano, cioè un legame fantastico con la madre o il padre con cui sentono di essere connessi, quasi come se condividessero un'identità.

Questa fusione fantastica offre comfort, sicurezza e compensa in parte ciò che manca nel loro ambiente interpersonale.

Quei bambini che soffrono di una quantità eccessiva di rifiuto, dolore e dolore emotivo formano profondi legami di fantasia per placare la loro angoscia.

Pubblicità

Il legame di fantasia offre anche un parziale sollievo dall'ansia della morte. Per mantenere questa connessione immaginata, i bambini negano o minimizzano la realtà delle inadeguatezze e degli abusi dei genitori, e nel processo idealizzano i genitori nei loro confronti.

Nella fase iniziale, i bambini arrivano a vedere se stessi come non amabili, cattivi o carenti, e portano questa immagine di base in avanti nella loro vita adulta. Diventa così un aspetto fondamentale della loro identità principale.

Da questo punto in poi, qualsiasi interruzione del processo di idealizzazione dei genitori o di concezione di sè negativa conduce a sentimenti di tensione o disagio.

Una volta formato, qualsiasi intrusione o rottura con qualsiasi aspetto del legame fantastico porta ad un aumento dello stato di ansia.

Quando questa potente difesa viene sfidata, c'è una sensazione di terrore, un'acuta consapevolezza di essere indifesi e soli, al pari, quasi, di una minaccia per la vita.

Il movimento positivo in psicoterapia che sfida l'idealizzazione dei genitori o aiuta i clienti a vedersi in una luce migliore può paradossalmente essere vissuto come una minaccia piuttosto che una liberazione.

Invece di sentirsi meglio, possono sentirsi a disagio e tendono a negare le loro intuizioni o progressi.

Per questo motivo, anche se le persone potrebbero desiderare di cambiare, potrebbero procedere in senso contrario, generando un blocco nel percorso terapeutico.

In effetti, la maggior parte delle persone, dentro o fuori dalla psicoterapia, è spaventata, anche terrorizzata, di fare grandi cambiamenti nella vita a causa della minaccia che questi cambiamenti pongono alle loro difese fondamentali.

I clienti sottoposti a psicoterapia affrontano poi un ultimo dilemma. La loro naturale tendenza ad abbracciare nuove intuizioni e godere dei benefici di percepire se stessi in una luce migliore è ostacolata da un'aumentata ansia causata da aspetti contraddittori del legame fantastico con i loro genitori.

I sentimenti di vuoto e di solitudine, insieme ad un reale senso di perdita, possono essere particolarmente dolorosi e portare ad una resistenza generalizzata in psicoterapia.

L'operazione del legame fantastico e l'angoscia successiva della rottura di esso sono entrambi in gran parte inconsci.

Ciò rende difficile per i clienti identificare e comprendere le loro reazioni quando qualsiasi aspetto della connessione immaginata è esposta o in pericolo.

In tal senso, gli psicoterapeuti si trovano in una sorta di situazione contraddittoria in quanto il cliente esprime una certa resistenza al cambiamento.

Vorrebbero aiutare i propri clienti a percepire realisticamente la propria situazione familiare e infantile, e ad allontanarsi dal pensiero autocritico e autodistruttivo, tuttavia il cliente può essere resistente a entrambi i processi.

In generale, le persone sono riluttanti a sfidare le proprie difese psicologiche perchè queste difese erano una volta essenziali e le proteggevano quando erano più vulnerabili.

Pubblicità

Erano cioè l'adattamento più efficace che potevano apportare alle influenze ambientali e distruttive che incontravano da bambini, e servivano a ridurre la tensione, l'ansia ed il disagio emotivo.

In conclusione, è utile sia per lo psicoterapeuta che per il cliente affrontare il fatto che, in un senso importante, il cliente non vuole migliorare.

Entrambe le persone possono trarre beneficio dall'intuizione che gli eventi positivi nella vita di un individuo possono avere effetti negativi, perchè interrompono le componenti chiave del legame fantastico.

Per lo stesso motivo, lo sviluppo personale o il miglioramento della psicoterapia possono incoraggiare i sentimenti di insicurezza e senso di solitudine dei clienti, e possono anche suscitare sentimenti di ansia di morte.

I terapeuti possono aiutare i clienti a capire e lavorare attraverso potenziali regressioni, aiutandoli a comprendere il pieno impatto della loro resistenza a rompere con l'immagine negativa di sé che hanno formato nelle loro famiglie di origine.

Mentre si trovano in uno stato difensivo, i clienti spesso immaginano che la loro ansia sarà intollerabile se cambiano.

Il compito dello psicoterapeuta è quello di aiutare i clienti a rendersi conto che se sviluppano la loro tolleranza e apprendono a fronteggiare l'ansia e le emozioni dolorose possono andare avanti, ampliare la loro prospettiva e condurre una vita più appagante.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: psicoterapia paura paziente cambiare cliente cambiamento in psicoterapia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata da un'esclusi...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il declino cognitivo lieve consi...

News Letters

0
condivisioni