Pubblicità

Marica e i suoi attacchi di panico

0
condivisioni

on . Postato in Il lavoro della psicologia | Letto 977 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (10 Voti)

Pubblichiamo, a cura del Dottor Alfredo Ferrajoli, il resoconto di un caso clinico relativo agli attacchi di panico. La protagonista, una ragazza di 26 anni, soffre di un disturbo da attacchi di panico e ansia anticipatoria.

Marica e i suoi attacchi di panicoMarica (nome di fantasia) è una donna di ventisei anni, da circa un anno ha partorito il suo primo bambino. Non si è sposata e il suo convivente non sempre può permettere alla famiglia un costante sostentamento in quanto è un lavoratore precario.

Marica vuole bene al suo uomo e a suo figlio ma dice di sentire dentro di “mancarle qualcosa” che non sa individuare con precisione. In passato, riferisce di aver avuto molti uomini e, spesso, ha avuto difficoltà a stabilire un legame affettivo significativo.

La sua promiscuità adolescenziale e giovanile nella sessualità fu vissuta da lei come richiesta di protezione e amore che nella storia della sua vita Marica non aveva ricevuto. Ricorda il padre come un “relitto della società”, sempre ubriaco e carico di rabbia verso la madre che invece, in modo responsabile e attivo, si prendeva cura della famiglia ma che mai Marica ha avvicinato in modo emotivamente forte.

Ella accede titubante ai colloqui, controllata e timorosa, presenta un atteggiamento iper-razionalizzante nei confronti dei suoi stati affettivi; confessa di aver paura, una strana sensazione che le impedisce di stare seduta in maniera rilassata, ha difficoltà a stabilire un’alleanza terapeutica.

Capisco che Marica ha bisogno di un terapeuta che sappia ascoltare in profondità le sue sofferenze che peraltro esprime con difficoltà e in modo frammentario, presenta inoltre, specie inizialmente, una difficoltà a relazionarsi con il suo mondo interiore e accedere al contatto con le sue emozioni che esprime con difficoltà solo se sollecitata.

Accanto, però, a queste caratteristiche che fanno riferimento a ciò che la psicologia e la psichiatria descrivono con il termine di alessitimia, nel complesso Marica è una persona ricca emotivamente, diffidente e timorosa, entusiasta quando riesce a trovare qualche elemento per fare chiarezza e portare luce nel suo buio.

Da circa sei mesi ella soffre di un disturbo da attacchi di panico e ansia anticipatoria. Durante le sedute iniziali sollecito la paziente a riferire nei particolari le sue “crisi” al fine di pervenire insieme ad una elaborazione del suo dolore.

Riesce, dopo vari colloqui, a riferire con molta fatica il suo terrore, la paura di impazzire, andare in frantumi e morire. Riesce finalmente a parlarmi, entrandoci dentro in maniera profonda, su quello che prova durante gli attacchi di panico.

Capisco che è un passo importante per la sua terapia fondamentalmente per un duplice motivo: per essere riuscita ad accedere in profondità nella sua vita emotiva e per avere concesso a se stessa la fiducia di aprirsi e ad affidarsi al suo terapeuta.

Pubblicità

Marica riesce ben presto, dopo queste sedute, ad essere maggiormente coinvolta; numerosi sono gli elementi che riporta durante questa fase della psicoterapia che per comodità chiamerò fase del secondo periodo. Riesce a parlare di lei, dei suoi convincimenti, del suo futuro, dell’amore, profondo, che prova verso suo figlio.

La ascolto sempre in modo empatico e partecipativo, parlo poco, le faccio da specchio e meno parlo e più si apre. Durante una seduta di questo secondo periodo noto che la respirazione di Marica, mentre riferisce fatti importanti che la coinvolgono emotivamente, subisce modificazioni sostanziali. Diventa superficiale e poco profonda quando la sua coscienza contatta il dolore emotivo.

In accordo con l’orientamento psicocorporeo reichiano e analitico bioenergetico di Alexander Lowen, quello che Marica mette in atto in modo inconsapevole è inquadrabile in una reazione di difesa che il suo corpo comunica. Allo scopo di allontanarsi dalla spiacevolezza e dal senso di disagio interiore – ai quali i contenuti emersi la espongono – il respiro di Marica si blocca.

Durante questo periodo lavoriamo a lungo su questo suo atteggiamento, la terapia va avanti e lei appare motivata per un approfondimento.

All’inizio riusciamo con difficoltà a trovare collegamenti significativi poi, lentamente, arriviamo al nocciolo. Nel riferire una sua esperienza infantile di separazione – ricorda di aver vissuto con una forte sensazione di abbandono il fatto di essere portata e lasciata a scuola elementare nonostante diventasse paonazza per il pianto e la paura – nel riportare questa esperienza il suo respiro subì un’alterazione, resa consapevole di ciò inizia un cammino in profondità che ella stessa, poi, denominerà “operazione di archeologia psicologica”.

Fra i suoi ricordi infantili troverà, in questo periodo, quello della “piccola Marica” che avrebbe voluto piangere quando sentiva il bisogno ma questo non le era consentito perché a casa sia il papà che la mamma non volevano.

Ricorda i singulti e la respirazione che si faceva più difficile allo scopo di reprimere il pianto, riferisce di aver avuto da bambina ricorrenti crisi di asma e che la situazione familiare era vissuta con un senso di paura. Non poteva ribellarsi e in più non poteva farlo attraverso il pianto che represso le provocava, dice, violente difficoltà respiratorie. Da allora, confessa, non avrebbe più pianto ed aveva l’età di 6/7 anni. Ora Marica adulta vorrebbe lasciarsi andare al pianto e piangere “fiumi di lacrime”, riferisce, ma questo non le riesce ed aumenta il suo senso di insoddisfazione e di impotenza.

Attraverso l’applicazione di alcune metodiche psicocorporee, Marica riesce ad aprirsi al pianto e la sua respirazione diventa più completa. Una relazione significativa tra attacchi di panico e respirazione è stata anche di recente sottolineata dal Prof. Battaglia dell’Ospedale San Raffaele di Milano. All’inizio ella non riesce a legare il pianto all’esperienza reale, ne è spaventata e chiede il perché. Il suo corpo comunica l’emozione del pianto che lei non riesce però a sentire e a decifrare. Le viene detto che è il suo inconscio, il suo lato oscuro, che sta venendo fuori e che piano piano cercheremo di ascoltare.

Inizia a questo punto un altro periodo della terapia caratterizzato da frequenti emissioni di pianto che presto Marica legherà agli accadimenti della sua vita. Inoltre ella sta imparando ad eliminare lo stato di subventilazione causato da quelle tensioni interne che la scuola bioenergetica definisce come “corazza psicosomatica”.

La fiducia nel lavoro su di sé che sta facendo aumenta, è più aperta e coinvolta, le sue crisi di panico sono da tempo un vecchio ricordo speciale, dice speciale perché ella sente che ne può parlare avvertendo dentro di sé con forza che non le fanno più paura come invece accadeva un tempo.

Con l’apertura al pianto Marica appare più arricchita e maggiormente consapevole di vivere la sua vita emozionale in modo più accettante e partecipato. Ora può riferire e parlare di sé senza provare il senso di costrizione e senza significative variazioni brusche della sua respirazione ogni volta che affronta contenuti emozionali forti, è capace inoltre di dare ascolto ai suoi sentimenti, sa riconoscerli ed esprimerli.

Pubblicità

Dice di lei, verso le ultime sedute, “di essersi concessa il lusso di scendere i gradini della sua coscienza, di avere lì trovato delle cose che poi si sono rivelate elementi significativi che messi insieme e unificati hanno portato una luce nuova” dentro di lei e la vista di figure più chiare.

Scherzando paragona il lavoro che ha effettuato su di sé a quello dell’archeologo-speleologo che scendendo sempre più in profondità ha avuto la possibilità di trovare i pezzi che poi egli stesso ha unificato e messo insieme arrivando a dare senso, significato e nome al materiale rinvenuto.

Ad un incontro di controllo, dopo tre mesi dall’ultima seduta, apprendo con soddisfazione che sta bene. Dopo sei mesi mi chiama al telefono per farmi gli auguri di Natale.

Marica è stata sottoposta ad una forma di psicoterapia denominata “a doppio binario”, essa è consistita in una terapia di rafforzamento dell’Io tendente a far apprendere il controllo delle proprie dinamiche interne, da una parte e in una terapia del profondo dall’altra, allo scopo di approfondire la conoscenza di sé e raggiungere un cambiamento nella gestione delle dinamiche che hanno portato la paziente alla formazione dei processi di panico.

(Il caso clinico presentato ha subito modifiche allo scopo di rendere non riconoscibile la persona, alcuni fatti sono stati modificati senza alterare il significato della storia. La persona ha fornito l'autorizzazione).

 

(Articolo a cura del Dottor Alfredo Ferrajoli, Psicologo e Psicoterapeuta)

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: panico psicoterapia attacchi di panico alessitimia alfredo ferrajoli

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi sento fuori dal mondo (1565…

  carol, 28 Sono una neo mamma di 28 anni, brasiliana, vivo in italia da quando ne ho 10.Il mio disagio purtroppo mi segue da quando sono piccola. Al...

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Carla (1564835062431)

  carla, 30 Buongiorno, vi scrivo perché sto veramente male, sono fidanzata da 3 anni col il mio compagno con cui ho avuto una bambina pochi mesi fa ...

Area Professionale

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Articolo 28 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.28 (vita privata e vita professionale) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

Le parole della Psicologia

Apprendimento globale

L'appredimento globale riguarda il nostro modo personale di affrontare un problema. Come viene appreso l'ambiente intorno a sé e come vengono acquisite nuove...

Complesso di Elettra

Secondo la definizione di Carl Gustav Jung il complesso di Elettra si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con l...

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine ...

News Letters

0
condivisioni