Pubblicità

Perché non mi dà del tu, dottore?

0
condivisioni

on . Postato in Il lavoro della psicologia | Letto 2155 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Cosa accade agli adolescenti di oggi? Qual'è il loro desiderio o il loro progetto? E gli adulti, loro genitori, cosa hanno da offrire? Quale esempio, quale futuro? Una riflessione su domande e risposte dei/ai giovani di oggi.

Perché non mi dà del tu dottore? Adolescenti di oggi“Perché non mi dà del tu, dottore?” mi chiedeva insistentemente la ragazza ventitreenne che avevo di fronte.

Stavamo parlando ormai da una mezz’ora dei suoi problemi psicologici o meglio dei problemi che lei non aveva. Era venuta a parlare con me solo perché la madre aveva tanto insistito.

In fondo la vita le andava bene così: l’università interrotta perché troppo faticosa e competitiva, qualche lavoretto ogni tanto per pagarsi le spese, un mucchio di amici con cui divertirsi.

Che poi mangiasse troppo e si fosse molto appesantita era un aspetto passeggero: quando voleva sarebbe dimagrita con una dieta ad hoc.

I genitori le dicevano che era una succhiasoldi ma poi le davano comunque quello che chiedeva. In fondo, guadagnavano bene e non era un sacrificio troppo grosso.

L’unica cosa che la ragazza era disposta ad ammettere era la propria pigrizia: “Sono fatta così e me ne sono fatta una ragione”. Eppure quella domanda riproposta con insistenza, quel tu invocato e anzi preteso rivelava un aspetto nascosto.

La rappresentazione di giovane adulta, che il mio darle del lei sottintendeva, l’aveva fatta sentire respinta, spiazzata nella sua fantasia di proporsi e di essere considerata come una bambina da accudire.

Parlando di questo suo sentirsi offesa dal mio “lei” riuscimmo a capire che il problema era quello di aver congelato la sua vita nello stato di eterna bambina- adolescente, spaventata dalla crescita e dalle responsabilità che essa comportava.

Quando era passata dal mondo soffocante ma ben ordinato della scuola privata a quello più libero ma caotico della scuola pubblica si era spaventata e si era fatta bocciare. E anche le due facoltà universitarie che aveva frequentato non le avevano offerto stimoli adeguati al suo bisogno di essere orientata e sostenuta.

Mi confidò che avrebbe voluto fare la giornalista e che il suo sogno più grande era quello di avere una rubrica tutta per lei su cui scrivere qualcosa di testa sua, dalla A alla Z. Dallo spazio della rubrica alla possibilità di aprire uno spazio di colloquio con un adulto competente il passo fu breve e andò via più sollevata, con la promessa di ritornare la settimana dopo e un’ultima frase, un po’ sibillina: “Lei è l’unico psicologo che ho incontrato che non mi ha fatto piangere!”.

Mi sento spesso domandare quali sono i problemi prevalenti dei giovani di oggi. E talvolta mi viene in mente quella ragazza grande che pretendeva il tu. Sembra che oggi l’aspirazione di tanti ragazzi sia quella di passare il pomeriggio davanti ai cartoni animati che vedevano da piccoli, o di avere la macchinetta, così simile - anche se assai più costosa – a quella che guidavano quando erano bambini.

Pubblicità

Non trovano nella società quel calore, quell’affetto incondizionato che hanno sperimentato in famiglia. Si sentono in un mare aperto e troppo agitato, in cui le loro emozioni assumono contorni violenti e ingestibili. Non incontrano nessuno che li aiuti a traghettarsi dal mondo dell’adolescenza a quello della maturità.

Sono giovani che cercano di dare fissità al loro sguardo per contrastare la temuta precarietà del futuro. Si afferrano al passato e sono pronti a morire di nostalgia per quello che avevano e non hanno più ma scambiano la libertà e il dinamismo della vita con uno stato d’animo rassegnato e un po’ cinico.

Quando ci parli li trovi spesso sorpresi di fronte alla proposta di lavorare insieme per dare rappresentazioni più nitide della loro esistenza, mentre sono spesso disposti ad affermare che sono pigri, oppure orgogliosi; autodiagnosi ingenerose rispetto alle loro potenzialità ma che hanno il pregio di rispondere una volta per tutte alla domanda “Chi sono io? E cosa voglio?”.

Insomma, chiudono la partita prima ancora di averla giocata. Ma certo quante brutte partite vedono giocare da noi adulti a cui dovrebbero ispirarsi come modelli!

Molti giovani oggi vivono in uno stato di animazione sospesa. Ma se ci poniamo all’ascolto la loro sembra soprattutto una sfasatura, uno scollamento fra un passato, che conoscono fin troppo bene e uno stato futuro che gli riesce difficile da immaginare.

I genitori, i professori, gli adulti di riferimento devono impegnarsi a creare ponti per ridurre la discontinuità, parole per esprimere emozioni indicibili, criteri per analizzare e comprendere la realtà.

 

(A cura del Dottor Emilio Masina, Psicoanalista ordinario AIPsi e IPA)

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: genitori adolescenti adolescenza

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Voyeurismo

Il Voyeurismo (dal francese  voyeur che indica chi guarda, “guardone”)  è un disordine della preferenza sessuale. I voyeur sono quasi sempre uomini c...

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

Imprinting

L'imprinting è una forma di apprendimento precoce secondo la quale i neonati, nel periodo immediatamente successivo alla nascita, vengono condizionati dal primo...

News Letters

0
condivisioni