Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Psicologia della liberazione dalla dipendenza: oltre il sipario il palcoscenico, sul palcoscenico gli attori...

on . Postato in Il lavoro della psicologia | Letto 346 volte

Dopo poco più di dieci anni di clinica della tossicodipendenza, la psicologia può accennare a formulare riflessioni ed analisi sul proprio operato nel settore pubblico e privato.

Psicologia della liberazione dalla dipendenzaAll’inizio la professionalità psicologica ha ripercorso lo schematismo nosografico alla scoperta della nuova patologia: la dipendenza da sostanze.

Il modello clinico-nosografico di Kraepelin rivisto e corretto nel DSM3 e 4 ha spinto tutti alla ricerca dei sintomi correlati all’uso di particolari sostanze e all’analisi interpretativa sull’abuso e sulle modalità di abuso.

In questo campo si sono poi proposte le teorie e le tecniche psicoterapeutiche più svariate alla ricerca della guarigione dalla malattia. Il problema principale è sembrato quindi quello di definire il palcoscenico nosografico per potersi muovere bene nel rispetto della scientificità del modello clinico e per dimostrare poi la validità di teorie e tecniche più svariate con pretese terapeutiche psicoanalitiche, relazionali, comportamentali e quant’altro già si era sperimentato nel campo psichiatrico da parte della psicologia.

Si può ipotizzare una distinzione tra la posizione di un passato remoto, secondo cui la tossicodipendenza era un disturbo antisociale, quella di un passato recente di inquadramento nosografico di disturbo di personalità e la posizione attuale, secondo la quale si può parlare di nefasto utilizzo di sostanze a scopo autoterapeutico. L’uso di sostanze e la dipendenza da esse possono dare una risposta "valida" al panico derivante dalla percezione di cambiamenti, dall’angoscia della solitudine, dal terrore di non saper contenere le pulsioni provenienti da sfere inconsce. Il disagio e la sofferenza si sviluppano se si è costretti a rinunciare progressivamente ai propri potenziali di crescita per ricercare una sicurezza dal mondo esterno, che presenta la possibilità dell’uso e dell’abuso di sostanze a scopo "terapeutico". La ricerca di sicurezza per alleviare l’ansia diventa preponderante, portando l’individuo a rinunciare allo sviluppo del suo sé reale, ad essere compiacenti o aggressivi o distaccati. La costruzione di questo falso sé porta a modalità di rapporto con gli altri che determinano insoddisfazione e autodistruttività, aumentando l’ansia e la frustrazione, portando inevitabilmente ad una sofferenza insopportabile, dalla quale diventa utile fuggire con l’uso di sostanze. Il breve tempo d’effetto porta poi irrimediabilmente al ritorno dell’angoscia con lo sviluppo della dipendenza.

La dipendenza nelle persone definite "normali" è quella nei confronti del sé idealizzato, che permette la liberazione da sensazioni penose e insopportabili, impiegando le energie psichiche per la soddisfazione della brama di gloria, dell'esigenza di perfezione, dell'ambizione sfrenata e dell'esigenza di vendetta. Più ha bisogno di sentirsi sicuro, più le sue emozioni ed i suoi sentimenti vengono soffocati e svaniscono nell'indispensabile conquista del senso di sicurezza che il falso sé può dare. L'idealizzazione di se stesso riesce a fornire la sensazione di importanza e di supremazia mentale, diventando più reale del vero sé.

La dipendenza dall'uso di sostanze stupefacenti tenta l'individuo debole, insicuro e profondamente angosciato con l'offerta di sensazioni di benessere e di potere illimitato, funzionando simbolicamente come la tentazione demoniaca, che può agire su chiunque perché risponde al desiderio di aspirazione all'infinito e di poter risolvere nell'immediato qualsiasi difficoltà.

Questa facile via autoterapeutica conduce però inevitabilmente ad un inferno, caratterizzato dal disprezzo di se stessi e da ulteriori terrificanti tormenti psichici e fisici. Avviandosi su questa strada, la persona perde la possibilità di coltivare il vero sé. Le potenzialità restano in latenza ed il solo intravederle è fonte di sofferenza.

Pubblicità

Nell'ambito di questa tragedia si sviluppano le pretese del tossicodipendente, caratterizzate, come nello sviluppo nevrotico del falso sé, dall'egocentricità quale dominio delle esigenze e costrizione all'adesione alle proprie peculiari soluzioni. Di conseguenza è da considerare l'inutilità terapeutica della definizione di infantilismo riportata alla persona tossicodipendente e tanto più la futilità dell'invito a superare tali pretese. Se ha bisogno deve avere immediatamente la risposta e tutti devono capire e trovare il tempo da dedicare al suo problema; egli pretende di ottenere senza compiere i necessari sforzi e sacrifici. Questo spiega la scarsa cooperazione dei pazienti tossicodipendenti; anche quando sembrano rendersi conto delle loro pretese, continuano a chiedere particolari privilegi, sostenendo aggressivamente le loro richieste.

Il tossicodipendente trova quindi il soddisfacimento, temporaneo, ma anche ripetibile, delle proprie esigenze autoterapeutiche e risulta quindi difficile credere che possa rinunciare alle droghe con la rapidità e facilità pretese dagli operatori, rappresentanti della società dell'efficienza. Per di più neanche gli psicologi sono immuni dal concordare con la comune opinione sullo scopo voluttuario dell'uso di sostanze e non costituisce novità la difficoltà a riconoscere in chi soffre di tale problema la dignità di persona da curare.

L'atteggiamento del terapeuta verso il tossicodipendente condiziona profondamente il risultato. Talvolta l'atteggiamento negativo del terapeuta nasce dalla percezione della tossicodipendenza come "malattia autoprocurata"; inoltre l'impulsività, le tendenze manipolative, l'antisocialità determinano nello psicologo reazioni negative e di rigetto.

Se in qualsiasi processo psicoterapeutico talvolta l'uso di tecniche non solo è insufficiente a produrre un cambiamento, ma determina anche insuccessi, nello specifico del trattamento del tossicodipendente è fondamentale mettere in campo il proprio sé nella costruzione di un rapporto con la persona che, oltre la rappresentazione della tossicodipendenza, ha le caratteristiche descritte di perdita di consapevolezza delle potenzialità di sviluppo del vero sé.

Non è facile comunicare con il paziente ed è indispensabile essere preparati a delusioni ed amarezze per le sconfitte piuttosto che a pretendere la garanzia delle gratificazioni per i successi. Lo psicoterapeuta impreparato ai risultati negativi vive anche le ricadute durante il processo riabilitativo come ferite narcisistiche della propria onnipotenza, arrivando all'inattività tipica del conflitto fra l'immaginario onnipotente ed il vissuto dell'impotenza. La sperimentazione della propria capacità deve prevedere innanzi tutto l'accettazione della dimensione antropologica del rapporto con altri diversi da sé.

L'importanza e l'influenza del rapporto supera quelle della tecnica psicoterapeutica, dalla quale si rischia di pretendere nevroticamente il risultato.

La relazione empatica ha sicuramente più probabilità di successo.

Il rigetto emotivo della devianza e i pregiudizi non permettono la comunicazione con i tossicodipendenti. Pur non essendo necessario condividere la scelta di dipendenza da sostanze è possibile la sintonia sulla lunghezza d'onda di tale deviazione dal percorso di realizzazione del vero sé per percorrere il cammino verso il riconoscimento delle potenzialità sempre presenti ed in attesa di essere attivate.

Il lavoro clinico impone la convinzione che i sentimenti e le emozioni dello psicoterapeuta diventino lo strumento di lavoro in una terapia intesa come impresa di collaborazione.

Le fondamenta di un auspicabile e non preteso risultato sono la volontà di comprendere, l'interesse continuo, la fiducia nelle potenzialità della persona ed il considerare con interesse la sofferenza.

Chiunque può giungere alla maturazione, se però si assume la responsabilità di se stesso e si pone l'obiettivo della realizzazione del vero sé.

 

Dott. Sirolli Alessandro, Psicologo Dirigente - ASL N° 1 - Servizio Tossicodipendenze - Sulmona
Incaricato di psicoterapia presso la Scuola di Specializzazione in Psichiatria Università dell'Aquila

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

 

Tags: dipendenza tossicodipendenza

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine deriva dalla figura del satiro...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Personalità

“Esistono bisogni emotivi primitivi, esistono bisogni di evitare la punizione e di conservare il favore del gruppo sociale, esistono bisogni di mantenere l’armo...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

Complesso di Edipo

Il nome deriva dalla leggenda di Edipo, re di Tebe, che, inconsapevolmente, uccide il padre Laio e sposa la madre Giocasta. Nella teoria psicoanalitica, indica...

News Letters