Pubblicità

Psicoterapia e crisi esistenziali

0
condivisioni

on . Postato in Il lavoro della psicologia | Letto 974 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

È certo che la psicoterapia sia uno strumento utile nei diversi stati clinici e nelle varie patologie psicologiche. Ma come considerarla di fronte a tutti quei turbamenti dell’animo, pure profondi, che rientrano nella specie "esistenziale", ossia agli stati di demotivazione, di disorientamento, di perdita del senso della propria esistenza e del valore del vivere quotidiano?

psicoterapia e crisi esistenzialiPer rispondere soddisfacentemente a tale quesito occorre prima chiarire alcuni punti.

Gli stati di disorientamento esistenziale, di indefinibile disagio di fronte alla propria esistenza, possono essere considerati un effetto collaterale della civiltà moderna, nella quale l’uomo acquisisce la responsabilità individuale nelle scelte di vita e negli indirizzi del proprio pensiero.

Certamente essi non esistono nelle società di tipo arcaico, strutturate in modo tribale (collettivo). Li vediamo insorgere soprattutto nelle fasi cruciali della vita, in quei momenti in cui il nostro sistema di valori e la nostra concezione del mondo non bastano più a renderci ragione dello sforzo del vivere quotidiano, delle sue fatiche, delle sue sofferenze, dei suoi piaceri, del significato degli eventi, del senso degli avvenimenti che si intrecciano in esso.

La crisi del proprio sistema di valori e della propria concezione del mondo, più o meno articolata, risulta un momento cruciale, delicato, sovente decisivo nella biografia di un individuo. È il momento in cui un uomo (una donna) cambia le impostazioni della sua vita, rivoluziona il suo modo di pensare, rivede le sue posizioni di fronte a questioni che sembravano definitivamente acclarate, muta i suoi atteggiamenti, scopre nuovi interessi e abbandona i vecchi, trova nuovi valori, nuove ragioni, nuovi orizzonti.

La "crisi" è pertanto un momento potenzialmente positivo, e tale possiamo e dobbiamo considerarla se la vagliamo alla luce del suo possibile esito, del suo risultato finale: la trasformazione del vecchio in nuovo, il rinnovamento delle energie interiori, la rigenerazione dello spirito umano. Pensata in questa luce, la soluzione della crisi appare come la giustificazione del suo stesso formarsi: non conclusione virtuosa di una crisi accidentale, ma essenza stessa del problema, di cui la crisi rappresenta il confuso affiorare e la soluzione l’autentica presa di coscienza.

Questo tipo di interpretazione e il conseguente atteggiamento positivo consentono di agire sulla crisi in modo costruttivo e ne accelerano la risoluzione. Troviamo questo atteggiamento in alcune correnti della moderna ricerca psicologica, ma non in tutte, almeno non nella stessa misura e con la stessa chiarezza di pronunciamenti. È questa infatti una posizione di tipo teleologico (finalistico), in cui il fine dell’azione viene riconosciuto come "causa finale", ed è pertanto contrapposta alla posizione causalistico-meccanicista delle correnti di pensiero del positivismo ortodosso, per le quali un evento è soltanto il risultato dell’azione meccanica della somma degli eventi precedenti. Naturalmente, anche l’azione impostata sul pensiero meccanicista può portare ad una soluzione positiva: rimuovendo le cause del malessere, questo, quantomeno, si ridurrà, anche se rimarrà in ombra la sfera dei significati, di cui l’anima umana sembra proprio avere bisogno.

Pubblicità

Tra le scuole di pensiero ad orientamento finalistico in Psicologia, citiamo la triade di maggior interesse: la suola junghiana, quella frankliana e quella ispirata dalla pedagogia e dalla medicina ad orientamento steineriano. Tra quelle ad orientamento causalistico-meccanicista spicca la scuola comportamentista.

Possiamo ora rispondere in modo soddisfacente alla domanda iniziale: la psicoterapia risulterà generalmente utile nelle situazione di crisi esistenziale, ma ci sentiamo di affermare che in questi casi risultano particolarmente consigliabili quegli approcci che, per loro stessa impostazione, si dimostrano capaci di fornire risposte complesse e significative al bisogno di contenuti, di valori e di significati di cui è portatore, non sempre consapevolmente, l’individuo che si trova nel guado della crisi esistenziale.

 

Dott. Massimo Rinaldi, Psicologo psicoterapeuta - Roma

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: psicoterapia crisi esistenziali

0
condivisioni

Guarda anche...

Per saperne di più

La tecnica dell'EMDR

Desensibilizzazione e rielaborazione del ricordo traumatico La desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari (Eye Movement Desensitization Reprocessing), meglio nota come EMDR,...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Insonnia

L'insonnia è un disturbo caratterizzato dall'incapacità di prendere sonno, nonostante ce ne sia il reale bisogno fisiologico. ...

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

Tocofobia

Il termine tocofobia deriva dai due termini greci tocòs = parto e fobos (paura, timore). ...

News Letters

0
condivisioni