Pubblicità

Psicoterapia e Silenzio

0
condivisioni

on . Postato in Il lavoro della psicologia | Letto 2774 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (5 Voti)

La psicoterapia è un momento di interazione fra chi offre supporto professionale e chi ha bisogno di affrontare situazioni vissute come problematiche. In questo contesto è la parola che riempie di contenuti il tempo di lavoro ma in una seduta di psicoterapia, IL silenzio ha un valore ed un significato.

psicoterapia e silenzioAlcuni dei momenti più potenti della cosiddetta “talking cure” includono il non parlare.

Sembrerà strano, ma anche il silenzio acquisisce un suo valore importante durante la psicoterapia.

D'altro canto, il silenzio può riflettere un problema che si traduce in uno spreco colossale di tempo e di denaro quando si cerca, forzatamente o per inesperienza, di colmarlo con domande continue.

Generalmente si pensa alla psicoterapia come ad una conversazione stimolata tra due persone che lavorano insieme per capire cosa sta succedendo e perchè.

Il paziente/cliente solleva domande, preoccupazioni e osservazioni su sé stesso mentre lo psicoterapeuta chiarisce, sintetizza e fa collegamenti tra passato e presente o pensiero e comportamento.

Il più delle volte, la mancanza di parole non è il problema. Ma le parole non vengono sempre. In alcuni casi, parlare intralcerebbe pensieri o sentimenti profondi.

Altre volte le parole sono bloccate ed il cliente si sente bloccato. In primo luogo, è quindi importante comprendere i diversi momenti o situazioni in cui il silenzio può rivelarsi utile.

Esperienza emotiva

Non c'è sempre bisogno di affrettarsi nel tramutare i sentimenti in parole. A volte può bastare solo il provare un dolore profondo, rabbia o gioia senza parlare.

Il parlare può aiutare il cliente a tirar fuori dalle emozioni mentre nella sua testa si raccolgono i dettagli, le storie e le precedenti esperienze del sentimento.

Quando, ad esempio, un cliente arriva in seduta dopo aver perso una persona cara, l'emozione è pesante e le parole sono poche.

Realizzazione

La psicoterapia a volte fornisce momenti di intuizione che necessitano di qualche istante per acquisirne una reale consapevolezza. È quindi importante pazientare.

Essere Vs Fare

Alcune persone hanno un così forte bisogno di eseguire ed ottenere che fare nulla per pochi minuti può risultare il lavoro più difficile – e ricco – da eseguire in psicoterapia.

Ci sono molte persone che piacciono esternamente; potrebbero fissare l'obiettivo di non abbagliare lo psicoterapeuta con un problema intrigante, una storia drammatica o un'affascinante intuizione e accettare la situazione per quello che è.

Centratura

I clienti che provengono dal caos del lavoro, del traffico e delle relazioni possono richiedere alcuni minuti per riprendersi. Piuttosto che riempire lo spazio di chiacchiere, può dimostrarsi utile restare in silenzio.

Alcuni psicoterapeuti chiedono ai propri pazienti/clienti di arrivare in seduta dieci minuti prima per questo motivo, ma questo potrebbe anche non accadere o potrebbe essere troppo poco.

Va bene prendere qualche minuto per non fare altro che sedersi e godersi silenziosamente la compagnia. Quando il cliente si sentirà rilassato, inizierà da solo a parlare.

Ovviamente ci sono anche momenti in cui il silenzio può divenire motivo di preoccupazione per lo psicoterapeuta. In questi casi può presentarsi:

Ansia da prestazione: la terapia è un'esperienza stressante per molte persone. Si sentono come se fossero sotto i riflettori e sono così impauriti dal controllo che un altro potrebbe esercitare. Non c'è niente di positivo in questa forma di panico e quindi si potrebbe cercare di spostare l'attenzione da questa situazione.

Non so cosa dire: questo rappresenta un grosso problema, perchè molte persone non sanno di cosa dovrebbero parlare per ottenere l'aiuto che vogliono.

Di conseguenza non è facile comprendere i loro sintomi, accedere alle emozioni o parlare per “sbloccarli” durante la sessione psicoterapeutica.

Punizione: non tutta la psicoterapia è contraddittoria come nella Serie Tv “In treatment”, ma il conflitto o il risentimento occasionali sono abbastanza comuni.

I clienti potrebbero essere arrabbiati con il loro psicoterapeuta e decidere di adottare la pratica del silenzio per manifestare la loro rabbia o dispiacere.

Quasi sicuramente, un cliente che si muove in silenzio senza una ragione apparente probabilmente farà “contorcere” lo psicoterapeuta.

Pubblicità

Mentre potrebbe sentirsi bene per questa sorta di “vendetta” passiva, potrebbe comunque non essere efficace. In tal caso lo psicoterapeuta potrebbe invitare il cliente a completare la frase “non voglio parlare oggi perchè...”.

Eccessivo svelamento: a volte un cliente può avere un grande segreto che non ha mai detto a nessuno prima, e la sessione psicoterapeutica potrebbe rappresentare l'occasione per dirlo.

Si sente paralizzato dalla paura della reazione dello psicoterapeuta o di sentire se stesso pronunciare le parole. Quindi si siede in 'agonia', cercando di trovare il coraggio.

Lasciare che lo psicoterapeuta sappia che c'è qualcosa nella mente del cliente può aiutarlo ad alleviare il disagio.

Resistenza inconscia: la perdita di parole potrebbe provenire da luoghi profondi che vanno oltre la nostra consapevolezza.

Ralph Greenson, analista e presidente al Marilyn and Chairman of the Board, ha scritto che “il paziente può essere consapevole della sua mancanza di volontà, o può percepire solo che sembra non esserci nulla nella sua mente, per analizzare le ragioni del silenzio .. inseguiremo la sensazione di 'niente nella sua mente' (e chiederemo a noi stessi) ' Cosa potrebbe creare il nulla nella nostra mente?'”.

Questo approccio si basa sul presupposto che gli unici vuoti nella mente avvengano nel sonno più profondo, altrimenti il “nulla” è causato dalla resistenza.

Aggiunge anche qualcosa inerente il pensiero analitico della vecchia scuola:

A volte, nonostante il silenzio, il paziente può rivelare involontariamente il movente o anche il contenuto del suo silenzio con la sua postura, i movimenti o l'espressione facciale … se contemporaneamente il paziente è assente mentre sfila il suo anello nuziale dal suo dito e poi lo sfoglia ripetutamente sul mignolo, sembrerebbe che, nonostante il suo silenzio, mi sta rivelando che è imbarazzata dai suoi pensieri di sessualità o infedeltà coniugale. Il suo silenzio indica che non è ancora cosciente di quegli impulsi e della lotta continua tra l'impulso di scoprire e l'impulso opposto a seppellire quei sentimenti”.

In tal senso Ralph, sta mettendo in evidenza l'importanza di esplorare la comunicazione non verbale.

Quindi cosa si può fare quando le parole falliscono? Se si è veramente bloccati, è sempre bene chiedere aiuto allo psicoterapeuta.

Non bisogna sorprendersi se l'aiuto si presenta sotto forma di domande! Non sempre gli psicoterapeuti si sentono a loro agio durante il silenzio. Potrebbero sentirsi tentati di fare una domanda o interpretazione per alleviare la propria ansia.

Alcuni credono che restare in silenzio significhi non fare il lavoro nel modo migliore, ma imparare a restare in silenzio non è altro che una forma di rispetto verso ciò che il cliente non riesce a condividere in quel momento.

A tal proposito, Glen Gabbard raccomanda questo approccio:
Se le delicate domande sulle origini del silenzio non riescono a coinvolgere il paziente, un terapeuta potrebbe voler dire, ' Forse preferisce restare in silenzio qui con me'. Il terapeuta trasmette così non solo l'accettazione del silenzio, ma anche un messaggio che il paziente non è solo durante il silenzio”.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie paranoie (1579177546962)

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo t...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55 , 20 anni Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi per il servizio che offrite. Sono una ragazza di 20 anni. Non ho un partner fisso...

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Area Professionale

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Le parole della Psicologia

Sindrome dell’arto fantasma

Il dolore della Sindrome dell'arto fantasma origina da una lesione diretta o indiretta del Sistema Nervoso Centrale o Periferico che ha come conseguenza un...

Test di Rorschach

Test proiettivo che consente di tracciare un profilo di personalità attraverso le risposte verbali che un soggetto fornisce a una serie di stimoli ambigui. &...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

News Letters

0
condivisioni