Pubblicità

Bambini e competenze socio-emotive

0
condivisioni

on . Postato in Infanzia e adolescenza | Letto 4580 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (7 Voti)

La ricerca ha dimostrato che le competenze socio-emotive sono cruciali per il successo dei bambini, sia da un punto di vista sociale che accademico.

competenze socio emotive bambiniIn una famosa serie di studi, Walter Mischel e collaboratori hanno sottoposto un quesito a bambini di età scolare e pre-scolare.

“Immaginate di avere quattro anni; vi viene data la possibilità di scegliere se mangiare un marshmallow subito, o di riceverne due se si ha la pazienza di aspettare. Cosa fareste?”

Questa ricerca ha mostrato che i bambini che sono stati in grado di aspettare nel mangiare il marshmallow per ottenere un premio più grande, avevano più probabilità di ottenere buoni risultati a scuola e nelle loro carriere.

Questa capacità di ritardare la gratificazione e regolare le nostre emozioni e il nostro comportamento è una componente chiave di un insieme di competenze spesso definite come abilità socio-emotive.

In un mondo dove le competenze accademiche sono viste come la priorità, lo sviluppo delle competenze socio-emotive può non essere sempre in prima linea con ciò che viene veicolato dalla maggior parte dei genitori e degli insegnanti.

Tuttavia, la ricerca ha dimostrato che le competenze socio-emotive sono cruciali per il successo dei bambini, sia da un punto di vista sociale che accademico.

È bene quindi ora cercare di comprendere quali sono tali competenze; il Collaborative for Academic, Social and Emotional Learning ha individuato cinque competenze di base che sono ampiamente riconosciute come le capacità critiche socio-emotive:

Auto-consapevolezza, ossia la capacità di riconoscere le proprie emozioni e comprendere i legami tra emozioni, pensieri e comportamenti.

Auto-gestione, ossia la capacità di regolare le emozioni, i pensieri e i comportamenti.

Consapevolezza sociale, intesa come la capacità di assumere altre prospettive e dimostrare empatia.

Capacità relazionali, ossia la capacità di costruire e mantenere relazioni sane.

Processo decisionale responsabile, intesa come la capacità di fare buone scelte circa il proprio comportamento all’interno delle relazioni con gli altri.

Più nello specifico, le prime abilità socio-emotive sono legate a quanto diverremo più tardi nell’età adulta sia da un punto di vista sociale, emotivo, accademico e professionale.

Ad esempio, avere elevate competenze socio-emotive già alla scuola materna si pone come predittore di risultati importanti intorno ai 25 anni.

Questi risultati comprendono i successi educativi, come ad esempio il completamento di un diploma di laurea, i successi professionali, come ad esempio un aumento della probabilità di essere occupati.

In sintesi le competenze socio-emotive aiutano i bambini a persistere sui compiti impegnativi, a chiedere aiuto in modo efficace quando ne hanno bisogno e di essere attenti nelle loro azioni.

È importante sottolineare che le competenze socio-emotive possono essere insegnate; ciò è stato evidenziato in una grande review della letteratura sulle abilità socio-emotive su un campione di 270.034 bambini dell’asilo.

La review ha riscontrato che i programmi di apprendimento socio-emotivo nelle scuole non solo determinano un miglioramento di tale competenze, ma anche un aumento degli atteggiamenti positivi verso la scuola, dei comportamenti sociali positivi e nel rendimento scolastico.

Questi programmi hanno anche diminuito il rischio di esperire difficoltà e problemi emotivi. La review ha inoltre delineato cinque strategie per promuovere l’apprendimento socio-emotivo nei bambini:

Essere un buon modello di ruolo emozionale: i bambini apprendono a modellare il loro comportamento osservando persone che ammirano, come i loro genitori o gli insegnanti. Quanto i genitori modellano una varietà di emozioni e strategie di coping per gestire tali emozioni, i bambini imparano ad utilizzare modalità appropriate per gestire circostanze simili.

Pubblicità

Essere un “coach emozionale”: è importante parlare di emozioni ai bambini. Questo è utile anche per insegnare loro come etichettare le emozioni, affrontare e risolvere i problemi emotivi, nonché esprimere in modo appropriato le emozioni. Tale insegnamento è risultato associato ad una maggiore regolazione delle emozioni e comportamenti adattivi, così come minori livelli di comportamenti distruttivi.

Leggere libri con trame socio-emotive: attraverso tali letture si può fornire l’opportunità di apprendere e discutere argomenti socio-emotivi, che possono poi facilitare l’assunzione di nuove prospettive e la cooperazione. Chiedere ai bambini di “etichettare” e spiegare le emozioni dei personaggi della storia li aiuta ad imparare ed esprimere una varietà di emozioni.

Favorire l’autonomia: dare ai bambini la possibilità di scegliere li rende maggiormente autonomi e indipendenti, aumentando così il loro apprendimento socio-emotivo. Un rapporto genitore-figlio che li coinvolge nel lavorare insieme per risolvere i problemi, insegna ai bambini come negoziare e risolvere i problemi attraverso la cooperazione con l’altro, che a sua volta determina un miglioramento delle abilità sociali e una maggiore accettazione nei rapporti con i coetanei.

Utilizzare strategie di disciplina positive: è importante impostare delle regole, creare delle aspettative realistiche rispetto ai comportamenti, fornire degli avvertimenti sulle possibili conseguenze, offrendo lodi e incentivi per i comportamenti positivi e ignorando i comportamenti indesiderati. Il ricorrere a tali strategie è associato a livelli più alti di abilità socio-emotive. Quando i bambini assumono un determinato comportamento, è importante discutere con loro sugli effetti che quel comportamento potrebbe produrre sugli altri, al fine di promuovere l’empatia, l’assunzione di prospettive differenti e il comportamento pro-sociale.

I bambini hanno bisogno di ricevere tali insegnamenti e di avere la possibilità di praticare tali abilità, più o meno allo stesso modo con cui imparano a leggere e risolvere i problemi di matematica.

 

Tratto da PsychologyToday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: psicologia famiglia competenze socio-emotive

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Indecisione e paura di essere …

Dusy, 31 Purtroppo penso che la mia storia sia arrivata al termine. sono 10 anni che sono fidanzata di cui 4 di convivenza e prima di questa una storia, di...

Non so più cosa voglio (156899…

Giusy, 33 Buongiorno, scrivo perchè negli ultimi mesi ci sono stati degli accadimenti che hanno stravolto un pò la mia vita. ...

Area Professionale

Articolo 38 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.38 (decoro e dignità professionale) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana...

Articolo 37 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.37 (competenze e limiti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Attivo il Forum sul Test I.Co…

Attivato sul Forum di Psiconline uno spazio, esclusivamente riservato ai professionisti, dedicato alla conoscenza e al confronto sul Test del Confine del Sè (I...

Le parole della Psicologia

Acalculia

L'acalculia è un deficit di calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale la definì c...

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

News Letters

0
condivisioni