Pubblicità

Bambini sommersi dal digitale

0
condivisioni

on . Postato in Infanzia e adolescenza | Letto 628 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Uno dei problemi più diffusi nei bambini è che la tecnologia è diventata il loro desiderio più ambito. Non sarebbe una preoccupazione se la tecnologia non li isolasse dal loro mondo così tanto, ma dal modo in cui questa è utilizzata, non è sempre una ricompensa salutare.

Bambini sommersi dal digitaleAl giorno d'oggi, quasi tutti bambini che crescono in zone sviluppate, entrano sin da piccolissimi a contatto con la tecnologia.

Diverse sono le preoccupazioni che la letteratura ha evidenziato su questo argomento e su come l'uso di dispositivi elettronici influenzi l'educazione del bambino, dalla vista, all'attenzione, alla sicurezza emotiva e via dicendo.

Tuttavia, sono sempre meno le persone che riconoscono gli effetti dannosi che la tecnologia produce sul comportamento.

Se si allarga lo sguardo, non solo questa influisce sul comportamento dei bambini, ma influenza anche il comportamento degli adulti, che hanno radicalmente modificato la loro genitorialità e gli insegnamenti da impartire.

Uno dei problemi più diffusi nei bambini è che la tecnologia è diventata il loro desiderio più ambito. Non sarebbe una preoccupazione se la tecnologia non li isolasse dal loro mondo così tanto, ma dal modo in cui questa è utilizzata, non è sempre una ricompensa salutare.

I bambini, prima dell'avvento tecnologico, lavoravano sodo per guadagnare il privilegio di giocare all'aperto o con dei giocattoli preferiti, ma ora, stanno lavorando per guadagnare il privilegio di utilizzare strumenti elettronici.

Quando il tempo da dedicare allo schermo è idolatrato, automaticamente diminuisce il confronto faccia a faccia. Il giocare all'aperto o creare nuovi giochi con quelli che si hanno già a disposizione scende in ultima posizione nell'elenco delle priorità.

L'ideale diventa, in modo schiacciante, il fissare uno schermo per sentirsi intrattenuto. I bambini non ricercano più situazioni o ambienti per divertirsi, perché sono in grado di disattivare le parti attive del loro cervello per divertirsi.

Non per colpa loro, ma hanno perso un enorme pezzo della loro capacità di affrontare la noia. Questa reazione causa-effetto rende l'apprendimento in classe più difficile per i bambini, il che causa frustrazione, insicurezza e scelte negative.

Sono meno in grado di utilizzare le abilità sociali acquisite per mantenere conversazioni con i loro coetanei.

Pubblicità

Ciò li porta a evitare l'interazione tra pari, l'incapacità di esprimere emozioni agli altri e il desiderio di sfuggire alle attività di gruppo.

Il più grande problema con la tecnologia nel comportamento infantile, tuttavia, sembra essere l'aspettativa che ogni bisogno o desiderio può essere (e dovrebbe essere) realizzato immediatamente.

La gratificazione immediata diventa la norma, al posto del piacere. Gli oggetti possono essere acquistati con un semplice clic. I pacchetti possono arrivare anche in meno di 24 ore. Intere stagioni di spettacoli televisivi possono essere guardati in poco tempo senza dover aspettare ogni settimana per il loro arrivo.

E i videogiochi possono essere “giocati” a velocità di elaborazione più elevate rispetto a qualsiasi altro giocattolo.

Ritardare la gratificazione è divenuta quindi un'abilità che molti bambini non sono più costretti a imparare. Quando un bambino non può avere quello che vuole, o quello per cui sta lavorando, viene subito travolto, divenendo triste, frustrato e irritabile.

È qualcosa di più del semplice capriccio che si rintraccia nell'infanzia, perché l'ipotesi del dover aspettare - a cui non si è abituati - produce un senso di “panico” e sopraffazione.

La tecnologia è indubbiamente sorprendente e utile, ma ha alcuni aspetti negativi che sarebbe stato difficile prevedere 30 anni fa.

Questo non significa che bisognerebbe eliminarla, ma monitorarla più da vicino soprattutto quando si parla di bambini.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Due mondi diversi [16092338958…

  Morfea23, 21 anni     Da circa 4 mesi sto con un ragazzo totalmente  opposto al mondo in cui da sempre vivo, per situazione famil...

Autostima? [161290462495]

    Buonasera! vi scrivo perche' alla soglia dei 50 anni mi rendo conto di non aver mai portato a termine i molti progetti professionali e pers...

Genitori separati [16127752256…

Lalli, 57 anni     Buongiorno, spiego in breve la mia situazione, sono divorziata e convivo con mio figlio ed il mio compagno da 5 anni, il mio ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Akinetopsia

L'akinetopsia o achinetopsia è un deficit selettivo della percezione visiva del movimento. I pazienti con questo deficit riferiscono di vedere gli oggetti in...

Amnesia

Dal greco a-mnesis (non-ricordo), il termine amnesia indica la compromissione grave e selettiva della memoria a lungo termine (MLT), indipendente dal tipo di st...

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

News Letters

0
condivisioni